Una nave di lusso si è trasformata in un gigantesco problema di riciclaggio. Il Brasile ha intenzione di affondarlo.

Nel frattempo, la campagna ambientale si stava rafforzando. Alcuni giorni dopo aver lasciato la nave, i funzionari turchi hanno chiesto alle loro controparti brasiliane di fare un nuovo inventario dei materiali pericolosi. Insoddisfatti della risposta, i funzionari turchi hanno revocato il permesso di importazione.

La nave e il suo rimorchiatore, che a quel punto aveva raggiunto Gibilterra, dovettero tornare indietro. I gruppi ambientalisti la vedono come una grande vittoria.

Ma il viaggio del San Paolo non è ancora finito. Mentre si avvicinava al Brasile in ottobre, la Marina le ordinò di rimanere al largo della costa nord-orientale piuttosto che tornare a Rio de Janeiro, il suo porto di partenza.

A quel punto, dopo due traversate transatlantiche, la nave doveva essere attraccata per manutenzione. Ma la campagna ambientalista sembra aver funzionato molto bene. Funzionari locali terrorizzati in Brasile hanno fatto pressioni sui porti affinché non prendessero la nave, che è stata ripetutamente rifiutata. La Marina non ha mai introdotto regole proprie, per ragioni che i funzionari non hanno mai spiegato. Quindi, la nave e il rimorchiatore iniziarono a fare dei cerchi.

Passarono i mesi e quando cominciarono a comparire danni minori allo scafo, MSK Maritime Services & Trading, partner nel progetto di riciclaggio con Sok Denizcilik, si disperò. La compagnia aveva bisogno di un porto per riparare i danni e il rimorchiatore trasportava 20 tonnellate di carburante al giorno. A gennaio, MSK ha riferito di aver perso 5 milioni di dollari per il progetto.

I gruppi ambientalisti si sono detti sconcertati dal fatto che la Marina non avrebbe recuperato la nave e si sono rifiutati di spiegare perché non l’avrebbe fatto. In base alla Convenzione di Basilea, i paesi sono tenuti a reimportare i rifiuti tossici che non sono in grado di esportare con successo. Gli attivisti affermano che il Brasile sta violando l’accordo non permettendo alla nave di attraccare. I funzionari lo negano sulla base del fatto che la nave si trova in acque brasiliane.

READ  Stanco Papa Francesco dice che deve fare un passo indietro dai viaggi o forse andare in pensione

La Marina brasiliana non ha risposto alle ripetute richieste di commento per questo articolo. in Discorso preparatoHa detto che sebbene non sia proprietaria della nave, ha seguito il caso con interesse e che i proprietari della nave non hanno ancora soddisfatto i requisiti per il permesso di ormeggio.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply