L’esercito americano sta ottenendo un accesso esteso alle basi filippine nel tentativo di contrastare la Cina



Cnn

Le Filippine daranno agli Stati Uniti un accesso esteso alle sue basi militari dopo che giovedì i due paesi hanno offerto alle forze americane una base strategica vicino all’autonoma Taiwan sul bordo sud-orientale del Mar Cinese Meridionale.

L’accordo recentemente annunciato darà agli Stati Uniti l’accesso ad altre quattro sedi nell’ambito dell’Accordo di cooperazione rafforzata per la difesa (EDCA) fino al 2014, consentendo la rotazione delle truppe per un totale di nove basi nelle Filippine.

Gli Stati Uniti hanno intensificato gli sforzi per espandere le proprie opzioni di sicurezza indo-pacifiche negli ultimi mesi tra le crescenti preoccupazioni per la posizione territoriale aggressiva della Cina nella regione.

Il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Liad Austin, che ha visitato Manila giovedì, ha affermato che gli Stati Uniti e le Filippine sono impegnati a rafforzare le capacità reciproche per contrastare gli attacchi armati.

“Questo fa parte dei nostri sforzi per modernizzare la nostra alleanza. Questi sforzi sono particolarmente importanti in quanto la Repubblica popolare cinese continua a portare avanti le sue rivendicazioni illegali nel Mar delle Filippine occidentali”, ha affermato Austin, riferendosi alla maggiore presenza della Cina nelle acque vicino alle Filippine.

Austin non ha fornito l’ubicazione dei siti in cui l’esercito americano otterrà un nuovo accesso.

L’annuncio di giovedì segue accordi militari statunitensi di alto profilo in tutta la regione, compresi i piani per condividere tecnologie di difesa con l’India e piani per schierare nuove unità marine statunitensi nelle isole giapponesi.

La scorsa settimana il Corpo dei Marines degli Stati Uniti ha aperto una nuova base a Guam, un’isola statunitense strategicamente importante a est delle Filippine. Il luogo, noto come Camp Plas, è la prima nuova base navale in 70 anni e si prevede che un giorno ospiterà 5.000 Marines.

READ  Guida definitiva per acquistare una stufe elettriche olimpia splendid nel 2022 - I migliori 40 compilati!

Un maggiore accesso alle basi militari nelle Filippine porrebbe le forze armate statunitensi a meno di 200 miglia da Taiwan, un’isola governata democraticamente di 24 milioni di abitanti che il Partito Comunista Cinese rivendica come parte della sua sovranità, sebbene non l’abbia mai controllata.

Il presidente cinese Xi Jinping ha rifiutato di escludere l’uso della forza militare per portare Taiwan sotto il controllo di Pechino, ma l’amministrazione Biden rimane ferma nel suo sostegno all’isola ai sensi del Taiwan Relations Act, in base al quale Washington accetta di cedere l’isola. Con un mezzo di autodifesa senza coinvolgere le truppe statunitensi.

A novembre gli Stati Uniti Il vicepresidente Kamala Harris ha visitato le Filippine Alcuni esperti hanno affermato che la sua visita al presidente recentemente eletto Ferdinand “Bong Bong” Marcos Jr. per discutere dell’ampliamento dell’accesso alla base statunitense ha inviato a Pechino un messaggio ambiguo secondo cui le Filippine si stanno avvicinando agli Stati Uniti, invertendo la tendenza sotto il precedente presidente Rodrigo Duterte.

Washington e Manila sono legate da un trattato di mutua difesa firmato nel 1951 che rimane in vigore, rendendola la più antica alleanza bilaterale nella regione per gli Stati Uniti.

Oltre all’espansione dell’EDCA, gli Stati Uniti stanno aiutando le Filippine a modernizzare le proprie forze armate e le hanno incluse come nazione pilota in un’iniziativa di sensibilizzazione sul dominio marittimo. I due paesi hanno recentemente concordato di tenere insieme più di 500 attività durante tutto l’anno.

Le Filippine hanno annunciato all’inizio di questo mese che 16.000 truppe filippine e statunitensi parteciperanno all’esercitazione annuale Poligathon dal 24 al 27 aprile.

READ  Dow Jones Futures: l'ondata di guadagni di Apple, l'aumento dei tassi della Fed incombe; cosa fare adesso

L’esercitazione “include un’esercitazione a fuoco vivo per testare un sistema d’arma appena acquistato negli Stati Uniti e nelle Filippine”, secondo l’agenzia di stampa statale filippina.

Le relazioni formali americane con le Filippine risalgono al 1898, quando Madrid cedette il controllo della sua colonia nelle Filippine agli Stati Uniti come parte del Trattato di Parigi, che pose fine alla guerra ispano-americana.

Le Filippine rimasero un territorio statunitense fino al 4 luglio 1946, quando Washington le concesse l’indipendenza, ma la presenza militare statunitense rimase nella nazione dell’arcipelago.

Il paese ospitava due delle più grandi installazioni militari statunitensi all’estero, la base aerea di Clark e la stazione navale di Subic Bay, che hanno sostenuto lo sforzo bellico degli Stati Uniti in Vietnam negli anni ’60 e all’inizio degli anni ’70.

Entrambe le basi furono trasferite al controllo filippino negli anni ’90 dopo la scadenza dell’accordo sulla base militare del 1947 tra Washington e Manila.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply