Riavvio del Large Hadron Collider alla ricerca della materia oscura

Lo strumento è costituito da un anello di 27 chilometri (16,7 miglia) di circonferenza, che è costituito da magneti superconduttori raffreddati a -271,3 °C (-456 °F) – che è più freddo di Spazio. Funziona rompendo insieme piccole molecole per consentire agli scienziati di osservarle e vedere cosa c’è dentro.
Può sembrare roba da fantascienza, ma il collisore rinnovato alla fine consentirà all’umanità di guardare materia oscuraI fisici sperano.
Nel 2011, il Large Hadron Collider, situato a 100 metri sotto terra presso l’Organizzazione europea per la ricerca nucleare (CERN), ha aiutato gli scienziati a dimostrare l’esistenza di una particella subatomica chiamata bosone di Higgs – Che si crede sia un elemento costitutivo essenziale dell’universo, risalente al Big Bang, miliardi di anni fa.

L’Organizzazione europea per la ricerca nucleare (CERN) ha affermato sul suo sito Web che i magneti del collisore “premono” su piccole particelle facendole frantumare, cosa che poi gli scienziati notano.

Queste particelle sono così piccole che il loro rivestimento rompersi insieme, ha detto il CERN, “è come sparare a due aghi a 10 chilometri di distanza con una tale precisione che si incontrano a metà strada”.

I miglioramenti al collisore significano che gli scienziati saranno in grado di studiare il bosone di Higgs “in grande dettaglio”, ha affermato il CERN in un comunicato stampa venerdì.

Un team di esperti spera ora di poter distruggere più particelle insieme con l’obiettivo di comprendere i misteri della materia oscura, una massa invisibile ed elusiva che non può essere vista perché non assorbe, riflette o emette luce.

Un processo complesso e carico di tensione

Si pensa che la materia oscura costituisca la maggior parte della materia nell’universo ed è stata precedentemente scoperta grazie alla sua capacità di creare distorsioni gravitazionali nello spazio esterno.

READ  La prima missione speciale sulla stazione spaziale tornerà finalmente a casa

Gli scienziati si concentreranno anche sugli esperimenti di cui sperano di aumentare le loro conoscenze sugli sciami di raggi cosmici, che si verificano quando minuscole particelle dallo spazio entrano in contatto con l’atmosfera e poi “cadono” sulla Terra, afferma il CERN.

Il Large Hadron Collider è stato lanciato per la prima volta nel settembre 2008 ed è stato chiuso per tre anni per l’aggiornamento. Il riavvio è stato un processo complicato.

Rendy Sternberg, responsabile delle operazioni della sala di controllo, ha detto a Reuters all’inizio di questa settimana che accenderlo “provoca un certo senso di nervosismo e nervosismo”.

“Non è un cuore su un bottone”, ha detto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply