Sei americani e due passeggeri australiani di una nave da crociera sono rimasti bloccati su un'isola africana dopo che la compagnia di crociere norvegese ha rifiutato di farli salire a bordo della nave.

Notizie dagli Stati Uniti

Otto passeggeri norvegesi, tra cui una donna incinta e un uomo anziano affetto da problemi cardiaci, affermano di essere rimasti bloccati su un'isola africana senza soldi e medicine vitali dopo che la nave aveva lasciato il porto senza di loro.

Jill e Jay Campbell, della Carolina del Sud, hanno detto di essere rimasti bloccati sull'isola centroafricana di Sao Tome con altri quattro passeggeri americani e due australiani dopo che il capitano della nave si era rifiutato di lasciarli salire a bordo. Secondo WMBF.

Ma un portavoce della compagnia di crociera ha affermato che i passeggeri sono stati lasciati sull'isola “da soli o durante un tour privato” e hanno perso “l'intero tempo della crociera”.

Impedire a un passeggero di salire a bordo della nave. ABC Notizie 4
Una coppia di Garden City è rimasta bloccata a 5.960 miglia dalla loro casa nella Carolina del Sud. Jill e Jay Campbell

“Gli ospiti sono responsabili di garantire il ritorno alla nave all'orario annunciato, che viene ampiamente comunicato tramite il sistema di interfono della nave, nelle comunicazioni quotidiane e pubblicato appena prima di scendere dalla nave”, ha affermato il portavoce.

La famiglia Campbell ha ammesso che c'è stato un “problema” con il tour dell'isola e che la guida “non ci ha riportato” alla nave in tempo venerdì.

“Dicevamo che il nostro tempo era molto breve, e loro dicevano: 'Nessun problema, possiamo riportarvi tra un'ora'”, ha raccontato Jay alla guida turistica.

Ha detto che i tour operator hanno poi chiamato il capitano della nave da crociera per fargli sapere che avrebbero subito ritardi.

Un passeggero anziano abbandonato. Jill e Jay Campbell

Quando sono arrivati ​​al porto, Campbell ha detto che la nave era ancora ancorata e la guardia costiera dell'isola li ha portati in barca su una nave per risalire a bordo.

READ  Il GOP presenta il disegno di legge sulla sicurezza nazionale come parte finale del pacchetto di aiuti per l'Ucraina

Il capitano avrebbe rifiutato di farli salire a bordo dell'aereo.

“Il capitano avrebbe potuto prendere la decisione semplice di riportare indietro una delle scialuppe, prenderci, caricarci in sicurezza e poi proseguire”, ha detto Campbell.

“Non avevano alcun porto in cui fare scalo il giorno successivo e stavano semplicemente dirigendosi verso il mare.”

Loro e altri – tra cui una coppia del Delaware, un uomo paralizzato e un anziano con problemi cardiaci – sono rimasti bloccati sull’isola senza nessuno dei loro effetti personali nella cabina, inclusi denaro, medicine e documenti di viaggio necessari.

Alcuni passeggeri sono rimasti bloccati. Jill e Jay Campbell

I Campbell erano gli unici ad avere una carta Visa con sé e hanno dovuto pagare più di 5.000 dollari per cibo, articoli da toeletta e hotel per il gruppo, hanno detto a WRAL.

In una dichiarazione aggiornata di sabato, un portavoce di Norwegian Cruise Line ha osservato: “Gli ospiti sono responsabili di tutti i costi di viaggio necessari per raggiungere la nave al successivo porto di scalo disponibile”.

Sapendo questo, il gruppo ha programmato di recarsi in Gambia, nell'Africa occidentale, per incontrare la nave da crociera nel porto domenica.

Hanno poi trascorso 15 ore viaggiando attraverso sei paesi per raggiungere il porto di Pasqua, solo per scoprire che la nave non poteva attraccare a causa della bassa marea. Secondo il WPDE.

I passeggeri si stanno ora dirigendo verso un porto del Senegal, dove la nave attraccherà martedì.

Ma farlo non sarà facile.

Otto passeggeri di una nave da crociera sono rimasti bloccati su un'isola africana. AP

“Quello che abbiamo osservato era una sorta di camion che trasportava otto persone, inclusa la donna paralizzata, che stava uscendo di qui”, ha detto Jay al WPDE.

READ  Netanyahu ha licenziato Deri "con il cuore pesante" dopo che la Corte Suprema ha ribaltato il ministro condannato

Ha aggiunto: “Dobbiamo attraversare il traghetto per raggiungere il Senegal”. “Avevamo appena saputo dal signore che il traghetto non funzionava, ma lui ha detto: 'Nessun problema, se il traghetto non funziona, prenderemo un'altra piccola barca e poi prenderemo un'auto dall'altra parte.'

“Una volta arrivati ​​dall’altra parte del Senegal, ci vorranno altre quattro ore di macchina”.

Tuttavia, Jay ha detto che ne è valsa la pena.

“Abbiamo pagato molto per questo viaggio in Africa, quindi speriamo di poter fare il resto del viaggio e finire in Spagna”, ha detto alla WBMF.

Nella sua dichiarazione aggiornata di sabato, un portavoce norvegese ha affermato che sono “in contatto con gli ospiti” e stanno lavorando “a stretto contatto con le autorità locali per comprendere i requisiti e i visti necessari se gli ospiti vogliono ricongiungersi alla nave”. Porta di comunicazione disponibile.”

Il Post ha anche contattato Norwegian Cruise Lines per un commento.

Carica altro…




https://nypost.com/2024/04/01/us-news/6-american-2-australian-cruise-ship-passengers-stranded-on-african-island-after-norwegian-cruise-refused-to- Lasciali salire a bordo/?utm_source=url_sitebuttons&utm_medium=site%20buttons&utm_campaign=site%20buttons

Copia l'URL di condivisione

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply