Sotto pressione, Biden consente all’Ucraina di usare le armi statunitensi per colpire la Russia

Il presidente Biden, sotto la pressione dei suoi massimi assistenti alla sicurezza nazionale e degli alleati europei, ha permesso all’Ucraina di effettuare attacchi limitati all’interno della Russia con armi di fabbricazione americana, aprendo quello che potrebbe essere un nuovo capitolo nella guerra in Ucraina, hanno detto giovedì funzionari statunitensi.

La decisione di Biden sembra rappresentare la prima volta che un presidente degli Stati Uniti autorizza attacchi militari limitati contro artiglieria, basi missilistiche e centri di comando all’interno dei confini di un avversario dotato di armi nucleari. Tuttavia, i funzionari della Casa Bianca hanno insistito sul fatto che l’autorizzazione si estende solo a quelle che hanno descritto come azioni di autodifesa, in modo che l’Ucraina possa proteggere Kharkiv, la sua seconda città più grande, e le aree circostanti nel nord-est dal prolungato lancio di razzi. Bombe e proiettili d’artiglieria da oltre confine.

“Il presidente ha recentemente incaricato la sua squadra di garantire che l’Ucraina sia in grado di utilizzare le armi fornite dagli Stati Uniti per scopi di controllo del fuoco nella regione di Kharkiv, in modo che l’Ucraina possa rispondere alle forze russe che la stanno attaccando o si preparano ad attaccarla”, ha detto un funzionario americano. . Lo afferma un comunicato diffuso dall’amministrazione. La dichiarazione continua: “La nostra politica riguardo al divieto dell’uso dei sistemi ATACMS o degli attacchi a lungo raggio all’interno della Russia non è cambiata”, riferendosi al sistema di artiglieria fornito all’Ucraina, che ha la capacità di raggiungere in profondità il territorio russo.

All’interno della Casa Bianca, le deliberazioni di Biden erano tenute strettamente, note solo a un gruppo molto ristretto di assistenti. Ma la settimana scorsa, il New York Times ha rivelato che il segretario di Stato Antony Blinken è tornato da un viaggio di veglia a Kiev e ha detto in privato al presidente che il suo divieto di 27 mesi di lanciare armi statunitensi sul suolo russo ora mette a rischio parti dell’Ucraina. Ha detto che i russi approfittano del divieto imposto dal presidente e lanciano continui attacchi da un rifugio sicuro all’interno dei confini russi.

READ  Putin si aspetta che Xi visiti presto la Cina; Xi mantiene il suo piano in Ucraina

A quel punto, Jake Sullivan, consigliere per la sicurezza nazionale del presidente, aveva cominciato a cambiare opinione, hanno detto alti funzionari. Lo stesso hanno fatto gli alleati degli Stati Uniti: settimane fa la Gran Bretagna ha consentito all’Ucraina di utilizzare i sistemi missilistici Storm Shadow a lungo raggio per lanciare attacchi ovunque in Russia, e recentemente Francia e Germania hanno preso la stessa posizione. Lo stesso ha fatto Jens Stoltenberg, segretario generale della NATO.

La decisione arriva dopo settimane di discussioni con gli ucraini dopo che la Russia ha iniziato una grande offensiva su Kharkiv.

Poiché Kharkiv è così vicina alla Russia, il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha ripetutamente esercitato pressioni su Biden e i suoi collaboratori affinché avessero il diritto di reagire all’interno della Russia. Biden ha ignorato queste richieste per mesi, temendo che l’uso delle armi americane avrebbe aggravato il conflitto e messo gli Stati Uniti in uno scontro diretto con la Russia.

Quando si pentì, lo fece nel modo più ristretto. Funzionari statunitensi hanno affermato che il permesso di Biden era riservato solo all’Ucraina per colpire siti militari in Russia utilizzati per attaccare la regione di Kharkiv. Agli attacchi della Russia in altre aree – anche vicino alla capitale Kiev – non si può rispondere con l’uso delle armi americane.

Un alto funzionario statunitense a Washington ha affermato che la politica dell’amministrazione che vieta all’Ucraina di utilizzare armi di fabbricazione statunitense per lanciare attacchi “a lungo raggio” all’interno della Russia non è cambiata.

La decisione di Biden è stata riportata giovedì scorso da Politico.

Funzionari statunitensi hanno affermato che il Pentagono ha il compito di fornire all’Ucraina linee guida precise su ciò che può colpire in Russia. In realtà è stato trasmesso dal Segretario alla Difesa Lloyd J. Austin III al generale Christopher J. Cavoli, comandante a quattro stelle del Comando Europeo degli Stati Uniti e Comandante Supremo Alleato in Europa. I funzionari hanno detto che è stato il generale Cavoli a trasmettere la decisione all’Ucraina.

READ  WestJet ha cancellato 407 voli dopo uno sciopero a sorpresa dei sindacati

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply