Tutto quello che abbiamo osservato durante l’emozionante quarto test della navicella spaziale di SpaceX

Il razzo Starship da 120 tonnellate non solo ha preso il volo durante il suo quarto volo di prova, ma è anche tornato in entrambe le fasi, con l’atterraggio del booster nel Golfo del Messico e lo stadio superiore che ha assistito a un ritorno caotico. Questo test avvicina il veicolo di sollevamento super pesante al raggiungimento della riutilizzabilità.

Test di volo integrato del veicolo spaziale 4 Era un libro straordinario, se non solo per la vista mozzafiato del razzo bombardato di plasma nel suo ritorno attraverso l’atmosfera terrestre.

La navicella spaziale Starship è stata lanciata giovedì 5 giugno per il suo quarto volo di prova.

La navicella spaziale Starship è stata lanciata giovedì 5 giugno per il suo quarto volo di prova.
immagine: SpaceX

SpaceX ha lanciato il suo razzo Starship dalla struttura Starbase della compagnia a Boca Chica, in Texas, giovedì alle 8:50 ET. Il razzo era caricato con più di 10 milioni di libbre (4.500 tonnellate) di propellente.

Un razzo Starship sulla rampa di lancio della Starbase a Boca Chica, Texas.

Un razzo Starship sulla rampa di lancio della Starbase a Boca Chica, Texas.
immagine: Immagini C&G

L’ascesa del razzo è avvenuta senza intoppi, anche se uno dei suoi 33 motori Raptor non si è acceso poco dopo il lancio. I due test precedenti del razzo hanno visto tutti i 33 motori funzionare nominalmente durante i voli. I motori erano una preoccupazione dopo il primo volo di prova della Starship il 20 aprile 2023 Diversi motori si sono guastati durante il lancio Il missile è esploso pochi minuti dopo il decollo. Questa volta, il guasto al motore non ha influenzato il volo di prova dell’astronave, ma potrebbe essere stato un problema per quanto riguarda l’affidabilità del motore.

Dopo il decollo, la navicella spaziale ha eseguito con successo una separazione dello stadio caldo, spegnendo tutti i motori Raptor Super Heavy Booster tranne tre e accendendo i sei motori Raptor del secondo stadio prima della separazione. La navicella spaziale ha quindi gettato in mare il booster e il convertitore di fase calda. Secondo SpaceX, le future versioni dello stadio superiore disporranno di un adattatore per stadio caldo integrato, eliminando la necessità di smaltire l’hardware dopo la separazione dello stadio.

Dopo la separazione, il booster Super Heavy ha eseguito una manovra di ribaltamento e atterraggio che lo ha inviato verso la zona di atterraggio. Ecco di cosa si tratta: il ritorno della bellissima navicella spaziale.

La navicella spaziale negli istanti immediatamente successivi al lancio.

La navicella spaziale negli istanti immediatamente successivi al lancio.
Immagine dello schermo: SpaceX

“Il carico utile per questi test di volo sono i dati”, ha affermato SpaceX libri SU

IL L’ultima volta che il razzo è salito in cielo Era il 14 marzo. Durante questo volo, la navicella spaziale ha eseguito con successo una fase di separazione, ha completato la combustione completa dei motori del secondo stadio, ha dimostrato il trasferimento interno di carburante alla NASA e ha testato la porta del distributore Starlink. La missione durò 1 ora e 49 minuti prima che lo stadio superiore si disintegrasse in pezzi durante il rientro.

La navicella spaziale si separa dal booster.

La navicella spaziale si separa dal booster.
immagine: SpaceX

Questa volta il razzo è sopravvissuto a un rientro controllato. La navicella spaziale ha superato con successo il picco di riscaldamento e la massima pressione aerodinamica, utilizzando i suoi flap per controllare il veicolo mentre scendeva nell’atmosfera a velocità supersoniche. Molte delle 18.000 piastrelle dello scudo termico del veicolo furono spazzate via durante il rientro, e uno dei pannelli anteriori del veicolo in particolare fu visto lottare per la sua vita in filmati drammatici catturati dalle telecamere montate sul razzo.

SpaceX ha posizionato sottili piastrelle di scudo termico e ne ha rimosse altre due prima del lancio del razzo per misurare il calore in quelle aree senza piastrelle e per testare le opzioni di protezione termica, secondo la società. Le riprese del rientro hanno mostrato in modo drammatico quanto sono diventate calde le cose per il razzo durante la sua discesa, mentre il plasma copriva il veicolo mentre scendeva.

Parafango anteriore strappato durante l’atterraggio.
Immagine dello schermo: SpaceX

Nonostante il caldo, la navicella ha continuato la sua discesa controllata ed ha effettuato un’accensione prima di atterrare nell’Oceano Indiano circa 65 minuti dopo il decollo. “Nonostante fossero mancanti diverse piastrelle e una copertura danneggiata, la navicella spaziale è riuscita ad atterrare senza problemi nell’oceano!” L’amministratore delegato di SpaceX, Elon Musk libri Su X. Rocket Billionaire Ha aggiunto Che il problema della copertura deve essere risolto per il prossimo volo della Starship. Ha dichiarato: “La versione più recente della Starship ha i flap anteriori spostati verso il vento. Ciò contribuirà a migliorare l’affidabilità, la facilità di produzione e il carico utile in orbita”.

I precedenti voli di Starship hanno stimolato indagini da parte della Federal Aviation Administration, ma questa volta SpaceX potrebbe essere al sicuro. Ciò potrebbe significare che presto vedremo il lancio di un altro prototipo di Starship, pronto per un altro spettacolo.

Vuoi saperne di più sul progetto spaziale di Elon Musk? Dai un’occhiata alla nostra copertura completa di Il gigantesco razzo Starship di SpaceX E il Un’enorme costellazione di satelliti Internet di SpaceX Starlink. E per ulteriori viaggi nello spazio nella tua vita, seguici X Un segnalibro personalizzato per Gizmodo Pagina del volo spaziale.

READ  Segni d'acqua su Marte potrebbero effettivamente essere un'indicazione di qualcos'altro

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply