Nolan Siegel sostituisce Agustin Canapino alla IndyCar Road America dopo un incidente di abuso online

ELKHART LAKE, Wisconsin – Nell’ultimo colpo di scena di una brutta saga che coinvolge abusi e odio sui social media, Augustin Cannabino “si prenderà una vacanza” dalla Dallara-Chevrolet n. 78 del Juncos Hollinger Racing questo fine settimana a Road America.

Il vincitore della gara Indy NXT Nolan Siegel, che ha tentato di correre nella Indy 500 il mese scorso dopo aver fatto il suo debutto in IndyCar nell’apertura della stagione 2024, farà il suo secondo inizio di carriera al posto di Canabino.

“La crescita degli abusi e delle molestie online derivanti dagli eventi di questa settimana ha comportato un’esperienza estremamente difficile per Canabino, il team, l’intera base di fan di IndyCar, la sicurezza di Augustin e il team di gara”, ha dichiarato Juncos Hollinger Racing in una nota. Il resto dei concorrenti dovrebbe essere preso in considerazione innanzitutto. Abusi, odio e molestie in qualsiasi forma sono dannosi per lo sport e dobbiamo dare priorità alla salute mentale e fisica sia dei nostri piloti che dei concorrenti.

“L’abuso online è inaccettabile e dobbiamo assicurarci che i nostri piloti siano preparati mentalmente e fisicamente quando salgono in macchina”, ha affermato Brad Hollinger, comproprietario di Juncos Hollinger Racing.

“Siamo rattristati dagli eventi che hanno portato a questo scenario”.

Ironicamente, la dichiarazione della squadra non includeva alcun riferimento al comproprietario della squadra Richardo Juncos.

Mentre le prove di IndyCar venivano trasmesse su Peacock, Georgia Heneberry di NBC Sports ha riferito che Cannabino era in pista venerdì prima che la squadra mettesse Siegel in macchina.

NBCSports.com ha parlato esclusivamente con il team manager di Juncos Hollinger, David O’Neill, della decisione di ritirare Canapino dalla Chevrolet dopo che Siegel ha completato il suo primo allenamento con la squadra venerdì pomeriggio a Road America.

READ  L'Arsenal Women è in tournée negli Stati Uniti per la prima volta in assoluto | Notizia

“È successo così in fretta”, ha detto O’Neal a NBCSports.com. “Quello che stiamo facendo è prenderci cura dei nostri dipendenti. Augustin è un dipendente e stiamo monitorando la situazione dalle tre di domenica a Detroit. Abbiamo rilasciato la nostra dichiarazione che non ne parleremo più. Abbiamo fatto quello che dovevamo fare. Siamo rimasti convinti di non perdonare gli abusi incrociati.” Internet.

“Naturalmente, non c’è niente che tu possa fare davvero. Sta solo peggiorando sempre di più per qualche motivo e sta iniziando a influenzare Agostino.

“A quel punto dovevamo analizzare bene tutta la situazione e capire come si sentiva e se era pronto per un fine settimana come questo e se poteva impegnarsi.

“Con il passare della settimana, ci siamo avvicinati sempre di più a prendere una decisione. In termini di tempistica, abbiamo preso la decisione intorno all’una di pomeriggio di oggi. Abbiamo parlato con lui e gli abbiamo raccontato tutti gli abusi mentali che stai subendo, noi” Ti chiameremo per farti scendere dall’auto questo fine settimana, cosa che abbiamo fatto.

O’Neill ha ammesso che Canapino non voleva scendere dalla macchina e voleva competere nel Gran Premio XPEL di questa settimana a Road America, nonostante il tumulto internazionale in cui si trova il pilota argentino.

“Come tutti, è un pilota e voleva correre”, ha continuato O’Neill. “Dobbiamo pensare anche all’aspetto della sicurezza, e se sarà preparato per questo. Eventuali errori commessi lì, che li commetta o meno, sono un rischio. Questo è il nostro lavoro, dobbiamo prendere delle decisioni abbiamo preso una decisione ponderata, quindi l’abbiamo seguita.

Una settimana già turbolenta per JHR è diventata ancora più caotica dopo 20 minuti dall’inizio della sessione, quando Romain Grosjean, alla guida dell’auto numero 77 del team, si è scontrato per primo con la barriera di pneumatici della curva 14. Grosjean stava bene dopo l’incidente.

Questa decisione arriva all’indomani dell’incidente avvenuto domenica scorsa al Gran Premio di Detroit. Il pilota della Arrow McLaren Theo Bourchier, che è stato penalizzato dopo essersi scontrato con una cannabis durante una gara, ha detto di aver ricevuto abusi online e minacce di morte da parte dei fan della cannabis.

Sia Arrow McLaren che JHR hanno rilasciato dichiarazioni in cui condannano l’odio online. Ma giovedì, Arrow McLaren ha interrotto la sua alleanza strategica con JHR in seguito all’attività sui social media di Cannabino, che ha pubblicato di essere stato oggetto di abusi anche lui e ha anche messo mi piace a diversi post in cui si chiedeva se Bourchier avesse ricevuto minacce.

“Questa decisione fa seguito ad azioni avvenute all’inizio di questa settimana sui social media in relazione a un incidente in pista”, ha affermato Arrow McLaren in una dichiarazione che annuncia la fine dell’alleanza JHR. “Come stabilito nel Codice della comunità dei social media del team, Arrow McLaren non tollererà alcuna forma di abuso o discriminazione e condanna assolutamente gli abusi online diretti al nostro team e al nostro pilota.”

O’Neill ha detto a NBCSports.com che la fine dell’alleanza tra le due squadre rappresenta una grave battuta d’arresto per Juncos Hollinger.

“È sicuramente un duro colpo per noi”, ha ammesso Hollinger. “Dobbiamo solo rimetterci in sesto e superare questa situazione. Apprezziamo l’alleanza e, lavorando insieme, abbiamo fatto un buon lavoro. È un peccato che sia giunto al termine”.

READ  Diana Taurasi è stata espulsa da Phoenix in anticipo in cambio di Sky

“Ci sono due team Chevy là fuori. Stiamo ancora ruotando dalla scorsa settimana. La cosa principale da fare è stabilizzare la squadra. Abbiamo 60 o 70 persone qui che contano su di noi per prendere le buone decisioni. La decisione giusta sarà essere fatto, ma non ci siamo ancora.”

“Sì, sarebbe carino, ma non abbiamo ancora fatto nulla.”

Giovedì IndyCar ha anche rilasciato una dichiarazione: “Nessuno dovrebbe essere vittima di abusi o minacce online. IndyCar ha contattato entrambe le squadre per discutere la questione e ha ribadito la nostra posizione clima e condannano fermamente le evidenti violazioni della condotta online.

JHR ha dichiarato nella sua dichiarazione di venerdì che “sta lavorando direttamente con IndyCar per creare una comunità migliore per i nostri fan, piloti e membri del team, uniti per rendere IndyCar uno sport gradito per tutti”.

È la terza volta nelle ultime due stagioni che Canabino è coinvolto in un caso di abuso di guida online. L’anno scorso, l’ex compagno di squadra Callum Ilott È stato minacciato dopo essere stato coinvolto in incidenti con la cannabis a Long Beach e al WeatherTech Raceway Laguna Seca.

“Non hai alcun controllo sulle cose sui social media, soprattutto quando si tratta di paesi”, ha spiegato O’Neill. “È come una partita di calcio. Se tifi per una squadra e tifi per una squadra e viene fischiato un rigore, che tu sia d’accordo o meno, e viene segnato un gol, la chiamata resta valida e non c’è niente che tu possa fare. fare al riguardo.

“Non possiamo controllarlo. Possiamo solo sopravvivere, comprenderlo e continuare a controllarlo e cercare di controllare la nostra gente.

Nolan Siegel si prepara per le sue prime prove libere con il team Juncos Hollinger Racing – foto di Bruce Martin

Siegel fu subito messo in azione. Mentre le prove del venerdì stavano per iniziare, l’equipaggio stava lavorando febbrilmente per preparare il sedile e i pedali dell’auto per adattarli al nuovo pilota. È stato necessario apportare modifiche e il pilota della Indy NXT è stato in grado di scendere in pista e completare 18 giri lungo il percorso stradale di 4.014 miglia e 14 curve. Il suo miglior giro è stato di 137,488 mph.

Alex Palou di Chip Ganassi Racing è stato il più veloce a 140.063 mph sulla DHL Honda n. 10 seguito da Colton Herta di Andretti Global a 139.955 mph sulla Gainbridge Honda n. Santino Ferrucci dell’AJ Foyt Racing è arrivato terzo a 139,804 mph sulla Chevrolet n. 14 dell’AJ Foyt Racing.

“In pista, penso che la sessione sia andata molto bene”, ha detto Siegel in seguito. “Non abbiamo avuto problemi a superare ciò che volevamo ottenere. Ho fatto progressi in ogni uscita. Non è la cosa più semplice in cui entrare e spingere forte dall’inizio è molto impegnato e molto veloce, quindi mi sono preso il mio tempo per mettermi al passo e sento che tutto è andato liscio e ora abbiamo una buona base su cui lavorare.

“Ora sento che possiamo andare avanti bene con il fine settimana. Potrò incontrare tutti perché avevo solo 15 minuti per prepararmi. Non è una situazione facile ma sono davvero felice di essere qui ed entusiasta di lavorare con la squadra.

O’Neill ha detto che Siegel era il miglior pilota disponibile in pista e poteva essere pronto per la sessione di prove libere di venerdì in così poco tempo.

“Sicuramente aiuta e ovviamente ci sono molti piloti che non sono in pista”, ha spiegato O’Neill. “Abbiamo avuto mezz’ora per mettere insieme il tutto. Ha esperienza, è un giovane pilota intelligente ed è il futuro.

“Penso che Nolan abbia fatto un ottimo lavoro. Non è stato troppo lontano. L’esperienza che ha avuto in pista, saltando da un’altra vettura, è stata completamente diversa e qui la pista non ha alcun controllo , ed è qualcosa a cui si è abituato molto rapidamente. “Dobbiamo supportarlo questo fine settimana, mettergli una buona macchina e vedere cosa può fare con essa.”

Dato che Theo Pourchaire di Arrow McLaren era il giovane pilota che ha dovuto affrontare l’odio e gli abusi online da parte dei fan di Canapino in Argentina, NBCSports.com ha tentato di parlare sia con il team principal della Arrow McLaren Gavin Ward che con Pourchaire.

Il team PR di Arrow McLaren non ha reso disponibile Bourchier e ha detto che Ward era “sopraffatto”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply