Un adolescente russo rischia anni di prigione per un post sui social media che criticava la guerra in Ucraina



Cnn

Olesya Krivtsova sport counter-metterlo in Un tatuaggio su una caviglia e un braccialetto che segue ogni suo movimento sull’altra.

Un 19enne della regione russa di Arkhangelsk deve indossare il dispositivo mentre è agli arresti domiciliari dopo essere stato accusato di post sui social media che le autorità definiscono diffamatori l’esercito russo e giustificare il terrorismo.

Funzionari russi hanno aggiunto Krivtsova all’elenco di terroristi ed estremisti, insieme a ISIS, Al Qaeda e talebani, per aver pubblicato una storia su Instagram su Esplosione sul ponte di Crimea A ottobre ha anche criticato la Russia per aver invaso l’Ucraina.

Anche Krivtsova, una studentessa dell’Università Federale del Nord (Artico) nella città nord-occidentale di Arkhangelsk, è accusata di aver diffamato l’esercito russo per aver presumibilmente ripubblicato la guerra in una chat studentesca sul social network russo VK.

Attualmente, Krivtsova è agli arresti domiciliari nell’appartamento di sua madre a Severodvinsk, nella regione di Arkhangelsk, con il divieto di andare online e utilizzare altri mezzi di comunicazione.

“Il caso di Olesya non è il primo, e nemmeno l’ultimo”, ha detto alla CNN Alexei Kishin, l’avvocato di Krivtsova.

Kishin ha detto che l’adolescente rischia fino a tre anni di carcere per aver diffamato l’esercito russo e fino a sette anni di carcere ai sensi dell’articolo sulla giustificazione del terrorismo. Tuttavia, la difesa legale di Krivtsova spera in una punizione più leggera come una multa.

Olesya Krivtsova, ritratta durante un'udienza in tribunale, è ora agli arresti domiciliari nell'appartamento di sua madre.

Monitor indipendente per i diritti umani Informazioni sull’OVD Ha detto che almeno 61 casi sono stati archiviati in Russia nel 2022 accusati di giustificare il terrorismo su Internet, di cui 26 finora.

READ  Biden e Kishida, il primo ministro giapponese, si incontrano per discutere del crescente potere della Cina

La madre di Olesya, Natalia Krivtsova, afferma che il governo sta cercando di lanciare un avvertimento al pubblico, con sua figlia “pubblicamente frustata” per non aver tenuto per sé le sue opinioni.

“Viviamo nella regione di Arkhangelsk ed è un’area vasta ma molto lontana dal centro. Non ci sono più proteste ad Arkhangelsk, quindi stanno cercando di soffocare tutto ciò che è rimasto nella sua prima fase”.

Aleksandr Novikov, un capo locale del Partito Comunista, ha preso in giro l’adolescente alla televisione di stato, definendola un’idiota che dovrebbe essere mandata in prima linea nella regione orientale del Donbass in Ucraina in modo che possa “guardare negli occhi” del combattimento militare come parte di il battaglione di Arkhangelsk.

Questo non è il primo incontro di Olesya Krivtsova con le autorità per aver pubblicato pubblicamente le sue opinioni. Lo scorso maggio, ha affrontato accuse amministrative per aver diffamato l’esercito russo distribuendo manifesti contro la guerra.

Le cose sono diventate ancora più serie quando è stata accusata di aver diffamato l’esercito russo sui social media lo scorso ottobre. Secondo l’avvocato di Krivtsova, la ripetizione del reato ai sensi dello stesso articolo si trasforma in un procedimento penale.

“Ha un forte senso della giustizia, che le rende la vita difficile. L’incapacità di rimanere in silenzio è ora un grande peccato nella Federazione Russa”, ha detto sua madre alla CNN.

Olesya Krivtsova è stata vista ammanettata.

Secondo Natalya Krivtsova, il 26 dicembre la polizia ha fatto irruzione in un appartamento dove viveva sua figlia con il marito Ilya, costringendo i giovani a sdraiarsi sul pavimento e minacciandoli con una mazza, a cui gli agenti le hanno detto “ciao” da Gruppo Wagnerun appaltatore militare privato guidato da Yevgeny Prigozhin.

READ  Attivisti per il clima spruzzano olio nero su un dipinto di Klimt a Vienna

La CNN ha contattato la Polizia di Stato di Arkhangelsk per un commento.

Olesya era molto spaventata perché ha visto il video in cui A Il prigioniero è stato ucciso con una mazzasua madre ha detto alla CNN.

Nel famigerato video a cui fa riferimento Natalia Krivtsova, i mercenari del gruppo Wagner, che recluta attivamente prigionieri, giustiziano un ex detenuto, Yevgeny Nozin, con una mazza dopo che ha tentato di fuggire dal suo posto. La descrizione del video recita: “Il traditore ha ricevuto una punizione wagneriana primitiva e tradizionale”.

“Lo stato ha delle politiche strane: i prigionieri vanno in guerra, i bambini vanno in prigione”, ha detto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply