Accordo sui migranti tra Regno Unito e Ruanda: il Regno Unito annuncia un piano controverso per inviare richiedenti asilo in Ruanda

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha descritto il piano come “un approccio innovativo, guidato dalla nostra comune spinta umanitaria e reso possibile dalle libertà della Brexit”, affermando che con l’aiuto del Regno Unito, il Ruanda avrebbe la capacità di reinsediare “decine di migliaia di persone in anni”. in arrivo.”

Intervenuto giovedì a una conferenza stampa congiunta nella capitale ruandese Kigali, Priti Patel, ministro dell’Interno britannico Ha detto che le persone trasferite in Ruanda “riceveranno supporto che include fino a cinque anni di formazione, integrazione, residenza e assistenza sanitaria, in modo che possano reinsediarsi e prosperare”.
Battaglia Ha anche definito il piano un “nuovo partenariato congiunto sulla migrazione e lo sviluppo economico”, affermando che il Regno Unito stava “facendo investimenti significativi nello sviluppo economico del Ruanda”.

Patel ha insistito sul fatto che l’accordo avesse lo scopo di migliorare il sistema di asilo del Regno Unito, che ha affermato di aver affrontato “un mix di autentiche crisi umanitarie e feroci trafficanti di esseri umani che traggono profitto sfruttando il sistema per il proprio tornaconto”.

Quando un giornalista ha chiesto informazioni sui criteri per il reinsediamento, Patel ha dichiarato: “Siamo molto chiari sul fatto che tutti coloro che entrano illegalmente nel Regno Unito saranno presi in considerazione per il reinsediamento e il trasferimento in Ruanda e non rivelerò criteri specifici per una serie di motivi”.

Il ministro degli Esteri ruandese Vincent Perrota ha dichiarato che il Ruanda è felice di lavorare con il Regno Unito.

Alla domanda se il Ruanda ha le infrastrutture per ospitare l’afflusso, Birota ha affermato che il paese ha la capacità di accogliere i migranti e investirà in nuove infrastrutture per educare e accogliere i migranti con il sostegno del Regno Unito.

READ  I legami della Russia con le società europee possono rendere dure le sanzioni

Perrota ha aggiunto che il programma sarebbe rivolto solo alle persone in cerca di asilo nel Regno Unito che si trovano nel Regno Unito e che “preferiscono non accogliere persone dai loro immediati vicini, come Repubblica Democratica del Congo, Burundi, Uganda e Tanzania. “

“commercia come merci”

L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha espresso “forte opposizione e preoccupazione” in merito al piano e ha esortato i due Paesi a riconsiderarlo.

“Le persone in fuga da guerre, conflitti e persecuzioni meritano simpatia e simpatia”, ha affermato in una dichiarazione l’assistente dell’alto commissario per la protezione Gillian Treggs. “Non dovrebbero essere barattate come merci e portate all’estero per essere trasformate”.

“L’UNHCR resta fermamente contrario agli accordi che mirano a trasferire rifugiati e richiedenti asilo in paesi terzi in assenza di garanzie e standard adeguati. Tali accordi semplicemente alterano le responsabilità in materia di asilo, eludono gli obblighi internazionali e sono contrari alla lettera e allo spirito del rifugiato Convenzione”, disse. Triggs.

L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha anche affermato che il piano aumenterebbe i rischi e indurrebbe i rifugiati a cercare percorsi alternativi, aumentando la pressione sui paesi in prima linea.

“L’esperienza mostra che questi accordi sono generalmente molto costosi. Spesso violano il diritto internazionale. Non portano a soluzioni, detenzioni su larga scala o ulteriore contrabbando”, ha detto al Times Radio britannico, il capo legale dell’UNHCR Larry Botnik. Giovedì.

Human Rights Watch ha fortemente criticato il piano e ha pubblicato un documento dalla formulazione forte affermazione.

“La terribile situazione dei diritti umani in Ruanda è ben documentata”, ha aggiunto.

“Il Ruanda ha precedenti di esecuzioni extragiudiziali, decessi sospetti in custodia, detenzioni illegali o arbitrarie, torture e processi arbitrari, in particolare nei confronti di critici e oppositori. In effetti, il Regno Unito ha sollevato direttamente le sue preoccupazioni sul rispetto dei diritti umani con il Ruanda, garantisce asilo ai ruandesi che sono fuggiti dal Paese, di cui quattro nell’ultimo anno”, aggiungendo che “in un momento in cui il popolo del Regno Unito ha aperto il proprio cuore e la propria casa agli ucraini, il governo sta scegliendo di agire in modo crudele e di fare a pezzi i loro obblighi verso gli altri in fuga da guerre e persecuzioni”.

READ  Un uomo in Germania ottiene 90 colpi di COVID-19 per aver venduto permessi falsi

Steve Valdez Symonds, direttore degli affari rifugiati e migranti di Amnesty International UK, ha descritto il piano come “orribilmente mal concepito”.

“Mandare persone in un altro paese – per non parlare di un paese con un così basso livello di diritti umani – per ‘processare’ l’asilo è il massimo dell’irresponsabilità e mostra quanto il governo sia lontano dall’umanità e dalla realtà ora in materia di asilo”, ha affermato Symonds in un affermazione.

Johnson ha affermato che, come parte del nuovo piano, la Royal Navy britannica avrebbe assunto il comando operativo dalla Channel Border Force “con l’obiettivo che nessuna barca raggiunga il Regno Unito senza essere rilevata”.

Ha aggiunto che la legge consente anche alle autorità britanniche di perseguire coloro che arrivano illegalmente con “l’ergastolo per chi guida barche”.

Il Canale della Manica, uno stretto corso d’acqua tra Gran Bretagna e Francia, è una delle rotte marittime più trafficate del mondo. Rifugiati e migranti in fuga da conflitti, persecuzioni e povertà nei paesi più poveri o dilaniati dalla guerra rischiano pericolose traversate, spesso su barche inadatte al viaggio e alla mercé dei trafficanti di esseri umani, nella speranza di cercare asilo o opportunità economiche in Gran Bretagna.

lo scorso novembre, 27 persone sono annegate Nelle acque fredde e mortali al largo delle coste francesi dopo che un gommone che trasportava migranti diretti in Gran Bretagna si è capovolto, in uno degli incidenti più mortali nel Canale della Manica degli ultimi anni.

Kara Fox e Helen Reagan della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply