Alti funzionari statunitensi Harris e Blinken negli Emirati Arabi Uniti dopo la morte del leader | Notizia

Una delegazione americana saluta il nuovo leader, lo sceicco Mohammed bin Zayed Al Nahyan, dopo la morte del presidente dello sceicco Khalifa bin Zayed.

Una delegazione di alto livello comprendente il vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris, il segretario di Stato Anthony Blinken e alti funzionari dell’esercito e dell’intelligence si è recata negli Emirati Arabi Uniti dopo la morte del presidente Sheikh Khalifa bin Zayed Al Nahyan.

Lunedì, alti funzionari americani hanno espresso le loro condoglianze per la morte dello sceicco Khalifa venerdì e hanno ricevuto il prossimo presidente, lo sceicco Mohammed bin Zayed Al Nahyan, che è stato eletto dal Consiglio supremo federale il giorno successivo.

E la vicepresidente degli Stati Uniti ha dichiarato in una dichiarazione dopo il suo incontro con lo sceicco Mohammed bin Zayed, che Harris ha evidenziato la “forza” della partnership tra i due paesi, descrivendola come “duratura” e ha affermato di guardare al futuro di la relazione sotto il nuovo leader. Al Nahyan.

Il robusto elenco della delegazione sottolinea la continua importanza di un alleato regionale degli Stati Uniti e sembra essere un tentativo dell’amministrazione del presidente Joe Biden di ricucire le relazioni che si sono deteriorate negli ultimi mesi.

Tra coloro che visitano il paese ci sono Harris, Blinken, il segretario alla Difesa Lloyd Austin, il direttore della CIA William Burns e l’inviato per il clima John Kerry.

“Gli Stati Uniti prendono molto sul serio la forza del nostro rapporto e della nostra partnership con gli Emirati Arabi Uniti”, ha detto Harris ai giornalisti prima di partire per il viaggio.

Ci si aspetta che i funzionari statunitensi affrontino le frustrazioni di lunga data sulla protezione della sicurezza degli Stati Uniti in Medio Oriente poiché negli ultimi anni Washington ha spostato sempre più il suo equipaggiamento militare dalla regione turbolenta verso Russia e Cina.

READ  L'Ucraina esclude il cessate il fuoco mentre infuria la lotta nel Donbass

Gli Emirati erano particolarmente frustrati da quella che vedevano come la mancanza di un forte sostegno degli Stati Uniti a seguito degli attacchi missilistici di gennaio degli Houthi yemeniti, alleati dell’Iran, ad Abu Dhabi.

Al momento del suo insediamento, l’amministrazione Biden ha sospeso un accordo multimiliardario di caccia F-35 negli Emirati Arabi Uniti che era stato approvato dall’ex presidente Donald Trump. In una rara ammissione pubblica a marzo, l’inviato degli Emirati Arabi Uniti a Washington ha riconosciuto che i due paesi stavano superando uno “stress test”.

Lo sceicco Mohammed bin Zayed, che è stato in gran parte dietro le quinte per anni durante la prolungata malattia del fratellastro, era irritato dal fatto che Biden non lo avesse contattato rapidamente dopo gli attacchi Houthi o avesse risposto con più forza ai ribelli yemeniti, secondo Reuters agenzia di stampa. menzionato.

Sono emerse tensioni anche sulla risposta degli Emirati Arabi Uniti all’invasione russa dell’Ucraina tra le pressioni degli Stati Uniti per evitare Mosca e pompare più petrolio per migliorare la stabilità nei mercati energetici, mentre l’Europa cerca di sbarazzarsi del greggio russo.

I funzionari degli Emirati hanno ampiamente respinto le pressioni statunitensi affinché prendano una linea dura contro la Russia, che rimane un importante partner commerciale.

Sottolineando l’importanza degli Emirati Arabi Uniti per gli alleati occidentali e arabi, un gruppo di presidenti e primi ministri si è recato ad Abu Dhabi durante il fine settimana per cementare i legami.

Il presidente francese Emmanuel Macron e il primo ministro britannico Boris Johnson sono stati i primi leader europei a recarsi nella capitale degli Emirati Arabi Uniti dalla morte dello sceicco Khalifa.

READ  Le forze russe combattono per assediare gli ucraini a est

L’Iran ha detto che anche il ministro degli Esteri Hossein Amirollahian si recherà nell’emirato lunedì.

Sebbene le visite degli Stati Uniti e dell’Iran possano coincidere, non esiste un piano per i funzionari di incontrarsi faccia a faccia mentre le potenze mondiali continuano a negoziare un ritorno all’accordo nucleare iraniano del 2015.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply