Novembre 27, 2021

Watchitalia.it

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Watch Italia

Biden solleva i diritti umani, G avverte della “linea rossa” di Taiwan in colloqui di tre ore

Washington/Pechino, 16 novembre (Reuters) – Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha esercitato pressioni sul suo presidente cinese sulla situazione dei diritti umani di Pechino. In una chiamata di tre ore Lunedì, quando Xi Jinping ha avvertito che la Cina avrebbe reagito alle provocazioni contro Taiwan, hanno detto i funzionari.

Il Conversazione osservata Tra i leader delle maggiori economie del mondo, entrambe le parti hanno cercato di ridurre la temperatura, entrambe le parti sono state descritte apertamente e direttamente. Ed evitare i conflitti.

I negoziati non hanno prodotto risultati immediati, ma hanno dato ai due leader la possibilità di recidere i legami dal gelido conflitto.

Hanno discusso della Corea del Nord, dell’Afghanistan, dell’Iran, dei mercati energetici globali, del commercio e della concorrenza, del clima, delle questioni militari, delle epidemie e di altre aree in cui spesso non sono d’accordo.

Xi, che non ha lasciato il suo paese da quando il COVID-19 si è diffuso in tutto il mondo quasi due anni fa, ha paragonato i due paesi a “due navi giganti che navigano in mare” e ha detto ai media statali cinesi che non dovrebbero scontrarsi.

“Signor Presidente, spero che lei possa usare la leadership politica per trasformare la politica degli Stati Uniti in Cina in una politica razionale e pragmatica”, ha detto Xi Biden a Xinhua.

Biden ha anche parlato di evitare il conflitto.

“Come leader di Cina e Stati Uniti, mi sembra che sia nostra responsabilità garantire che la nostra rivalità tra i nostri paesi non si trasformi in un conflitto di intenti o non pianificato”, ha detto Biden durante un breve scambio con i giornalisti statunitensi. “Concorrenza semplice e diretta”.

READ  LeBron James licenziato per aver accoltellato Isaiah Stewart nell'occhio; I giocatori di Lakers e Pistons si dividono ancora e ancora

Un alto funzionario degli Stati Uniti in seguito ha affermato che i due leader hanno avuto una “sana discussione”. Biden ha sottolineato l’importanza che la Cina adempia ai propri obblighi nell’ambito dei negoziati commerciali con il predecessore di Biden, Donald Trump, ha affermato un funzionario degli Stati Uniti.

La Cina è rimasta indietro nel suo impegno ad acquistare altri 200 miliardi di dollari in beni e servizi statunitensi, ma i funzionari cinesi hanno detto a Biden che è importante evitare di politicizzare la questione.

Funzionari statunitensi hanno affermato che i due leader hanno discusso misure per affrontare le forniture energetiche globali. Funzionari cinesi affermano che G ha accettato di aggiornare una “corsia preferenziale” per consentire ai funzionari commerciali statunitensi di venire in Cina.

Il funzionario statunitense ha affermato che non ci sono state controversie sul fatto che gli Stati Uniti invieranno gli inviati della Casa Bianca alle Olimpiadi invernali di Pechino a febbraio.

Uno schermo mostra un collegamento video del presidente cinese Xi Jinping che partecipa a un incontro virtuale con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden il 16 novembre 2021 in un ristorante a Pechino, in Cina. REUTERS / Tingshu Wang

Linea rossa per Taiwan

Le forti differenze su Taiwan sono diventate chiare dopo i colloqui.

Biden ha ribadito il supporto a lungo termine degli Stati Uniti Politica “Una Cina” Sotto di esso, la Casa Bianca riconosce ufficialmente Pechino più di Taipei e “si oppone fermamente ai tentativi unilaterali di cambiare la situazione attraverso lo stretto di Taiwan o minare la pace e la stabilità”, ha affermato la Casa Bianca.

Secondo Xinhua, i combattenti per la libertà a Taiwan e i loro sostenitori negli Stati Uniti stanno “giocando con il fuoco”.

“La Cina è paziente e cerca la riconciliazione pacifica con la massima sincerità e impegno, ma se Taiwan è provocata dai separatisti o attraversa la Linea Rossa, dobbiamo agire con decisione”.

READ  La Corea del Nord testa il primo missile del sottomarino in due anni

Nonostante Biden abbia sollevato “preoccupazioni molto chiare”, non è stato stabilito nulla di nuovo a Taiwan sotto forma di binari di sicurezza o altre intese, ha affermato un funzionario statunitense.

Xi si oppone agli sforzi di Washington per creare più spazio per Taiwan nella comunità internazionale e i recenti commenti di Biden secondo cui gli Stati Uniti proteggeranno Taiwan in alcuni casi hanno provocato tensioni.

La Cina rivendica l’isola come propria sovranità. Pechino ha promesso di portare l’isola sotto il controllo cinese, con la forza se necessario.

Rispondendo ai colloqui, il ministero degli Esteri taiwanese ha affermato di sperare che la Cina accetti la sua “responsabilità pubblica” di mantenere la pace attraverso lo stretto di Taiwan e risolvere le divergenze attraverso i negoziati.

Biden ha sollevato altre questioni che Pechino considera una sua preoccupazione interna, inclusa la gestione delle politiche della Cina, del Tibet, di Hong Kong e dello Xinjiang, che sono spesso censurate da gruppi per i diritti stranieri.

Biden e Shi non si sono incontrati faccia a faccia da quando Biden è entrato in carica come presidente, l’ultima volta che si sono parlati al telefono è stato a settembre. Il presidente degli Stati Uniti ha sorriso ampiamente quando il presidente cinese è apparso sul grande schermo della sala conferenze della Casa Bianca.

“Almeno parlano”, ha scritto Vellian Virando, economista della OCBC Bank di Singapore, durante i colloqui. “Sembra essere la principale aspettativa dei mercati mondiali quando si tratta di qualsiasi effetto definito – o del suo deficit”.

Relazione di Andrea Schall, David Brunstrom e Michael Martina a Washington e Yu Lun Dion a Pechino; Rapporto aggiuntivo di Gabriel Grossley, Ryan Woo, Tony Monroe e Trevor Hannigat; Scritto da Trevor Hannigat; Montaggio di Heather Timmons e Michael Perry

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

READ  I flash mob continuano a distruggere e conquistare i negozi di fascia alta a Los Angeles