Novembre 27, 2021

Watchitalia.it

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Watch Italia

Cambiamento climatico: la COP26 parla di un inizio minaccioso dopo un incontro di deboli leader del G20

Il primo ministro del Regno Unito Boris Johnson, che sta tenendo colloqui, lunedì avviserà l’umanità sui cambiamenti climatici.

“Manca un minuto alla mezzanotte e dobbiamo agire ora”, avrebbe detto nelle sue osservazioni di apertura, secondo i commenti inviati ai giornalisti.

“Dobbiamo passare dalle chiacchiere e dibattiti e dibattiti a un’azione integrata e reale su carbone, automobili, denaro e alberi. Più speranze, obiettivi e aspirazioni non sono preziosi, ma impegni chiari e tempistiche concrete per il cambiamento”.

L’incontro dei leader del G20, che si è concluso domenica a Roma, suggerisce che i leader stanno finalmente ascoltando la scienza, ma non hanno ancora l’unità politica per prendere le decisioni ambiziose necessarie per affrontare quel momento.

La COP26 riunisce circa 25.000 persone per uno dei più grandi eventi internazionali dallo scoppio dell’epidemia e ha ucciso centinaia di vite in luoghi inaspettati dopo un anno di maltempo, rendendo insicuri anche gli scienziati del clima.

Il L’ultimo rapporto sulla scienza del clima delle Nazioni Unite è stato pubblicato ad agosto Chiarito cosa deve accadere: per evitare gli effetti negativi della crisi climatica, limitare il riscaldamento globale a circa 1,5 gradi Celsius al di sopra delle temperature preindustriali. Per fare ciò, dovrebbe dimezzare le emissioni mondiali nel prossimo decennio e raggiungere lo zero netto entro la metà del secolo, dove le emissioni di gas serra non supererebbero la quantità rimossa dall’atmosfera.

Tutte queste lingue erano nel rapporto dei leader del G20 e per raggiungere lo zero netto entro la metà di questo secolo, molti Stati membri devono aumentare i loro impegni di riduzione delle emissioni, noti come contributi determinati a livello nazionale (NDC), in questo decennio. .

Tuttavia, la mancata fissazione di una scadenza per l’uso del carbone, che è il maggior contribuente al cambiamento climatico, e la necessità per tutti i paesi di garantire uno zero netto entro il 2050 (contro il 2060 di Cina, Russia e Arabia Saudita) significa che i paesi che utilizzano e producono combustibili fossili avranno ancora accordi globali su larga scala sui cambiamenti climatici.

READ  La star di "Real Housewives" Dorit Kemsley vista per la prima volta dopo la rapina, i co-protagonisti vengono a casa sua

In effetti, il tanto atteso nuovo impegno cinese sulle emissioni è stato presentato la scorsa settimana, più in parte rispetto al suo predecessore. Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha dichiarato domenica che lo zero netto non sarà forte fino al 2050. Il primo ministro australiano Scott Morrison non ha mostrato alcun interesse a consegnare il carbone alla storia. L’India non ha fatto alcun impegno netto zero e, come ha detto alla CNN il legislatore europeo Bas Eickhout, è uno dei pochi paesi contrari a fissare una data per il ritiro graduale del carbone.

Michael Mann, uno dei principali scienziati della Pennsylvania State University, è ottimista sul fatto che i leader abbiano accettato di aumentare le emissioni in questo decennio, ma l’importante è assicurarsi che tutti i principali emettitori abbiano piani per mantenere le temperature al di sotto di 1,5 gradi. .

“E il ‘divario di attuazione’ – cioè, colmare il divario tra ciò che i leader di stato hanno promesso nominalmente e ciò che stanno effettivamente facendo”, ha detto Mann.

Cos'è la COP26?  Conferenza chiave delle Nazioni Unite sul

Deer ha avvertito che la COP26 non dovrebbe essere un vertice per le tattiche dilatorie e ha affermato di essere ancora fiducioso che i leader del G20 accetteranno di emettere carbone come passo nei negoziati, anche se non sono riusciti a concordare la questione.

“La Conservative International Energy Agency ha dichiarato che non ci possono essere nuove infrastrutture per i combustibili fossili per evitare un pericoloso riscaldamento. Le nazioni del G7 sono determinate a eliminare gradualmente il carbone e smettere di sostenere nuovi progetti di carbone quest’estate”, ha detto Mann.

“Dobbiamo vedere un impegno simile da parte dei paesi del G20, incluso un programma rapido per l’eliminazione graduale del carbone”.

READ  I mercati delle materie prime sono ora in fiamme

Il rapporto del G20 promette di tagliare i finanziamenti del carbone all’estero entro la fine di quest’anno. All’Assemblea generale delle Nazioni Unite a settembre, il presidente cinese Xi Jinping ha annunciato la fine dei finanziamenti cinesi per il carbone internazionale, espellendo il più grande finanziatore globale per i progetti del carbone.

Helen Mountford, vicepresidente del clima e dell’economia presso l’Organizzazione mondiale delle risorse, ha affermato che l’accordo e gli attuali impegni sulle emissioni non sono abbastanza ambiziosi per evitare un riscaldamento globale più pericoloso e che è improbabile che molti paesi ottengano il proprio zero netto sulla strada giusta. Progetti.

“Per raggiungere l’obiettivo di 1,5 gradi Celsius, i paesi devono fissare obiettivi climatici per il 2030 che elenchino un percorso realistico per fornire obblighi a zero”, ha affermato in una nota.

“Attualmente, molti paesi del G20, tra cui Australia, Russia, Cina, Arabia Saudita, Brasile e Turchia, non sono su un percorso affidabile per raggiungere i loro obiettivi di zero”.

“Quasi non basta”

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha dichiarato domenica che “le mie speranze non sono state soddisfatte, ma non sono state sepolte”. Ha espresso la speranza che Glasgow possa ancora “mantenere vivo l’obiettivo di 1,5 gradi”.

I suoi commenti riflettono l’umore di molti alla COP26. Se il G20 non riuscirà a fissare una scadenza per il carbone e a non prendere un preciso impegno netto a zero, il coinvolgimento del mondo intero in quelle questioni chiave semplicemente non avverrà.

Quattro volte in tre anni l'alluvione ha distrutto la sua casa.  Questa è la realtà del cambiamento climatico per i poveri dell'India

C’è anche il problema della fiducia. I paesi sviluppati da oltre un decennio si sono impegnati a spostare 100 miliardi di dollari all’anno nel sud del mondo per aiutare la transizione verso economie a basse emissioni di carbonio e adattarsi al nuovo mondo della crisi climatica.

READ  Alabama contro. Punteggio Arkansas, da asporto: Price Young sconfigge Tight Hawks, cattura SEC West

Questo obiettivo non è stato raggiunto l’anno scorso e il rapporto sulla leadership della COP26 pubblicato la scorsa settimana mostra che non sarà raggiunto fino al 2023, con gli impegni attuali in mano.

L’ex presidente delle Maldive Mohammed Nasheed, che presiede il Climate Vulnerability Forum, ha lamentato la mancanza di azione nel rapporto del G20, in particolare sulla mancata eliminazione graduale del carbone. Le Maldive sono un paese importante nella crisi climatica e rischiano di sprofondare a causa dell’innalzamento del livello del mare entro la fine del secolo.

“Questo è un inizio positivo”, ha detto Nasheed in una nota. “Ma ciò non impedirà al clima di riscaldarsi oltre 1,5 gradi e devastare gran parte del mondo, comprese le Maldive. Quindi, chiaramente questo non è abbastanza”.

Zero netto, la graduale rimozione del carbone e la fornitura di finanziamenti per il clima saranno ancora una priorità per i negoziatori. L’accordo sulla fine della deforestazione e la riabilitazione entro il 2030 e l’accelerazione della transizione ai veicoli elettrici in tutto il mondo sono altre aree che possono rivelarsi di successo.

Tom Burke, co-fondatore del think tank sul clima E3G, era molto ottimista sul fatto che il rapporto del G20 mostrasse un cambiamento di pensiero tra i leader riguardo all’urgenza della crisi climatica.

“Il grande successo è questo spostamento che si concentra dal 2050 al 2030. Penso che questo sia un grande successo significativo”, ha detto alla CNN.

“Ci fa partire meglio di quanto ci aspettassimo. L’accordo politico raggiunto al G20 creerà uno slancio politico quando i leader si incontreranno per lanciare la COP”.