Come Vince McMahon della WWE ha ottenuto spietatamente il suo lavoro nonostante le accuse di violenza sessuale e uso improprio dei fondi dell’azienda


Washington
Cnn

Il wrestling professionistico è noto per le sue storie stravaganti e drammatiche che hanno affascinato generazioni. È una soap opera sportiva costruita su un dramma emotivo con lottatori che a volte tramano sullo sfondo per mesi solo per fare la loro mossa al momento giusto, suscitando reazioni folli da arene piene di fan che seguono ogni ritmo.

Ma l’epopea della vita reale che si è svolta nell’ufficio aziendale di World Wrestling Entertainment nelle ultime settimane è al di là di ciò che questi artisti e i loro co-protagonisti nel backstage potrebbero persino sognare.

Vince McMahon, la forza di lunga data dietro la WWE a livello aziendale e creativo, Incredibilmente, torna in azienda Il 10 gennaio, quasi sei mesi dopo Annunciando il suo ritiro. È stato affermato che McMahon avesse utilizzato i fondi dell’azienda per pagare milioni a diverse donne al fine di coprire l’infedeltà e le accuse di cattiva condotta sessuale.

Ma nel corso di pochi giorni la scorsa settimana, McMahon ha progettato il suo ritorno nel consiglio di amministrazione della compagnia, riconfigurandolo espellendo alcuni membri, sostituendoli con i suoi alleati e usando questo nuovo potere del consiglio per consolidarlo nella sua vecchia posizione. . Posizione di Presidente Esecutivo. Sua figlia – un’ereditiera aziendale che sembrava pronta ad assumere il lavoro per anni – ha lasciato.

Gli incredibili e rapidi sviluppi hanno fatto vacillare il mondo del wrestling, con voci di una vendita che brucia Wrestling Twitter e persone all’interno e all’esterno dell’azienda che si chiedono cosa significhi tutto questo per il futuro della WWE e del wrestling stesso.

A luglio, Vince McMahon, una forza sempre presente nella WWE e nel wrestling professionistico, l’uomo che ha rifatto il business al servizio di una visione che ha ribaltato generazioni di tradizioni, creando il proprio dominio, si è ritirato. O esci, a seconda di chi chiedi.

È stato un momento che molti fan e osservatori di wrestling non avrebbero mai pensato che sarebbe arrivato. Il presidente e amministratore delegato di lunga data della WWE era un manager così meticoloso che dormiva a malapena, raramente si prendeva una pausa e non smetteva quasi mai di dare il proprio contributo a ogni aspetto della produzione dell’azienda. Molti dei vecchi aderenti alla Compagnia presumevano che sarebbe morto in carica piuttosto che andare in pensione.

Ma una serie di rivelazioni sono state riportate per la prima volta sul Wall Street Journal A proposito di pagamenti finanziari silenziosi A molte donne coprire l’infedeltà e le accuse di cattiva condotta sessuale sembrava porre fine alla leggendaria rivalità di McMahon come capo della più importante compagnia di wrestling. Ulteriori segnalazioni sono arrivate a dicembrecon altre donne che accusano McMahon di violenza sessuale, sembra consolidare il suo status di definitivamente scomparso dalla WWE.

La WWE è sempre stata un’azienda di famiglia – il padre Vince McMahon ha passato le redini a suo figlio negli anni ’80 – e sembrava che sarebbe continuata così. La figlia di Vince McMahon, Stephanie, che ha preso un congedo dalla società poche settimane prima, è entrata nel ruolo di co-CEO con Nick Khan, un dirigente di lunga data nel settore dell’intrattenimento e dei media.

READ  Stephen Colbert parla di battute sulle voci d'amore, augura ogni bene a Kate Middleton

E Paul Levesque — il marito di Stephanie McMahon e wrestler professionista Hall of Fame lui stesso meglio conosciuto con il ring name, Hunter Hearst Helmsley, o Triple H — ha assunto la carica di Chief Creative Officer, mettendolo a capo degli eventi e sul ring della WWE, che il suo il suocero aveva corso da tempo.

Quel momento della scorsa estate ha segnato un cambiamento epocale per l’industria del wrestling professionistico.

Vince McMahon era più un re che un dirigente d’azienda nell’universo WWE, le sue impronte digitali su tutto. Attraverso le sue spietate pratiche commerciali, ha modellato l’industria a sua immagine, ha messo fuori mercato la maggior parte dei suoi concorrenti e ha trasformato la sua azienda in un il Destinazione di wrestling professionistico. Per più di due decenni ha avuto il monopolio dell’azienda.

Ma la sua produzione creativa ha vacillato negli ultimi anni. Le superstar che hanno lasciato la WWE hanno descritto un frustrante processo creativo dominato da McMahon che ha soffocato le loro visioni e ha portato a un prodotto omogeneo che sembrava a miglia di distanza dal periodo di massimo splendore dell’azienda alla fine degli anni ’90 e all’inizio degli anni 2000.

Poiché la stragrande maggioranza delle entrate dell’azienda proviene dai diritti televisivi, invece che i fan spendono soldi per biglietti o eventi pay-per-view, la necessità di dare alle persone ciò che vogliono è stata sostituita dalla produzione di contenuti. A volte sembrava che le decisioni creative di Vince McMahon avessero lo scopo di far incazzare e infastidire i suoi fan, poiché sembra che stia proponendo la sua visione di “intrattenimento sportivo”, che gli piaccia o no.

Il punto di svolta per molti è stato l’evento Royal Rumble del 2015. I fan chiedevano a gran voce che il loro preferito Daniel Bryan, uno dei lottatori più talentuosi del pianeta, vincesse il nome dell’evento. Per molti fan, la corsa di Bryan simboleggiava la speranza che la compagnia promuovesse i loro lottatori preferiti piuttosto che i lottatori selezionati da McMahon.

Ma Bryan è stato eliminato senza tante cerimonie nella prima metà della partita. La folla a Filadelfia ha fischiato per tutta la seconda metà, cantando il nome di Bryan e rifiutandosi di festeggiare quando Roman Reigns – ampiamente visto come la scelta di McMahon per essere il futuro dell’azienda nonostante l’apatia dei fan – ha vinto.

Il calo degli spettatori riflette questa perdita di speranza. Mentre gli ascolti televisivi sono generalmente diminuiti negli ultimi anni, con poche eccezioni, il declino della WWE ha superato il calo generale del pubblico complessivo e della fascia demografica chiave tra i 18 e i 49 anni, secondo lottaun sito Web che tiene traccia del lato commerciale del settore.

Una volta considerato un genio del wrestling, i critici hanno recentemente considerato Vince McMahon una responsabilità creativa. L’ascesa del duo Levesque e Stephanie McMahon-Khan sembrava segnalare la speranza che una nuova era stesse nascendo per la WWE e che il suo sistema creativo avrebbe finalmente ricevuto la tanto attesa iniezione di nuove idee, volti nuovi e nuova energia.

A dicembre, ha riferito il Wall Street Journal McMahon non vedeva l’ora di tornare, prima borbottando che The New Era potesse trovarsi su un terreno instabile.

READ  Mandy Moore e Chrissy Metz hanno risposto allo snobismo di This Is Us Emmys

Secondo quanto riferito dalla rivista, McMahon ha detto alle persone intorno a lui che gli è stato dato un cattivo consiglio di dimettersi dopo che il giornale ha riferito di aver usato i soldi dell’azienda per pagare più di 12 milioni di dollari in accordi di denaro segreto alle donne per coprire “accuse di cattiva condotta sessuale e infedeltà”.

Il WSJ ha anche riferito che McMahon crede che la controversia sarebbe finita se fosse rimasto come chief creative officer e presidente del consiglio di amministrazione della società.

Poi, all’inizio di gennaio, McMahon ha fatto la sua mossa.

Come divulgato nel file Commissione per i titoli e gli scambiMcMahon ha detto che doveva tornare in azienda perché i negoziati sui diritti dei media e una “revisione delle alternative strategiche” richiedevano la sua “partecipazione diretta, leadership e supporto”. Ha detto alla SEC che si stava reintegrando nel consiglio di amministrazione della società, insieme a due alleati di lunga data, entrambi licenziati da McMahon dalla società nel 2020.

Come poteva farlo nonostante si fosse ritirato in disgrazia e apparentemente lontano dalla compagnia per mesi? McMahon non ha mai venduto le sue azioni della società e rimane l’azionista di controllo della WWE.

“L’unico modo per la WWE di sfruttare appieno questa opportunità è per me tornare come CEO e supportare il team di gestione nelle negoziazioni per i nostri diritti media e combinarlo con la revisione di alternative strategiche”. McMahon ha detto in un comunicato stampa. “Il mio ritorno consentirebbe alla WWE, così come a qualsiasi altra parte coinvolta nelle transazioni, di partecipare a queste operazioni sapendo che avrebbero il supporto dell’azionista di controllo”.

Nel giro di pochi giorni, è passato da un paria ex dirigente di wrestling a dirigere ancora una volta l’azienda che ha catapultato da giocatore regionale a potenza globale. Era il tipo di aberrazione che ci si potrebbe aspettare da “Mr. McMahon”, il subdolo personaggio sullo schermo di Vince McMahon, che è stato il più grande tallone del wrestling per anni tra la fine degli anni ’90 e l’inizio degli anni 2000.

Pochi giorni dopo essersi reinsediato nel consiglio di amministrazione della società, Il consiglio di amministrazione della WWE è tornato all’unanimità al suo vecchio lavoro di amministratore delegato.

Non solo, sua figlia, Stephanie McMahon – che sembrava pronta a rilevare l’azienda per anni e ha svolto ruoli importanti dentro e fuori dallo schermo – si è dimessa da presidente e co-CEO della WWE, lasciando tutto insieme.

Nick Khan ha lasciato la posizione di unico amministratore delegato della società. Ma le macchinazioni della compagnia nell’ultima settimana hanno dimostrato, ancora una volta, che McMahon era il vero potere in WWE.

Ci sono rapporti secondo cui McMahon sta esplorando la vendita dell’azienda, ma non è chiaro se ci sia del vero in questo.

Finora, tutte le dichiarazioni di McMahon sulle sue intenzioni si riferiscono a trattative commerciali. Ma la partenza di Stephanie McMahon ha gettato un’ombra sul futuro del marito con la compagnia.

Con suo suocero in procinto di tornare in azienda, Levesque si stava preparando per il suo primo importante periodo come responsabile della narrazione in WWE che stava entrando nel suo periodo più importante dell’anno. La stagione di WrestleMania inizia con l’evento Royal Rumble il 28 gennaio e continua per tutto il primo fine settimana di aprile, quando la WWE organizza un evento WrestleMania di due notti – il suo più grande spettacolo dell’anno – al SoFi Stadium di Los Angeles. Questo è stato probabilmente il primo grande test della visione creativa di Levesque per la WWE ed è stato molto atteso dai fan del wrestling.

READ  La Marvel annuncia le date di uscita di Agatha All Along, Daredevil e Ironheart

Il riemergere di McMahon ora porta a chiedersi quanta influenza il presidente cercherà di esercitare sulla direzione creativa dell’azienda e come potrebbe entrare in conflitto con la visione di Levesque.

Assumendo il controllo della creatività, la WWE Hall of Famer ha firmato nuovamente dozzine di lottatori che McMahon ha rilasciato negli ultimi anni, tra cui superstar come Bray Wyatt e Braun Strowman, e ha dato la priorità ad altri lottatori che non si adattavano alla visione tipica di McMahon di un wrestler professionista. – qualcuno più alto di 6 ft 3 in, muscoloso, di bell’aspetto e con effettive capacità di wrestling è considerato facoltativo.

Il futuro di questi favoriti di Levesque ora sembra meno certo rispetto a poche settimane fa.

Ci sono domande reali su come i fan riceveranno notizie del ritorno di McMahon. Un uomo considerato una leggenda nel settore è accusato di aver aggredito sessualmente diverse donne, utilizzando poi gli strumenti del potere istituzionale per sfuggire alla responsabilità. I fan si sono davvero sintonizzati sulla direzione dell’azienda a frotte negli ultimi anni e alcuni potrebbero decidere di non spendere soldi, tempo e attenzione per un prodotto gestito da McMahon.

Poi c’è la questione di come il ritorno di McMahon influenzerà l’industria del wrestling professionale nel suo complesso.

All Elite Wrestling (AEW), una nuova promozione iniziata nel 2019 da Tony Khan — figlio del magnate miliardario dei ricambi auto Shahid Khan e nessuna relazione con il CEO della WWE — e molte delle più grandi star del wrestling indipendente, è diventata la seconda più grande compagnia di wrestling nel mondo. mondo semplicemente essendo ciò che la WWE non è.

La sua attenzione alla narrazione a lungo termine, ai grandi incontri, alle star carismatiche e alle produzioni meno sterili ha permesso ad AEW di rompere il monopolio della WWE sull’industria del wrestling e diventare un attore certificato nel settore.

In quanto tale, è diventata la casa di alcuni dei lottatori più iconici del settore che sono stati duramente conquistati dalla cultura aziendale della WWE e si sono inchinati ai capricci di McMahon. La sua scomparsa a luglio e l’ascesa di Levesque al trono creativo della WWE hanno fatto sì che molti osservatori si chiedessero se le superstar dell’AEW stessero cercando di abbandonare la nave e dirigersi verso la WWE.

C’erano alcune speranze tra i membri irriducibili della WWE che il nuovo sistema di Levesque potesse avere abbastanza successo da reprimere l’ascesa di AEW. Il ritorno di McMahon potrebbe gettare qualche dubbio nelle menti dei lottatori di AEW che hanno preso in considerazione un passaggio alla WWE in futuro.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply