Con la disintegrazione della sua coalizione politica, Netanyahu deve affrontare una battaglia interna

Ancora combattendo i nemici esterni di Israele su più fronti, il primo ministro Benjamin Netanyahu si è svegliato lunedì in un nuovo campo di battaglia politica in patria.

È improbabile che la partenza questo fine settimana di Benny Gantz e del suo centrista Partito di Unità Nazionale dal governo di emergenza israeliano in tempo di guerra spezzi immediatamente la presa del potere di Netanyahu. La coalizione di governo guidata dal Primo Ministro ha ancora una risicata maggioranza di 64 seggi su un parlamento di 120 seggi.

Ma la mossa di Gantz significa che Netanyahu è ora completamente dipendente dai suoi partner di coalizione di estrema destra e ultra-ortodossi mentre continua la guerra a Gaza nonostante la crescente condanna internazionale, lasciandolo sempre più isolato ed esposto in patria e all’estero. .

Anche Gantz e Gadi Eisenkot, un altro potente membro del Partito di Unità Nazionale, hanno lasciato il piccolo gabinetto di guerra di Netanyahu. Entrambi sono ex comandanti militari e sono ampiamente visti come voci chiave della moderazione nell’organismo formato da cinque membri, formatosi in ottobre dopo l’attacco guidato da Hamas contro Israele che ha portato al bombardamento israeliano e all’invasione di terra di Gaza.

I due politici centristi hanno suscitato la fiducia dell’opinione pubblica nel processo decisionale del governo in un momento di trauma nazionale. Ha inoltre dato al gabinetto di guerra un’aura di legittimità e consenso mentre Israele combatteva Hamas a Gaza, così come il suo acerrimo nemico, l’Iran, e altri suoi delegati, inclusa la potente milizia Hezbollah lungo il confine settentrionale di Israele con il Libano.

Gantz ha accusato Netanyahu di “procrastinazione politica”, sottolineando che stava rinviando decisioni strategiche cruciali per garantire la sua sopravvivenza politica. La sua decisione di dimettersi dal governo in tempo di guerra preannuncia un nuovo periodo di instabilità politica e ha lasciato molti israeliani a chiedersi dove andrà il Paese da qui in poi.

READ  La Francia vota mentre Macron affronta una dura battaglia per il controllo del parlamento

Yohanan Plesner, presidente dell’Israel Democracy Institute, un gruppo di ricerca apartitico di Gerusalemme, ha descritto il cambiamento politico come “incredibilmente consequenziale” e ha affermato in una dichiarazione che gli israeliani stanno già offrendo Voti bassi per il governo Su una serie di questioni di guerra. Ciò include, secondo lui, il modo di affrontare i combattimenti e le relazioni con gli Stati Uniti, un importante alleato di Israele.

“Con l’assenza di Gantz, mi aspetto che questi punteggi diventino ancora più bassi”, ha detto Plesner.

Gantz aveva lanciato un ultimatum tre settimane fa, avvertendo Netanyahu che avrebbe smantellato il governo di emergenza a meno che il primo ministro non avesse presentato piani chiari, incluso chi avrebbe sostituito Hamas come governante di Gaza nel dopoguerra e come riportarlo in vita. Decine di ostaggi sono ancora detenuti nella Striscia palestinese.

Gantz è entrato nel governo lo scorso ottobre per promuovere un senso di unità in un momento di crisi. Ha unito le forze con il suo rivale politico, Netanyahu, nonostante una profonda sfiducia tra i due e una storia di tradimenti. Anche l’ultima volta che Gantz è entrato in un governo con Netanyahu, nel 2020, è finita male dopo che Netanyahu ha rotto l’accordo di condivisione del potere. L’influenza di Gantz e di Eisenkot, il cui figlio era un soldato e che è stato ucciso a dicembre durante i combattimenti a Gaza, è diminuita negli ultimi mesi, portando molti israeliani a chiedersi perché non avevano lasciato il governo di emergenza e non si erano uniti all’opposizione. prima. Gantz ha chiesto elezioni anticipate questo autunno.

I restanti partner ufficiali di Netanyahu nel gabinetto di guerra sono il suo ministro della Difesa, Yoav Galant, un rivale all’interno del partito conservatore Likud che Netanyahu ha cercato di espellere l’anno scorso. E Ron Dermer, un veterano confidente di Netanyahu che ha più esperienza diplomatica che politica. Non è chiaro se continuerà a funzionare.

READ  I leader della zona occupata filo-Mosca cercano di unirsi alla Russia, Zelensky sbatte i "collaboratori"

Il gabinetto di sicurezza separato e più ampio comprende due leader di partito ultranazionalisti: Itamar Ben Gvir, ministro della Sicurezza nazionale, e Bezalel Smotrich, ministro delle finanze. Entrambi vogliono reinsediare Gaza con gli israeliani.

Sia Ben Gvir che Smotrich hanno promesso di far cadere il governo di Netanyahu se darà seguito alla proposta israeliana di un accordo che includa una tregua e uno scambio di ostaggi di prigionieri palestinesi, come il presidente Biden ha chiarito su un accordo a settimana fa, ciò porrebbe effettivamente fine alla guerra.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply