‘Davvero uniti’ nella spinta all’espansione della PCP nel ’24

Charlotte, NC – Il commissario dell’ACC Jim Phillips ha dichiarato mercoledì a ESPN che “c’è molta spinta” per espandere i playoff del College Football nel 2024.

Il consiglio di amministrazione della CFP ha votato all’inizio di settembre per espandere i playoff a 12 squadre nel 2026, ma i 10 commissari della FBS e il direttore dell’atletica di Notre Dame Jack Swarbrick avevano lavorato all’espansione due anni prima.

“Ci stiamo provando. Ci impegniamo a farlo”, ha detto Phillips a ESPN all’ACC Basketball Media Day. “Siamo davvero in 10 conferenze e Notre Dame. Ci sentiamo davvero bene per il lavoro che è stato fatto in tutte e 10 le conferenze e Notre Dame negli ultimi cinque o sei mesi. Siamo davvero uniti nel cercare di farlo. È solo la logistica di questa cosa che è dura, non insormontabile, ma il tempo non è nostro amico in questo momento, il tempo non è dalla nostra parte.

“C’è molta pressione per cercare di portare a termine questa cosa”.

Phillips ha anche detto che “è ora di considerare” l’espansione dei tornei di basket NCAA. Il commissario della Securities and Exchange Commission Greg Sankey ha aperto la conversazione ad agosto, dicendo a Sports Illustrated che era disposto a dare un “nuovo sguardo” al torneo.

Da allora le polemiche nello sport si sono intensificate, anche se sembra quasi impossibile che ci sia un cambiamento nella fase esplorativa.

“È il gioiello della corona di tutti i nostri tornei”, ha detto Phillips a ESPN. “Non c’è niente che lo si ripeta davvero, da entrambe le parti, da parte degli uomini e da parte delle donne. Quindi devi anche rispettare il non scherzare e capire che è in un posto davvero buono e salutare. Ma devi anche farlo continuo ad andare avanti e cerco di pensare a queste cose in questo modo”.

READ  I New York Mets sopravvivono dietro Jacob Degrom, Game of Strength 3

“Credo che [automatic qualifiers] Vincere un campionato è importante. Deve essere importante. Non mi interessa diminuire gli AQ. Semplicemente non lo sono. Ma mi impegno anche a fare in modo che coloro che meritano di essere nel torneo lo facciano. …Stai cercando di bilanciare l’accesso nella prima sezione. Assicurati che gli AQ rimangano lì per partecipare alle conferenze. Ne hanno bisogno. Ne hanno bisogno per la parte finanziaria, ne hanno bisogno per la parte emotiva, per farne parte, ecc. Ma hai anche un gruppo di altissimo livello che chiede più portata per le proprie squadre. Questo porta solo a una discussione, dobbiamo avere una prospettiva globale e rivedere il basket universitario e il campionato”.

Phillips ha affermato che la logistica di tale espansione – il calendario, la forma e l’aspetto finanziario di essa – devono ancora essere determinati, ma c’è interesse ad esplorarli.

“Più accesso, più opportunità per più giovani uomini e donne”, ha affermato. “Ci sono molti vantaggi in questo”.

Gli allenatori dell’ACC sono stati divisi sull’opportunità di espandere i tornei NCAA. Jim Laranaga di Miami e Jim Boehme di Syracuse erano sostenitori e ognuno aveva il proprio formato preferito.

Larranaga vorrebbe vedere tutti e 32 i campioni della conferenza dirsi addio, mentre 64 top team giocano al primo turno.

“Sono stato un sostenitore dell’espansione del campionato NCAA per molto tempo”, ha detto. “Se guardi alla missione del basket universitario, il campionato NCAA è il culmine del sogno di ogni giocatore. Ma se guardi alla storia, sono sempre le stesse squadre con poche eccezioni. Quindi, espandendo il torneo a 96, dovresti davvero vai da 64 a 96”.

READ  Steelers QB Dwayne Haskins ucciso in un incidente d'auto in Florida

Boeheim vorrebbe vedere i primi quattro di Dayton ampliati in ciascuna delle località del primo round, il che consentirebbe al torneo di continuare a rientrare nella sua consueta finestra di tre settimane.

“Ho sostenuto per questo 25 anni fa”, ha detto. “Ci sono tre volte più che buoni [programs] Di quando avevamo 48 squadre nel torneo. Mettere soldi in buone scuole. Non è un’espansione difficile. L’argomento che ho sentito è che danneggia l’eroismo, e questa è una sciocchezza. In realtà rende il torneo migliore. … hai squadre migliori nel torneo di quante tu ne abbia mai avuto”.

A Tony Bennett della Virginia piace com’è, ma non sarebbe contrario a una leggera espansione.

“Penso che i campionati NCAA siano il migliore, dall’inizio alla fine, il miglior evento atletico in corso”, ha detto Bennett. “Non voglio perdere quello che abbiamo. Se avessimo una piccola espansione e non ci togliesse e non fosse un grande cambiamento, lo sarei. Proteggerei quello che abbiamo, e se ci sono state alcune modifiche, più qua e là, sarei favorevole, ma non una grande soluzione”.

Mike Young di Virginia Tech sceglierà lo status quo.

“Sono un fondamentalista”, ha detto Young. “Non mi piace. … Perché dovremmo imbatterci in qualcosa che ha avuto così tanto successo, così unico nel mondo dell’atletica, così incredibilmente popolare e ha sempre avuto successo?”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply