E se fossimo bloccati qui?

Ad essere sincero, credo nel futuro della colonizzazione spaziale perché voglio crederci. È romantico. È un’avventura. Fa freddo! È anche, nel peggiore dei casi, il modo per preservare le specie se la Terra venisse distrutta L’ex dio dell’umanità Per salvarci anche se in quelle circostanze potremmo non meritarlo. Incoraggio fortemente le missioni Artemis e Project Gateway, che potrebbero iniziare la costruzione di una stazione spaziale in orbita attorno alla Luna entro la fine del decennio, e una missione con equipaggio su Marte durante la mia vita. Sogna oltre, perché sognare è bello e sano. Lungo il percorso ci sono innumerevoli ostacoli tecnologici, che vale la pena affrontare di per sé: avanziamo scientificamente individuando le sfide che possono essere superate.

E se alcune sfide non fossero ostacoli ma blocchi stradali, non tecnologici ma biologici? Se il problema non è cosa possiamo costruire, ma cosa siamo? Sarebbe un duro colpo per le speranze future della diaspora cosmica se gli ostacoli non riguardassero il tempo e la distanza, ma piuttosto le debolezze fondamentali del corpo umano. Conosciamo da tempo gli effetti dannosi che i voli spaziali possono avere sul corpo umano: perdita di tessuto osseo, anemia, sistema immunitario indebolito, maggiori rischi di cancro e l’elenco potrebbe continuare. Alcuni problemi sono causati dalla microgravità; Altri provengono dalla radiazione di fondo spaziale: la NASA stima che gli astronauti siano esposti a una radiazione equivalente Fino a 6000 radiografie del torace. Gli astronauti nell’orbita terrestre bassa, dove si trova la Stazione Spaziale Internazionale, sono in parte protetti da queste radiazioni dalla magnetosfera terrestre, ma ne subiscono anche gli effetti.

READ  Sorpresa: lo strumento “extraterrestre” era più familiare

A questi effetti si aggiunge un effetto potenzialmente catastrofico: lo spazio sta danneggiando drammaticamente i nostri reni.

Lo studio, intitolato “Cosmic Kidney Disease”, e Pubblicato la scorsa settimana in Comunicazioni sulla natura, esamina la funzione renale di 66 astronauti che hanno trascorso fino a 180 giorni sulla Stazione Spaziale Internazionale, il che è relativamente sicuro rispetto a una missione di ritorno su Marte, che potrebbe durare alcuni anni ed esporre gli astronauti a radiazioni più intense provenienti dalle profondità. spazio. Ma anche questo tempo limitato ha avuto un impatto significativo sugli astronauti. Lo studio ha riscontrato una significativa diminuzione della funzionalità renale e un aumento del rischio di calcoli renali, a causa del restringimento dei tubuli renali. E questo, non è necessario essere un medico per sapere che è una brutta cosa. Il danno può essere permanente dopo un tempo sufficiente. Lo studio ha simulato gli effetti di un’esposizione prolungata sui topi e i loro reni non si sono mai ripresi.

Inoltre, gli effetti non iniziano a manifestarsi finché non è troppo tardi per prevenirli. “Se non sviluppiamo nuovi modi per proteggere i reni, direi che anche se un astronauta può arrivare su Marte, potrebbe aver bisogno di dialisi sulla via del ritorno.” Ha detto il dottor Keith Siu, autore principale dello studio. “Sappiamo che i reni tardano a mostrare segni di danno da radiazioni; quando questo diventerà chiaro, potrebbe essere troppo tardi per evitare il fallimento, il che sarebbe disastroso per le possibilità di successo della missione.”

La NASA è ben consapevole della necessità di protezione dalle radiazioni, in particolare dai raggi cosmici galattici ad alta energia, in qualsiasi missione interplanetaria con equipaggio, e Esaminare le possibili soluzioni. Un modo per proteggersi dai raggi cosmici è attraverso un’enorme massa schermante: un veicolo spaziale più grande. Tuttavia, il lancio di un veicolo spaziale del genere sarebbe molto pesante e costoso. Un’altra opzione è utilizzare materiali che proteggano in modo più efficiente senza aggiungere peso. Questi materiali attualmente non esistono. Altre idee, come i campi di forza o i farmaci che contrastano gli effetti delle radiazioni, rimangono nel lontano regno teorico. Attualmente non c’è modo di andare su Marte o oltre senza esporre gli astronauti a dosi letali di radiazioni.

READ  5 pianeti si allineeranno nel cielo all'inizio di questo mese

Sarebbe quasi poetico se i vincoli che alla fine ci tengono con i piedi per terra non fossero quelli della distanza e del tempo, ma dei nostri stessi corpi. Ma ha senso? Ci siamo evoluti nel corso di miliardi di anni per sopravvivere QuiE solo qui: questa quantità di gravità, questa quantità di esposizione alle radiazioni, questa temperatura, pressione e composizione dell’atmosfera. Quando parliamo di Zona temperata In termini di abitabilità, non c’è niente di speciale in questi parametri, sono proprio quelli per cui gli esseri umani sono progettati.

Questa non è necessariamente una condanna a morte per l’esplorazione e la colonizzazione dello spazio; La stessa mente fantascientifica che può immaginare di colonizzare altri pianeti può altrettanto facilmente immaginare, non so, l’ingegneria genetica per proteggere i nostri reni dalle devastazioni dello spazio. Ma ci sono molte persone intelligenti che credono che questi e altri problemi siano davvero insormontabili e che non vivremo mai in altri mondi. Potrebbero avere ragione! La mia prima reazione è trovarlo frustrante, ma forse non deve esserlo. Forse sarebbe invece emozionante sapere che noi come specie dobbiamo vivere e morire qui. Non c’è niente di sbagliato in questo – ormai è così per tutte le altre specie – e forse è un incentivo a sfruttare al massimo ciò che abbiamo, preservarlo e smettere di distruggerlo. Se non c’è via d’uscita da questa terra inabitabile, l’unica opzione è ripararla.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply