Ecco perché non copi e incolli il tuo primo iPhone

Apple ha introdotto il primo iPhone 15 anni fa e da allora molte cose sono cambiate. Ora stiamo discutendo delle voci sull’imminente iPhone con video 8K e un nuovo schermo, ma è difficile da credere una volta che l’iPhone non ha opzioni di copia e incolla. Ora un ex ingegnere e designer di software Apple Ken Kosenda Ha rivelato i dettagli sul motivo per cui non c’erano tali funzionalità nel primo iPhone.

Kocienda, che è entrato in Apple nel 2001, è stato uno degli ingegneri chiave dietro l’iPhone. Prima di lavorare sull’iPhone, Kocienda è stato un membro del team che ha creato il browser web Safari di Apple, che gli ha assicurato un ruolo significativo nello sviluppo del primo smartphone di Apple.

Ora, con l’iPhone che si avvicina al suo 15° anniversario sul mercato, l’ex ingegnere Apple ha deciso di condividere alcune storie interessanti su come Apple ha creato il primo iPhone. uno di loro Include dettagli sul motivo per cui l’azienda ha deciso di spedire il suo primo smartphone senza opzioni di copia e incolla.

Non c’era tempo per quello.

La breve e divertente spiegazione di Kocienda è che gli ingegneri Apple non hanno avuto il tempo di applicare copia e incolla al primo iPhone. Ma ovviamente la storia va oltre.

Secondo lui, il team era già impegnato nella creazione della tastiera virtuale dell’iPhone e del suo sistema di correzione automatica. Dopo il lancio dell’iPhone, Kocienda e il suo team hanno finalmente deciso di lavorare sulle opzioni di copia e incolla, ma ci vuole ancora del tempo prima che la funzione sia pronta per gli utenti.

READ  Il governo francese vieta l'uso di parole di gioco in inglese come "esport"

L’ingegnere spiega di aver avuto l’idea di una “lente d’ingrandimento del testo” per far sapere agli utenti esattamente dove stanno puntando con un cursore di testo, che è fondamentale per copiare e incollare il testo. Tuttavia, anche con questa classica lente d’ingrandimento virtuale, il cursore ha finito per spostarsi tra i caratteri dopo che l’utente ha staccato il dito dallo schermo a causa del normale sfarfallio.

Kocienda ha dovuto sviluppare un “touch log” solo per la modifica del testo. In questo modo, dopo aver sollevato il dito dallo schermo, il sistema rileva automaticamente la posizione del dito dell’utente in millisecondi dopo il tocco finale, in modo che il cursore rimanga dove l’utente desidera realmente.

Un altro dettaglio interessante sul sistema di immissione del testo su iPhone è che, secondo un ex ingegnere Apple, tutto il testo con motivi era originariamente basato su WebKit. Ciò significa che ogni volta che l’app utilizzava un carattere personalizzato, mostrava una piccola pagina Web per visualizzare il testo. Quando i campi di testo non sono in modalità di modifica, visualizzano un’immagine statica del loro contenuto, possibilmente per risparmiare CPU, RAM e batteria.

Le opzioni di copia e incolla sono state introdotte come parte di iPhone OS 3.0 nel 2009, preinstallato per impostazione predefinita su iPhone 3GS. Apple ha persino creato uno spot televisivo che metteva in evidenza la nuova funzionalità in quel momento.

Altre storie sul primo iPhone

Kocienda ha anche condiviso alcune altre curiosità sullo sviluppo del primo iPhone. Ad esempio, all’iPhone mancava il vero multitasking non solo per la poca RAM ma anche per la mancanza di memoria virtuale. Gli ingegneri hanno dovuto creare un sistema noto come “jetsam” per forzare l’iPhone a eseguire un’app alla volta e per terminare automaticamente altri processi in background per evitare problemi di prestazioni.

READ  Sony conferma che lo stacking degli abbonamenti PS Plus è stato bandito

Poiché i dispositivi touchscreen non erano così popolari e mancavano di feedback tattile, il team di iPhone ha implementato un’area virtuale più ampia rispetto ai pulsanti visualizzati sull’interfaccia. In quanto tale, l’iPhone riconosce i tocchi anche quando l’utente non tocca accuratamente il pulsante sullo schermo.

Questo sistema era importante anche per la funzione di correzione automatica della tastiera, poiché identifica i caratteri che circondano il carattere su cui l’utente fa clic per sostituire la parola errata con quella corretta.

Kocienda spiega anche che la percezione degli utenti di dove si toccano le dita è diversa da quella in cui il dito si tocca effettivamente e il sistema doveva essere preparato per questo.

Coloro che sono interessati a saperne di più sul processo di sviluppo di iPhone dovrebbero leggere il libro di Kocienda, “Scelta creativa: all’interno del processo di progettazione di Apple durante l’età d’oro di Steve Jobs. “

Leggi anche:

FTC: utilizziamo i link di affiliazione per guadagnare. di più.


Dai un’occhiata a 9to5Mac su YouTube per ulteriori notizie su Apple:

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply