Elezioni locali turche: l'opposizione stupisce Erdogan con una vittoria storica

  • Scritto da Paul Kirby e Kagil Kasapoglu
  • A Londra e Istanbul

Fonte immagine, Reuters/Umit Bektaş

Commenta la foto,

I sostenitori dell'opposizione a Istanbul e in altre città hanno festeggiato quando la portata della vittoria è diventata chiara

Il principale partito d'opposizione turco ha ottenuto importanti vittorie elettorali nelle principali città di Istanbul e Ankara.

I risultati rappresentano un duro colpo per Recep Tayyip Erdogan, che sperava di riprendere il controllo delle città meno di un anno dopo aver vinto un terzo mandato come presidente.

Ha guidato la campagna vittoriosa a Istanbul, dove è cresciuto, e ha servito come sindaco della città.

Ma Ekrem Imamoglu, che ha vinto la città per la prima volta nel 2019, ha ottenuto una seconda vittoria per il Partito repubblicano popolare (CHP), l’opposizione laica.

Erdogan aveva promesso una nuova era nella città turca di circa 16 milioni di abitanti, ma l'attuale sindaco di Istanbul era sulla buona strada per ottenere più del 50% dei voti, più di 10 punti di vantaggio sul candidato del Partito Giustizia e Sviluppo (AKP).

Questa è stata anche la prima volta da quando Erdogan salì al potere 21 anni fa che il suo partito è stato sconfitto alle urne in tutto il Paese.

Nella capitale Ankara, il sindaco dell'opposizione Mansur Yavaş era così avanti rispetto al suo rivale con il 59% che ha dichiarato la vittoria quando era stata contata meno della metà dei voti. I tifosi hanno chiuso tutte le strade principali della città, sventolato bandiere e suonato il clacson.

Vale la pena notare che il CHP era sulla buona strada per vincere anche in molte altre grandi città della Turchia, tra cui Izmir, Bursa, Adana e la località turistica di Antalya.

Il presidente Erdogan (70 anni) ha ammesso che le elezioni non sono andate come sperava, ma ha detto ai suoi sostenitori ad Ankara che “per noi non rappresenteranno la fine, ma piuttosto un punto di svolta”.

Fonte immagine, Amin Sansar/Anadolu tramite Getty Images

Commenta la foto,

Il presidente Erdogan ha promesso ai suoi sostenitori che il suo partito avrebbe imparato la lezione dalla sconfitta

Ha sempre fatto affidamento sulla “volontà del popolo” per il suo potere, e ha detto ai suoi sostenitori che ora rispetterà anche gli elettori.

Durante la campagna elettorale, Erdogan aveva affermato che questa sarebbe stata l’ultima, poiché il suo mandato presidenziale scade nel 2028.

Ma i suoi critici credono che la vittoria lo avrebbe incoraggiato a rivedere la costituzione in modo da potersi candidare di nuovo. Dopo una sconfitta così drammatica, sembra estremamente improbabile.

Fonte immagine, Tolga Bozoglu/EPA-EFI

Commenta la foto,

Ekrem Imamoglu ha vinto Istanbul battendo gli avversari nel 2019

Al contrario, il risultato è stato un grande successo per il leader del CHP Ozgur Ozil, che ha elogiato gli elettori per aver deciso di cambiare il volto della Turchia con un voto storico: “Vogliono aprire la porta a un nuovo clima politico nel nostro Paese”. “.

La folla si è radunata a Istanbul davanti al municipio di Saracane, uno dei quartieri più antichi di Istanbul.

Hanno sventolato bandiere e striscioni turchi con l'immagine di Ekrem Imamoglu accanto al padre fondatore della Turchia Kemal Ataturk, il cui poster era appeso alle pareti del palazzo dell'autorità locale.

“Posso dire che la fiducia dei nostri cittadini in noi è stata premiata”, ha detto Imamoglu.

Lui e Mansur Yavaş sono considerati potenziali candidati per candidarsi alla presidenza nel 2028.

I sostenitori di Imamoglu hanno cantato “Andrà tutto bene” mentre ballavano al ritmo di tamburi e clarinetto a Saracane, uno dei quartieri più antichi di Istanbul.

L'attuale sindaco di Istanbul ha usato questo slogan per la prima volta quando, cinque anni fa, ha strappato la città al partito di Erdogan. Alcuni cartelli a Sarachan utilizzavano il suo slogan attuale, “Avanti a tutta velocità”.

Il sostenitore di Imamoglu, Yesim Albayrak, 25 anni, ha detto alla BBC: “Sono solo elezioni locali, ma la vittoria dell'opposizione nelle grandi città è una grande dimostrazione di forza contro il partito al potere”.

Mehmet Pankashi, 27 anni, ha dichiarato alla BBC che in Turchia c’è bisogno di un cambiamento: “Se Imamoglu o Mansur Yavaş fossero stati i candidati del CHP alle elezioni presidenziali dello scorso anno, avrebbero sicuramente vinto”.

Istanbul ospita un quinto della popolazione della Turchia, che ammonta a circa 85 milioni di persone. Governa la città e controllerai gran parte dell'economia turca, compresi il commercio, il turismo e la finanza.

Cinque anni fa, Imamoglu rovesciò anni di governo dell’AKP a Istanbul con il sostegno di altri partiti di opposizione. Ma l’unità dell’opposizione è crollata in seguito alla sconfitta alle elezioni presidenziali dello scorso anno, e l’AKP nutriva grandi speranze di ribaltare la vittoria del 2019.

Prima delle elezioni di domenica, i voti erano considerati molto equilibrati, con una forte sfida da parte del candidato dell'AKP Murat Kurum.

Ma il partito al governo non è riuscito a liberarsi della crisi economica che ha visto i tassi di inflazione salire al 67% e i tassi di interesse al 50%.

Mentre ampie zone della Turchia occidentale, meridionale e settentrionale sono ora sotto il controllo del Partito popolare repubblicano, all’opposizione, il Partito democratico filo-curdo ha ottenuto il controllo di gran parte del sud-est.

Il Partito Giustizia e Sviluppo di Erdogan continua a controllare la Turchia centrale e ha ottenuto maggiori successi nelle aree del sud-est devastate dal doppio terremoto del febbraio 2023, comprese le città di Kahramanmaras e Gaziantep.

Parlando dal balcone della sede del suo partito ad Ankara, ha promesso di sfruttare i quattro anni che precedono le prossime elezioni presidenziali per “rinnovarci e rimediare ai nostri errori”.

I suoi sostenitori hanno cantato: “Stai fermo, questa nazione è con te”.

Circa 61 milioni di turchi hanno diritto a partecipare alle elezioni di domenica e più di un milione di giovani elettori hanno votato per la prima volta. La partecipazione è stata stimata a oltre il 77% nelle 81 province del Paese.

READ  Migliaia di persone evacuate in India prima che i giganteschi grattacieli crollassero

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply