Futures azionario in rialzo prima dei grandi profitti bancari

Venerdì i futures azionari sono aumentati quando gli investitori hanno rivolto la loro attenzione agli utili delle principali banche dopo che le principali medie hanno registrato a loro volta un massimo storico.

I future relativi al Dow Jones Industrial Average sono aumentati di 110 punti, ovvero dello 0,37%. I futures S&P 500 sono aumentati dello 0,3% e i futures Nasdaq 100 sono aumentati dello 0,2%.

JPMorgan Chase, Wells Fargo, Morgan Stanley e Citigroup dovrebbero presentarsi prima del campanello.

Anche il membro del Dow Jones UnitedHealth ha riportato i risultati trimestrali venerdì, con guadagni e ricavi superiori alle aspettative. Le azioni UnitedHealth sono aumentate dello 0,8%.

I rapporti arrivano un giorno dopo che il mercato ha fatto un grande ritorno. Il Dow ha chiuso la sessione di giovedì con 827 punti in più dopo aver perso più di 500 punti all’inizio della giornata. L’S&P 500 è salito del 2,6% per rompere la serie di sconfitte di sei giorni e il Nasdaq Composite è balzato del 2,2%.

Le mosse hanno seguito il rilascio di Indice dei prezzi al consumo, una lettura principale dell’inflazione negli Stati Uniti è risultata superiore alle attese per settembre. Inizialmente, ciò ha pesato pesantemente sui mercati poiché gli investitori si preparavano a che la Federal Reserve continuasse il suo piano aggressivo per aumentare i tassi di interesse. Ma in seguito hanno ignorato queste preoccupazioni.

“La migliore scusa per il rimbalzo di oggi è ‘notizia corta’ combinata con sentimenti/situazioni molto negativi”, ha affermato Ross Mayfield, analista di strategia di investimento di Bird. “Il mercato era già in ribasso per sei giorni consecutivi, smentindo un po’ il rapporto, e l’IPC di settembre probabilmente non cambierà la traiettoria a breve termine della Fed (che è già stata molto aggressiva).”

READ  "Siamo all'inizio di un super ciclo per le sneakers".

Tuttavia, l’inflazione persistente rimane un problema per la Federal Reserve e le preoccupazioni degli investitori per l’inasprimento della politica della banca centrale.

“Il cambiamento è una gradita tregua per gli investitori, ma il mercato richiede ancora maggiore chiarezza su quanto restringimento ci attende”, ha affermato Brian Levitt, analista di mercato globale di Invesco. “L’attenzione rimane sul ritmo dell’inflazione e sulla forza di fondo del mercato del lavoro. È probabile che il rally inizi quando il mercato crede che l’arresto della Fed all’inasprimento sia nel prossimo futuro”.

Ci sono ancora più dati economici da pubblicare anche questa settimana. Le vendite al dettaglio di settembre verranno rilasciate alle 8:30 ET. Più tardi in mattinata, gli investitori attenderanno con impazienza gli ultimi dati sulla fiducia dei consumatori dell’Università del Michigan.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply