Gli oppositori di estrema destra della Francia protestano mentre la campagna elettorale entra nell’ultima settimana

PARIGI (Reuters) – Migliaia di manifestanti anti-estrema destra hanno marciato attraverso la Francia sabato mentre gli oppositori della candidata alla presidenza Marine Le Pen hanno cercato di formare un fronte unito per impedirle di vincere il ballottaggio contro l’incumbent Emmanuel Macron il 24 aprile.

La polizia ha avvertito della possibilità di incidenti mentre i manifestanti si sono radunati in circa 30 città.

Macron, un centrista pro-UE, ha vinto la presidenza nel 2017 sconfiggendo facilmente Le Pen quando gli elettori si sono radunati dietro di lui nel ballottaggio per cacciare il suo partito di estrema destra dal potere.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Quest’anno, il primo turno di votazioni di domenica scorsa ha giocato la stessa battaglia, ma Macron deve affrontare una sfida ancora più difficile.

Nel centro di Parigi, migliaia di persone si sono radunate intonando slogan contro l’estrema destra e avvertendo di disordini democratici se Le Pen avesse vinto. Uno striscione diceva: “Contro l’estrema destra. Per giustizia e uguaglianza, non Le Pen nell’Eliseo”, un riferimento alla residenza ufficiale del presidente francese.

Dominic Sobo, capo di SOS Racism, che insieme a decine di gruppi per i diritti umani, sindacati e associazioni ha chiesto proteste: “Se l’estrema destra è al potere, assisteremo a un massiccio crollo dei campi antirazzismo democratico e progressista”. a Reuters.

Le persone devono rendersi conto che, nonostante la loro rabbia nei confronti di Emmanuel Macron e delle sue politiche, non c’è equivalenza tra un candidato conservatore liberale e un candidato di estrema destra.

Macron, che terrà una manifestazione a Marsiglia nel corso della giornata per cercare di convincere gli elettori di sinistra a sceglierlo il 24 aprile, è leggermente in testa nei sondaggi d’opinione.

READ  Gli Stati Uniti sono sollevati dal fatto che la Cina sembri prestare attenzione agli avvertimenti sulla Russia

Ma prima del primo round del 10 aprile, Le Pen è riuscita a sfruttare la rabbia per il costo della vita e la percezione che Macron sia distaccato dalle difficoltà quotidiane. Ciò le ha portato a ricevere il 23,1% dei voti, rispetto al 27,85% di Macron.

Tuttavia, questa settimana è apparsa più allarmata quando l’attenzione si è spostata sulla sua dichiarazione e i sondaggi hanno mostrato che Macron ha esteso il suo vantaggio. Un sondaggio di IPSOS-Sopra-Steria di venerdì ha mostrato che il presidente ha vinto il ballottaggio con il 56% dei voti.

Ha avuto il sostegno degli ex presidenti Nicolas Sarkozy e François Hollande. Centinaia di celebrità e personalità sportive lo hanno anche approvato per impedire a Le Pen di salire al potere.

Profonde proteste antidemocratiche

Le Pen, la cui posizione è considerata anti-immigrazione ed euroscettico, ha cercato negli ultimi anni di ammorbidire la sua immagine e quella del suo partito del Raduno Nazionale. Gli oppositori, incluso Macron, hanno affermato che la sua piattaforma è piena di bugie e false promesse, un’accusa che Le Pen ha respinto.

Parlando con i giornalisti durante una tappa della campagna elettorale nel sud della Francia, Le Pen ha respinto le proteste pianificate come antidemocratiche.

“L’establishment è preoccupato”, ha detto. “Le persone che protestano contro i risultati delle elezioni sono totalmente antidemocratiche. Dico a tutte queste persone di andare a votare. È così semplice”.

Con elettori dispersi e indecisi, il candidato che può aggirare il suo campo per convincere gli elettori che l’altra opzione sarebbe molto peggiore rischia di vincere le elezioni.

Per decenni, il “Fronte repubblicano” di elettori di ogni genere che si è radunato dietro un candidato mainstream ha aiutato a cacciare dal potere l’estrema destra.

READ  La guerra della Russia in Ucraina: aggiornamenti in tempo reale

Ma Macron, il cui stile duro e le cui politiche che a volte hanno virato a destra hanno sconvolto molti elettori, non può più contare automaticamente su quel sostegno.

Evidenziando come, per alcuni elettori, scegliere Macron non sia una decisione facile, uno striscione a Parigi diceva: “Né Le Pen né Macron”.

Gli attivisti per il cambiamento climatico della Extinction Rebellion erano stati in precedenza costretti a chiudere una piazza e una strada principali della capitale, in segno di protesta contro i programmi ambientali di entrambi i candidati.

“Questa elezione non ci lascia scelta tra un candidato di estrema destra con idee odiose… e un candidato che ha messo da parte la questione ambientale per cinque anni e ha mentito”, Lu, 26 anni, insegnante di storia, che si è unito a Extinction Rebellion II. Anni fa, Reuters.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Reportage aggiuntivo di Marco Trujillo; Montaggio di Francis Kerry, Russell e Clelia Ozil

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply