Gli scienziati hanno affermato che la meteora che ha colpito la Terra nel 2014 proveniva da un altro sistema stellare

Gli esperti hanno confermato che un meteorite che ha colpito la Terra nel gennaio 2014 proveniva da un altro sistema solare, ed è quindi il primo oggetto interstellare conosciuto.

In una nota appena rilasciata, i funzionari del Comando spaziale degli Stati Uniti hanno affermato che l’oggetto roccioso, che è largo solo 1,5 piedi (0,45 metri), “era davvero un oggetto interstellare”.

La loro conferma significa che il famoso oggetto stellare noto come Oumuamua, scoperto nel 2017, è in realtà il secondo oggetto interstellare a visitare il nostro sistema solare.

Secondo la NASA, l’8 gennaio 2014 una meteora ha illuminato il cielo vicino all’isola di Manus, in Papua Nuova Guinea, viaggiando a più di 100.000 miglia orarie.

Gli scienziati ritengono che potrebbe aver lasciato detriti interstellari nell’Oceano Pacifico meridionale, che se trovati potrebbero rivelare di più sull’origine dell’oggetto roccioso.

Secondo la NASA, l’8 gennaio 2014 una meteora ha illuminato il cielo vicino all’isola di Manus, in Papua Nuova Guinea, viaggiando a più di 100.000 miglia orarie. Secondo gli scienziati, potrebbe aver piovuto nell’oceano con detriti interstellari

Gran parte delle informazioni che circondano l’oggetto sono state finora classificate dal governo degli Stati Uniti.

Il memorandum, datato 1 marzo e pubblicato su Twitter questo mese, conferma i risultati dello scienziato capo del comando spaziale statunitense, il dottor Joel Moser.

La differenza tra meteorite, azoto e meteoriti

I meteoriti sono oggetti nello spazio di dimensioni variabili da granelli di polvere a piccoli asteroidi.

Quando le meteore entrano nell’atmosfera terrestre (o nell’atmosfera di un altro pianeta, come Marte) ad alta velocità e bruciano, le palle di fuoco o “stelle cadenti” sono chiamate meteore.

Quando un meteorite sopravvive a un viaggio attraverso l’atmosfera e si scontra con la Terra, viene chiamato meteorite.

Il memorandum è stato firmato dal tenente generale John E Shaw, vice comandante del comando spaziale statunitense.

READ  La NASA fa marcia indietro con il suo enorme razzo dopo aver fallito nel completare il test del conto alla rovescia

Il Dr. Moser ha confermato che la stima della velocità riportata dalla NASA è sufficientemente accurata da indicare un percorso interstellare.

I ricercatori di Harvard sono tornati nel 2019 Pubblica uno studio Sul server di prestampa arXiv, riconoscendo l’esistenza del meteorite e dicendo che proveniva dall’esterno del nostro sistema solare.

Lo studio, che non è stato ancora sottoposto a revisione paritaria, ha riferito che il meteorite ha avuto origine dallo spazio interstellare con “confidenza del 99,999 per cento”.

Secondo gli autori, lo studio era in attesa di revisione tra pari da anni fino a quando l’affermazione non poteva essere confermata, ma ha incontrato ostacoli da parte del governo degli Stati Uniti, che stava nascondendo le informazioni essenziali dal database pubblicamente disponibile della NASA.

Amir Siraj, uno degli autori dello studio, ha dichiarato: vice Vuole rintracciare parti del corpo che potrebbero trovarsi sul fondo dell’oceano.

“Ho iniziato a pensare al fatto che abbiamo materia interstellare consegnata sulla Terra e sappiamo dove si trova”, ha detto.

“L’unica cosa che controllerò – e in realtà sto parlando con le persone – è se è possibile perquisire i fondali oceanici al largo della costa della Papua Nuova Guinea e vedere se riusciamo a trovare dei frammenti”.

Secondo la NASA, il meteorite è salito nel cielo vicino a Papua Nuova Guinea a più di 100.000 miglia orarie e ha colpito vicino all'isola di Manus l'8 gennaio 2014 (immagine concettuale)

Secondo la NASA, il meteorite è salito nel cielo vicino a Papua Nuova Guinea a più di 100.000 miglia orarie e ha colpito vicino all’isola di Manus l’8 gennaio 2014 (immagine concettuale)

Il memorandum, datato 1 marzo e pubblicato su Twitter questo mese, conferma i risultati dello scienziato capo del comando spaziale statunitense, il dottor Joel Moser.

Il memorandum, datato 1 marzo e pubblicato su Twitter questo mese, conferma i risultati dello scienziato capo del comando spaziale statunitense, il dottor Joel Moser.

Sarà un compito arduo, ma lo esamineremo molto, molto in profondità perché la possibilità di ottenere il primo pezzo di materia interstellare è abbastanza eccitante da poterlo verificare a fondo e parlare con tutti gli esperti di viaggi oceanici del mondo su recupero di meteoriti.

Le informazioni sul meteorite sono scarse, sebbene i suoi dettagli – comprese le sue coordinate sull’isola di Manus – siano registrati presso il Center for Near-Earth Object Studies (CNEOS) della NASA banca dati fuochi d’artificio.

READ  Songs of Fish Love e Modern Fighting: Libreria audio subacquea per rivelare il linguaggio degli abissi | animali selvaggi

Siraj ha affermato di essere stato ispirato a indagare sul meteorite e sul suo impatto dopo aver notato la sua velocità tipicamente più elevata – oltre 100.000 miglia orarie – rispetto ad altre voci nel database.

È stato davvero veloce, quindi ho pensato: “Oh mio Dio, questa potrebbe essere una meteora interstellare”, ha detto Siraj a Vice. Si nascondeva in bella vista.

Non era che dovevamo scavare per trovare questo database: era più che non c’era nessun oggetto interstellare fino al 2017.

Di conseguenza, nessuno aveva motivo di credere che potessero esistere meteoriti extrasolari.

Siraj sottolinea nel suo articolo del 2019 che la loro alta velocità indica “una possibile origine dall’interno profondo di un sistema planetario o da una stella nello spesso disco della Via Lattea”.

L'impressione di questo artista mostra che Oumuamua, che è stato scoperto nel 2017. Fino ad ora, era conosciuto come il primo oggetto interstellare a visitare il nostro sistema solare

L’impressione di questo artista mostra che Oumuamua, che è stato scoperto nel 2017. Fino ad ora, era conosciuto come il primo oggetto interstellare a visitare il nostro sistema solare

L’alta velocità è un’indicazione di un oggetto proveniente dall’esterno del nostro sistema solare perché se fosse in orbita attorno al nostro sole sarebbe molto più lento.

Per fare un confronto, la Terra ruota attorno al Sole a circa 66.000 miglia orarie.

Siraj spera che il suo studio, che è stato presentato su Astrophysical Journal Letters, venga rivisto e pubblicato.

Successivamente, speriamo che aiuti la comunità astronomica e consenta la ricerca sulle implicazioni dell’impatto del meteorite del 2014.

Questa scoperta ovviamente significa che Oumuamua è atterrato per essere il secondo oggetto interstellare ad essere scoperto, nell’ottobre 2017.

Oumuamua era originariamente classificata come una cometa e successivamente è stata riclassificata come asteroide perché priva di coma, la nuvola di gas che circonda il nucleo di una cometa.

L’astronomo dilettante della Crimea Gennady Borisov, il terzo oggetto interstellare noto per essere stato scoperto, ha scoperto una cometa chiamata 2I/Borisov usando un telescopio nell’agosto 2019 al passaggio del sole.

2I/Borisov è una delle “comete più pure” mai osservate, hanno annunciato gli scienziati l’anno scorso, il che significa che non è stata alterata o degradata dal calore e dalle radiazioni di stelle come il nostro sole.

READ  Aggiornamento di lancio Starliner OFT-2 di Boeing: cosa c'è in gioco

‘Oumuamua: un visitatore interstellare ha navigato oltre la Terra a 97.200 mph nel 2017

Un oggetto a forma di sigaro chiamato ‘Oumuamua ha navigato attraverso la Terra a 97.200 mph (156.428 km/h) nell’ottobre 2017.

È stato avvistato per la prima volta da un telescopio alle Hawaii il 19 ottobre ed è stato visto 34 volte separate nella settimana successiva.

Prende il nome dal termine hawaiano per “Scout” o “Messaggero” e la Terra ha superato circa 85 volte la distanza dalla Luna.

È stato salutato come il primo corpo interstellare visto nel sistema solare, ma ha sconcertato gli astronomi.

All’inizio si credeva che il corpo potesse essere una cometa.

Tuttavia, non mostra nessuno dei comportamenti classici che ci si aspetta dalle comete, come le code di particelle polverose e il ghiaccio d’acqua.

L’asteroide è lungo fino a un quarto di miglio (400 metri) ed è molto oblungo, forse 10 volte più lungo della sua larghezza.

Questo rapporto di aspetto è maggiore di quello di qualsiasi asteroide o asteroide osservato finora nel nostro sistema solare.

Ma il colore leggermente rossastro dell’asteroide, in particolare il rosa tenue, e la luminosità variabile sono notevolmente simili agli oggetti del nostro sistema solare.

Delle dimensioni del grattacielo Gherkin a Londra, alcuni astronomi erano convinti che fosse stato pilotato da extraterrestri a causa della grande distanza percorsa dall’oggetto senza essere distrutto e della vicinanza del suo viaggio attraverso la Terra.

C’è la possibilità che la roccia sia un “artefatto alieno”, hanno detto i cacciatori di alieni di SETI.

Ma gli scienziati della Queen’s University di Belfast hanno esaminato più da vicino l’oggetto e hanno detto che sembrava essere un asteroide, o un “piccolo pianeta”, come si pensava inizialmente.

I ricercatori ritengono che l’asteroide a forma di sigaro abbia avuto un “passato violento”, dopo aver visto la luce rimbalzare sulla sua superficie.

Non sono del tutto sicuri di quando si verificherà la violenta collisione, ma credono che l’atterraggio dell’asteroide solitario durerà almeno un miliardo di anni.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply