Gli Stati Uniti “aumenteranno” il sostegno ai vaccini in 11 paesi africani

L’iniziativa Global VAX, delineata dall’amministrazione a dicembre, è l’ultimo sforzo per attuare gli impegni del presidente Biden per aiutare a porre fine alla pandemia e ripristinare la leadership sanitaria americana. Questi obiettivi sono guidati dalla sicurezza nazionale e umana Preoccupazioni, per quanto riguarda i funzionari che a nuova variabile Può apparire in un paese ampiamente vulnerabile e fare il giro del mondo rapidamente. La variante omicron in rapida diffusione, che ha portato a livelli record di casi di coronavirus e I ricoveri ospedalieri sono stati rilevati a gennaio, per la prima volta in Sud Africa a novembre.

Secondo la “Guida sul campo” della Global VAX Initiative condivisa con i contatti diplomatici, gli Stati Uniti daranno la priorità ai paesi dell’Africa subsahariana, a partire da Angola, Costa d’Avorio, Eswatini, Ghana, Lesotho, Nigeria, Senegal, Sud Africa, Tanzania, Uganda e Zambia – per “ricevere ampio sostegno” per le loro campagne di vaccinazione attraverso il reclutamento personale, l’assistenza tecnica e un maggiore impegno diplomatico.

Questi paesi hanno generalmente vaccinato meno del 40% della loro popolazione contro il coronavirus, secondo il progetto Our World in Data Tracking dell’Università di Oxford, ma Nelle ultime settimane ha riportato un aumento che, secondo i funzionari statunitensi, mostra la potenziale necessità di aiuti globali.

Nell’ambito dell’iniziativa Global VAX, gli Stati Uniti prevedono di spendere più della metà Funzionari dell’USAID hanno detto a The Post che $ 510 milioni sono destinati al programma per aumentare gli sforzi di vaccinazione in 11 paesi, che potrebbero includere investimenti in centri mobili per gestire i colpi e congelatori per la conservazione sicura dei vaccini e altre forniture. L’iniziativa è incentrata sull’assicurarsi “colpi di pistola” tra le preoccupazioni che molti paesi a basso reddito non abbiano le infrastrutture per immagazzinare e gestire le dosi di vaccino donate da nazioni ricche e gruppi di aiuti globali.

Nel frattempo, l’amministrazione sta cercando un secondo gruppo di paesi – che include Burkina Faso, Camerun, Repubblica Democratica del Congo, Haiti, Kenya e Malawi – come potenziali futuri partner nel programma di vaccinazione, ma non hanno ancora realizzato impegni significativi. Questi sono i posti in cui soggiorniamo Come supportare al meglioe E pensano che potrebbe avere un alto potenziale A medio e lungo termine”, ha affermato in un’intervista Atul Gawande, direttore associato per la salute globale presso l’Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale.

READ  Sherine Abu Aqla: il corrispondente di Al-Jazeera è stato ucciso a colpi di arma da fuoco dall'occupazione | Notizie del conflitto israelo-palestinese

I funzionari hanno affermato che l’amministrazione continuerà anche una serie di investimenti minori per sostenere le vaccinazioni, diffondendo i restanti fondi Global VAX in dozzine di paesi. “Stiamo già intensificando gli sforzi”, ha affermato Jeremy Konyndyk, direttore esecutivo della task force USAID COVID. “Quello che abbiamo costantemente riscontrato nella nostra consapevolezza è che i paesi vogliono le dosi, vogliono la vaccinazione e quando ottengono le risorse per farlo, hanno fatto buoni progressi”.

Mentre gli Stati Uniti hanno già spedito all’estero più di 420 milioni di dosi, molto più di ogni altra cosa altro paeseGli esperti di salute pubblica hanno avvertito che molte dosi donate non vengono consegnate tempestivamente a causa di infrastrutture fragili, risorse inadeguate o esitazione sui vaccini, problemi che secondo i funzionari statunitensi possono essere affrontati in gran parte attraverso investimenti mirati e impegno diplomatico.

Lunedì, il Segretario di Stato Anthony Blinken ha riconosciuto che il ritmo lento delle sparatorie globali ha messo a rischio la Casa Bianca e l’obiettivo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità di vaccinare il 70% del mondo entro metà anno. Meno del 17% degli africani ha ricevuto almeno un’iniezione del vaccino, secondo i dati dell’Università di Oxford.

L’ampio divario nell’accesso ai vaccini è stato fonte di indignazione nel Sud del mondo, dove alcuni leader della sanità pubblica hanno sbagliato paesi più ricchi Accumulare dosi aggiuntive e somministrare dosi di richiamo invece di condividerle con il mondo in via di sviluppo. Il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa ha affermato che il divario nell’accesso a un vaccino equivale a un “vaccino apartheid”.

READ  La Cina testa maniglie e divani per COVID-19 all'interno di una bolla olimpica nonostante i risultati secondo cui le superfici presentano pochi rischi di diffusione del virus

I funzionari dell’USAID hanno affermato in un’intervista che 11 paesi hanno avuto la priorità a causa dell ‘”alto potenziale” che il supporto mirato porterà a vittorie rapide, citando programmi pilota di successo in diversi paesi. Ad esempio, più di un quarto della popolazione in Ghana e Uganda ha ora ricevuto almeno un’iniezione del vaccino contro il coronavirus, dopo che i tassi di vaccinazione nazionali sono rimasti a cifre singole per la maggior parte del 2021, un aumento che i funzionari hanno affermato che sperano di aumentare. on e replicato in altri paesi.

“Quello che ci dice è che quando c’è il giusto mix di accesso ai vaccini, accesso alle risorse, supporto tecnico, volontà politica e leadership del governo, i paesi possono fare molti progressi”, ha detto Konyndyk.

Ai paesi partner sarà chiesto di condividere maggiori dettagli e dati con l’amministrazione sulle strategie nazionali di vaccinazione, comprese le relazioni trimestrali sullo stato di avanzamento. I funzionari dell’USAID si recheranno in Africa per sostenere l’iniziativa di vaccinazione, che è guidata da quell’agenzia, con Gawande che si dirigerà in Nigeria la prossima settimana. Funzionari dell’amministrazione hanno detto che Samantha Power sta pianificando un viaggio nell’Africa subsahariana.

“La creazione di Global VAX riguarda l’organizzazione degli sforzi dell’intero governo, non solo negli 11 paesi in espansione, ma ovunque svolgiamo il nostro lavoro”, ha affermato Gawandi.

Mentre alcuni esperti di salute pubblica hanno messo in dubbio la necessità di un nuovo programma di vaccinazione, i funzionari dell’USAID hanno affermato che gli sforzi si baseranno sul lavoro sanitario globale svolto attraverso altre agenzie come i Centers for Disease Control and Prevention o iniziative come il President’s Emergency Plan for AIDS Relief . , noto come PEPFAR, piuttosto che ripeterlo.

READ  Macron o Le Pen: la Francia affronta una scelta difficile per la carica di presidente

“Non vuoi fermare l’intero programma PEPFAR o l’intero programma contro la malaria per andare a fare le vaccinazioni”, ha detto Konyndyk. “Ogni volta che siamo in grado di diffondere questa missione su una varietà di piattaforme, alleviamo anche parte del carico per loro e consentiamo loro di continuare il loro lavoro principale”.

I funzionari dell’USAID hanno affermato di essere stati in grado di finanziare l’iniziativa Global VAX con gli ultimi fondi rimanenti disponibili ai sensi del Bailout Act degli Stati Uniti, un pacchetto di incentivi legislativi approvato lo scorso anno. I funzionari dell’amministrazione stanno valutando i piani per sollecitare finanziamenti aggiuntivi per le vaccinazioni globali dal Congresso, poiché alcuni democratici ed esperti di salute globale hanno chiesto almeno 17 miliardi di dollari in nuovo denaro.

Giovedì, gli esperti di salute globale hanno elogiato l’amministrazione per lo sviluppo di un “piano concreto” simile alle strategie utilizzate per combattere con successo altre sfide sanitarie globali, come l’HIV/AIDS, ma hanno chiesto che il programma venga esteso a più paesi e finanziamenti aggiuntivi.

“Questi sono principalmente i paesi ‘drop-fruit’ in cui il progresso è facile da fare e misurare. L’ultimo miglio – o in questi casi – miglia, sarà più difficile”, ha scritto Jane Keats, che sovrintende alla politica sanitaria globale presso la Kaiser Family Foundation in una lettera via e-mail.

“Dobbiamo crescere in ampiezza e profondità”, ha affermato Krishna Udayakumar, direttore del Center for Global Health Innovation della Duke University.

Udayakumar ha osservato che l’USAID ha ora esaurito miliardi di dollari in finanziamenti per pacchetti di salvataggio legislativo. “La fase due di questo deve espandersi molto rapidamente”, ha detto. “Questo è completamente a rischio ora, a meno che non ci siano ulteriori finanziamenti in arrivo”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply