Gli Stati Uniti avvertono le Isole Salomone della base militare cinese mentre gli eurodeputati sono accusati di commercio | Asia Pacifico

Il governo degli Stati Uniti ha avvertito Isole Salomone “Risponderà di conseguenza” se l’accordo di sicurezza con la Cina porterà a una presenza militare cinese nella nazione insulare del Pacifico.

La Casa Bianca ha affermato che una delegazione statunitense in visita, tra cui il consigliere per la sicurezza indo-pacifico Kurt Campbell, ha trasmesso il messaggio direttamente al primo ministro delle Isole Salomone, Manasseh Sogavari, poiché le ricadute dell’accordo hanno continuato a dominare la campagna elettorale federale australiana.

I dettagli dell’accordo non sono stati annunciati. Ma secondo la bozza di accordo, consentirebbe alla polizia armata cinese di schierarsi su richiesta delle Isole Salomone per mantenere “l’ordine sociale”. consentirà anche Cina Al fine di “fare visite alle navi ed effettuare rifornimenti logistici nelle Isole Salomone e stop-and-go nelle Isole Salomone”, le forze cinesi possono essere utilizzate anche “per proteggere la sicurezza del personale cinese e grandi progetti nelle Isole Salomone .”

L’amministrazione Biden ha dichiarato in una dichiarazione che Sogavary ha assicurato agli Stati Uniti che non ci sarebbe stata una presenza cinese a lungo termine sulle isole. Tuttavia, gli Stati Uniti stanno “seguendo da vicino gli sviluppi, in consultazione con i partner regionali”.

“I rappresentanti delle Isole Salomone hanno notato che l’accordo ha solo applicazioni nazionali, ma la delegazione statunitense ha notato che ci sono potenziali implicazioni sulla sicurezza regionale per l’accordo, anche per gli Stati Uniti e i suoi alleati e partner”, ha affermato la Casa Bianca in una nota. .

La delegazione statunitense ha individuato chiare aree di preoccupazione per quanto riguarda lo scopo, la portata e la trasparenza dell’accordo.

“Se vengono prese misure per stabilire una presenza militare permanente de facto, capacità di proiezione di potenza o strutture militari, la delegazione ha indicato che gli Stati Uniti avrebbero preoccupazioni significative e risponderebbero di conseguenza”.

Anche la Casa Bianca è impegnata ad accelerare Riapertura della sua ambasciata a Honiara.

Sabato mattina, il tesoriere australiano Josh Frydenberg ha rifiutato di essere coinvolto quando il governo ha appreso dell’accordo.

Nove giornali hanno riferito all’inizio di questa settimana che le agenzie di intelligence australiane sono venute a conoscenza per la prima volta a marzo e hanno svolto un ruolo nella divulgazione online del progetto di accordo.

Ma il fallimento del governo Morrison nel bloccare l’accordo è stato descritto dal partito laburista di opposizione come il più grande fallimento della politica estera nel Pacifico dalla seconda guerra mondiale.

Frydenberg non ha detto quando l’Australia ha appreso per la prima volta l’accordo tra le Isole Salomone e la Cina, dicendo invece “sapevamo che questo era sempre un rischio”, aggiungendo “sapevamo che c’erano discussioni in corso”.

Ha anche detto a Weekend Sunrise che il governo potrebbe fare ben poco per aiutare le Isole Salomone, descrivendo la sua attuale assistenza come “stampa di corte completa”.

Il governo di coalizione ha continuato a cercare di utilizzare la questione per ritrarre i laburisti come delicati nei confronti della Cina, con Frydenberg che ha descritto il discorso del vice leader laburista Richard Marles nel 2019 come la “storia più grande” della giornata.

Marlisse – che stava facendo una campagna al fianco di Jim Chalmers a Brisbane perché il leader laburista Anthony Albanese aveva contratto il virus Covid – ha confermato di aver mostrato ai funzionari del governo cinese una copia di un discorso che ha tenuto in un’università di Pechino nel 2019.

“Ho tenuto un discorso in Cina criticando la Cina e volevo assicurarmi che il governo cinese non fosse affatto sorpreso da quello che stavo per dire”, ha detto Marlis.

“L’assicurazione data dal governo è l’ennesimo tentativo disperato di allontanarsi dai loro fallimenti nel Pacifico”.

L’alto parlamentare laburista Tanya Plibersek ha dichiarato sabato mattina che l’accordo sulla sicurezza delle Isole Salomone è arrivato dopo “anni di abbandono” da parte del governo australiano.

Alla domanda su cosa avrebbe fatto il Labour in modo diverso dalla coalizione, ha detto: “In primo luogo, non avremmo sabotato il rapporto con i nostri vicini del Pacifico.

“È irragionevole, dopo avercelo avvertito, [prime minister] Scott Morrison non ha detto al suo Segretario di Stato, Marise Payne, che voglio che tu sia sul primo aereo per le Isole Salomone per parlarne”.

Le reazioni all’accordo nelle Isole Salomone sono state contrastanti.

Peter Keniloria, presidente della commissione per le relazioni estere del parlamento delle Isole Salomone e deputato dell’opposizione, ha descritto l’accordo come un vantaggio solo per la Cina.

Durante un forum che ha ospitato questa settimana, Keniloria ha anche messo in dubbio l’affermazione di Sugavari secondo cui il suo governo aveva il diritto di raggiungere un accordo perché si trattava di una decisione sovrana.

“Non credo che sia un percorso che dovremmo intraprendere o un percorso che andrebbe a beneficio delle Isole Salomone”, ha detto. “Penso che il più grande vincitore qui sarà la Repubblica popolare cinese, in termini di punti d’appoggio nel Pacifico”.

Ha continuato: “Quando si tratta di sicurezza, specialmente in questo ambiente geopolitico in escalation, è più di una semplice questione nazionale … La regione è colpita e ci sono ripercussioni”.

Un altro partecipante a ForumIl dottor Transform Akurao, un eminente accademico delle Isole Salomone, ha affermato che è motivo di preoccupazione che nessuno al di fuori del governo abbia visto una copia dell’accordo firmato o gli siano stati forniti dettagli sul suo contenuto, ma ha affermato di non vedere nulla di sbagliato nel accordo, che ha rafforzato le forze di polizia delle Isole Salomone (RSIPF).

Ma l’ex Primo Ministro delle Isole Salomone e l’attuale parlamentare Danny Phillip Stesso forum ha detto Che l’accordo aiuterebbe a garantire la protezione delle risorse cinesi nel paese, dopo che le forze di sicurezza australiane schierate lì non sono riuscite a farlo. Le autorità australiane hanno respinto le sue accuse.

L’Associated Press e l’Australian Associated Press hanno contribuito a questo rapporto

READ  Xi chiede più leggi tecniche e punta a una maggiore regolamentazione in futuro

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply