I caccia americani F-22 arrivano negli Emirati Arabi Uniti dopo gli attacchi Houthi

Un caccia F-22 Raptor della US Air Force atterra alla base aerea militare di Siauliai, Lituania, il 27 aprile 2016. REUTERS/Intes Kalinins/file foto

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

DUBAI, 13 feb. (Reuters) – L’aeronautica americana ha dichiarato sabato che i caccia F-22 statunitensi sono arrivati ​​in una base aerea negli Emirati Arabi Uniti dopo una serie di attacchi senza precedenti ad Abu Dhabi da parte di caccia Houthi in Yemen. Sabato.

Nelle ultime settimane, gli Houthi allineati con l’Iran hanno lanciato una serie di attacchi in gran parte senza successo su obiettivi degli Emirati che hanno attivato le difese aeree degli Emirati e degli Stati Uniti e hanno persino visto brevemente le forze statunitensi di stanza lì.

La dichiarazione afferma che gli aerei sono arrivati ​​​​alla base degli Emirati Arabi Uniti come parte di una multiforme dimostrazione di sostegno degli Stati Uniti dopo che una serie di attacchi per tutto il mese di gennaio ha minacciato le forze armate degli Stati Uniti e degli Emirati Arabi Uniti di stanza presso la struttura ospitante.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Il Segretario alla Difesa degli Stati Uniti ha ordinato il rapido dispiegamento dell’aereo di quinta generazione in coordinamento con il principe ereditario di Abu Dhabi Mohammed bin Zayed Al Nahyan, secondo una dichiarazione rilasciata dalla US Central Air Force.

Si unirà a una serie di capacità di combattimento combinate dell’Air Force e della Coalizione, alleati e partner già situati in tutta la regione.

La US Air Force ha detto che i piloti e gli F-22 si stanno schierando dal 1st Fighter Wing situato presso la Joint Base Langley Eustis, in Virginia.

READ  Il massimo generale della Russia schiva l'attacco dell'Ucraina durante un viaggio segreto in prima linea

La scorsa settimana, le operazioni di supervisione generale americana in Medio Oriente hanno detto a Reuters che gli Stati Uniti avrebbero aiutato gli Emirati Arabi Uniti a rinnovare i missili intercettori utilizzati per abbattere i missili in arrivo.

I recenti attacchi Houthi hanno messo in evidenza gli sforzi finora infruttuosi guidati dalle Nazioni Unite per mediare la fine della guerra in Yemen, che dal 2015 ha contrapposto gli Houthi a una coalizione militare a guida saudita che include gli Emirati Arabi Uniti.

Il conflitto ha ucciso decine di migliaia di persone e provocato una crisi umanitaria.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Rapporto: Hamad, Muhammad e Saeed Azhar). A cura di Chizu Nomiyama

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply