I dipendenti senior di Apple scrivono lettere alla direzione, si dimettono a causa del ritorno in ufficio

Ingrandisci / La sede di Apple è a Cupertino, in California.

Gli sforzi di Apple per riportare i suoi dipendenti in ufficio stanno affrontando la continua resistenza di un gruppo organizzato di dipendenti e c’è stata almeno una notevole dimissioni sulla questione.

La giornalista di Verge Zoë Schiffer cinguettare Sabato, Ian Goodfellow, direttore del machine learning di Apple, lascerà l’azienda. Ha citato il piano per tornare in ufficio come motivo della sua partenza. “Credo fermamente che una maggiore flessibilità sarebbe stata la migliore politica per la mia squadra”, ha detto in una nota ai colleghi, secondo il tweet di Schaeffer.

L’attuale politica a volte varia in base al team e al ruolo, ma in generale Apple ha già richiesto ai dipendenti di recarsi in ufficio uno o due giorni alla settimana. Il 23 maggio molti dipendenti Apple dovranno recarsi in ufficio almeno tre giorni alla settimana.

Alcuni dipendenti sono scontenti del graduale ritorno in ufficio. Hanno coordinato i loro sforzi in un gruppo chiamato “Apple Together”. gruppo di recente Pubblica una lettera aperta Indirizzato alla direzione esecutiva della società.

Apple Together elenca diversi motivi per cui ritengono che il ritorno di Apple in ufficio non abbia senso per l’azienda e i suoi dipendenti. Il gruppo tenta di sfatare l’idea che stare insieme in ufficio consenta momenti fortuiti di collaborazione e creatività. Il gruppo afferma che l’azienda è già isolata, quindi collaborare con i colleghi è più gestibile quando si lavora da casa (quando a volte è più facile organizzare le videochiamate in uffici o altri reparti) che in ufficio.

Apple Together rileva l’impatto del pendolarismo nelle città affollate in cui Apple ha uffici, come la Bay Area, Los Angeles o Austin, in Texas, sulla vita personale, l’energia e la disponibilità al lavoro dei dipendenti. Il gruppo rileva inoltre che richiedere ai dipendenti di vivere in pendolarismo d’ufficio limita i tipi di dipendenti che entrano a far parte dell’azienda.

READ  Il processo di configurazione di Pixel 6 Pro si riferisce allo sblocco con il volto

La lettera si conclude nominando ciò che i suoi autori considerano “il motivo più importante” per cui Apple dovrebbe consentire modalità di lavoro più flessibili. Nota che i messaggi di marketing di Apple posizionano prodotti come iPhone, iPad e Mac come strumenti ideali per il lavoro a distanza, anche quando Apple dice ai dipendenti che progettano quei prodotti di tornare in ufficio.

La lettera rileva che il marketing di Apple è una tattica ipocrita e suggerisce che i dipendenti che lavorano per realizzare questi prodotti capiranno meglio le esigenze dei clienti se vivono lo stesso stile di vita lavorativo.

Mentre Apple sta gradualmente riportando i dipendenti alla cultura dell’ufficio, sta utilizzando strumenti di collaborazione remota in modo così efficace che non ha altra scelta.

Ad esempio, a Articolo del Wall Street Journal Su come la pandemia di COVID-19 sta cambiando le operazioni di Apple in Cina, spiega come Apple stia utilizzando tecnologie come lo streaming live, le videochiamate e la realtà aumentata per consentire agli ingegneri con sede in California di collaborare con i colleghi in Cina nonostante le restrizioni di viaggio. In precedenza, molte di queste interazioni richiedevano viaggi internazionali per incontrarsi di persona.

Nel frattempo, molte altre aziende tecnologiche hanno adottato approcci più permissivi al lavoro a distanza. Microsoft incoraggia ancora alcuni dipendenti a entrare in ufficio, ma varia da caso a caso. Altri come Dropbox, Twitter e Lyft hanno annunciato che la maggior parte dei dipendenti potrebbe stare completamente lontana a tempo indeterminato se lo desidera.

Allo stato attuale, Apple prevede di andare avanti con la sua politica aggiornata di tre giorni alla settimana il 23 maggio.

READ  GameStop annuncia il riassortimento di PS5 nel prossimo negozio

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply