Il Dipartimento di Giustizia sta intentando una causa contro Live Nation, la società madre di Ticketmaster

“Riteniamo che Live Nation faccia affidamento su una condotta illegale e anticoncorrenziale per esercitare il suo controllo monopolistico sul settore degli eventi dal vivo negli Stati Uniti a scapito di fan, artisti, piccoli promotori e operatori di locali”, ha dichiarato il procuratore generale Merrick Garland in una nota. . . “Il risultato è che i fan pagano di più, gli artisti hanno meno opportunità di suonare ai concerti, i promotori più piccoli sono schiacciati e i locali hanno meno opzioni reali per i servizi di biglietteria. È ora di sciogliere Live Nation-Ticketmaster.”

Giovedì mattina le azioni di Live Nation sono scese del 5%.

Lo ha affermato Live Nation in un comunicato Le affermazioni di monopolio del Dipartimento di Giustizia sono “ridicole”.

“La denuncia del DOJ tenta di dipingere Live Nation e Ticketmaster come la causa della frustrazione dei fan nei confronti dell’industria dell’intrattenimento dal vivo. Incolpa i promotori dei concerti e le società di biglietti – nessuna delle quali controlla i prezzi dei biglietti – per l’aumento dei prezzi dei biglietti. Ignora tutto ciò che è in realtà responsabile”, ha affermato Dan Wall, vicepresidente esecutivo per gli affari societari e normativi di Live Nation: “Ci vuole l’aumento dei prezzi dei biglietti, dall’aumento dei costi di produzione alla popolarità degli artisti, allo scalping 24 ore su 24, 7 giorni su 7, che rivela la volontà del pubblico di farlo. pagare di più.” Molto più del costo dei biglietti iniziali.

Live Nation e Ticketmaster si sono fuse nel 2010, creando un’entità dominante nel settore degli eventi dal vivo. Secondo la causa del Dipartimento di Giustizia, la società gestisce e gestisce la vendita di biglietti per spettacoli dal vivo a livello globale e possiede e gestisce più di 265 luoghi di intrattenimento in Nord America, inclusi più di 60 dei 100 migliori anfiteatri.

READ  Una donna della Repubblica Ceca trova un antico tesoro medievale

Attraverso Ticketmaster, Live Nation controlla circa l’80% o più dei biglietti base per le principali sedi di concerti, afferma la denuncia.

La causa del Dipartimento di Giustizia, depositata presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto meridionale di New York, accusa Live Nation di mantenere un modello di business auto-rafforzante sequestrando compensi e entrate dai fan dei concerti e dalle sponsorizzazioni, che poi utilizza per bloccare gli artisti per diritti esclusivi. Le offerte promozionali danno agli artisti l’accesso ai principali luoghi di intrattenimento in tutto il paese. La causa sostiene che Live Nation utilizza poi questa posizione dominante per assicurarsi nuove sedi di concerti con contratti di esclusione a lungo termine, riavviando così il ciclo.

Live Nation è anche accusata di minacciare ritorsioni finanziarie contro potenziali concorrenti e locali che collaborano con i concorrenti. acquisire strategicamente minacce competitive regionali più piccole; e sfruttare il rapporto con il partner della sede Oak View Group, trasferendo i contratti di quest’ultimo a Ticketmaster e scoraggiando la concorrenza nella promozione dei concerti.

Live Nation ha fatto notizia lo scorso anno quando un picco di domanda da parte di 14 milioni di utenti, compresi i bot, per i biglietti per i concerti di Taylor Swift ha portato a arresti anomali del sito e code lente. Una sottocommissione del Senato ha emesso un mandato di comparizione a Live Nation e Ticketmaster nel novembre 2023, a seguito di un’indagine durata mesi sull’inflazione esorbitante dei prezzi dei biglietti per il tour di Swift’s Eras.

I prezzi esorbitanti per gli spettacoli negli Stati Uniti hanno spinto decine di fan a cercare i biglietti per il tour di Swift in altri paesi, che spesso sono ancora più economici dopo i viaggi aerei internazionali.

READ  I paesi dell'UE stanno discutendo su un tetto ai prezzi del gas

“Gli appassionati di musica negli Stati Uniti sono privati ​​dell’innovazione dei biglietti e costretti a utilizzare tecnologie obsolete pagando di più per i biglietti rispetto ai fan di altri paesi”, ha affermato il Dipartimento di Giustizia in un comunicato stampa.

Live Nation ha dichiarato giovedì di non beneficiare dei prezzi monopolistici, affermando che le commissioni di servizio di Ticketmaster “non sono più alte che altrove, e spesso inferiori”. La società ha notato che il suo margine di profitto netto lordo si trova nella fascia inferiore delle società S&P 500.

Live Nation ha affermato che la causa non ridurrà i prezzi dei biglietti o le commissioni di servizio. I team di artisti stabiliscono i prezzi dei biglietti e le sedi e trattengono la maggior parte delle commissioni sui biglietti, ha affermato.

“Alcuni lo chiamano ‘antitrust’, ma in realtà è solo anti-business”, ha detto Live Nation’s Wall. “Non esiste alcuna base giuridica per opporsi all’integrazione verticale per questi motivi”.

Live Nation all’inizio di questo mese Annunciato il suo “trimestre più grande di sempre” Citando i ricavi del primo trimestre che sono aumentati del 21% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

La società è stata anche sotto gli occhi del pubblico lo scorso anno per questioni di trasparenza relative alle tariffe nascoste nei prezzi dei biglietti.

Questa è una notizia dell’ultima ora. . Si prega di controllare nuovamente per gli aggiornamenti

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply