Il dollaro sale a un massimo di due decenni quando le attività rischiose vengono svendute; Yen riconquista la terra

  • L’indice del dollaro è salito dello 0,6%; Tutti gli occhi sulla decisione della Federal Reserve di mercoledì
  • Le criptovalute stanno diminuendo; bitcoin in calo del 20%

NEW YORK (Reuters) – Il dollaro USA, rifugio sicuro, è salito al massimo degli ultimi due decenni contro un paniere di valute, spinto dai timori di un rallentamento economico globale e dalle scommesse su forti rialzi dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve statunitense. Ricambio.

I mercati finanziari globali hanno continuato a essere più intelligenti dei dati sull’inflazione USA più del previsto di venerdì, il che ha portato a un ampio aumento dell’avversione al rischio e ha rafforzato le scommesse per un inasprimento delle politiche molto più forte. Leggi di più

Lunedì, i titoli di Stato sono andati esauriti e i mercati azionari di tutto il mondo hanno subito una battuta d’arresto. Leggi di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“Il dollaro ha esteso i suoi guadagni da venerdì poiché i rischi complessivi hanno continuato a svanire”, ha affermato in una nota Brad Bechtel, responsabile globale del forex di Jefferies.

L’indice valutario del dollaro USA, che misura la sua performance rispetto ad altre sei principali valute, è salito dello 0,6% a 105,04, dopo aver toccato il livello più alto da dicembre 2002.

I trader hanno molto da fare questa settimana, comprese le riunioni politiche della Federal Reserve, della Banca d’Inghilterra e della Banca nazionale svizzera.

La Federal Reserve degli Stati Uniti dovrebbe aumentare il suo tasso di interesse chiave di 50 punti base mercoledì e alcuni, tra cui Barclays e Jefferies, si aspettano che la Fed effettui una mossa di 75 punti base.

READ  La forza economica costringe la Federal Reserve a diventare più aggressiva

“Una mossa di 75 punti base (bp) sarà sicuramente una sorpresa per alcuni di coloro che si attengono alla linea dei 50 punti base”, ha affermato Bechtel, aggiungendo che si aspettava che l’indice del dollaro crescesse con tale mossa.

L’indebolimento dello yen giapponese era vicino al suo livello più basso rispetto al dollaro che non si vedeva dal 1998, una delle principali valute che è salita contro di esso lunedì.

Lo yen ha trovato supporto dai commenti fatti da un portavoce del governo giapponese secondo cui Tokyo è preoccupata per il suo atterraggio duro ed è pronta a “rispondere in modo appropriato” se necessario. Leggi di più

“Il tono sempre più acuto dei responsabili politici suggerisce che potrebbero presto rinunciare all’intervento verbale”, ha affermato in una nota Tom Lermouth, un economista giapponese di Capital Economics.

“Non crediamo che l’intervento sui mercati valutari porterà nient’altro che una breve tregua a un costo potenzialmente elevato”, ha aggiunto Lermouth.

Lunedì, il dollaro è sceso dello 0,1% a 134,25 yen.

Il dollaro australiano, visto come un proxy liquido per la propensione al rischio, è sceso dell’1,7%.

La sterlina è scesa al minimo di un mese rispetto al dollaro, subendo pressioni di vendita dopo che i dati hanno mostrato che l’economia britannica si è inaspettatamente contratta ad aprile. Anche le tensioni con l’Unione Europea sugli scambi post-Brexit con l’Irlanda del Nord hanno pesato sulla sterlina, che è scesa dell’1,4% a 1,2146 dollari.

Il bitcoin è scivolato del 20,0% a $ 23.350,5, in un ritmo per il suo peggior giorno in più di due anni, dopo che il principale prestatore di criptovalute statunitense Celsius Network ha bloccato prelievi e trasferimenti, citando condizioni “estreme”, nell’ultimo segnale che sono in corso turbolenze del mercato. nella criptosfera. Leggi di più

(Narrato da Saqib Iqbal Ahmad). Montaggio di William McClain

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply