Novembre 27, 2021

Watchitalia.it

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Watch Italia

Il Giappone lavora per liberare riserve di petrolio su richiesta degli Stati Uniti – Fonti

Una filiale della Cosmo Oil Service Station di Cosmo Energy Holdings è stata trovata il 17 dicembre 2015 a Tokyo, in Giappone. La foto è stata scattata il 17 dicembre 2015. REUTERS / Yuya Shino / File foto

Iscriviti ora per un accesso gratuito illimitato a reuters.com

TOKYO, 22 novembre (Reuters) – Fonti del governo giapponese hanno riferito a Reuters che quattro funzionari erano a conoscenza del fatto che le autorità giapponesi stavano lavorando con altre importanti economie per elaborare modi per ridurre le restrizioni al rilascio delle riserve nazionali di greggio.

Sebbene il primo ministro Fumio Kishida abbia segnalato la sua disponibilità per il fine settimana a seguito della richiesta di Washington, il quarto acquirente di petrolio al mondo, con le sue riserve – sia private che pubbliche – vietate dalle operazioni – lo utilizzerà solo in generale. In tempi di scarsità.

Una fonte ha affermato che il governo stava considerando di rilasciare parte delle azioni statali al di fuori dell’importo minimo richiesto come accordo legale.

Iscriviti ora per un accesso gratuito illimitato a reuters.com

I funzionari stanno anche esaminando il private equity, che fa parte della riserva nazionale, con alcuni consiglieri che sostengono che potrebbe essere rilasciato senza restrizioni, ha detto una seconda fonte.

Una terza fonte ha detto a Reuters che “non abbiamo altra scelta che portare qualcosa” dopo la richiesta degli Stati Uniti. Tutte le fonti hanno rifiutato di essere identificate poiché il piano non è stato reso pubblico.

Il segretario di gabinetto capo Hirokasu Matsuno ha detto che nulla è stato deciso lunedì, mentre Kishida ha detto sabato che il governo valuterà cosa potrebbe fare legalmente. Per saperne di più

READ  Giuria quasi tutta bianca in Arberry Killing Tross Scrutiny

“Dobbiamo cambiare la nostra legge, ci vorrà tempo. Ma alcuni sostengono che le riserve private potrebbero essere liberate”, ha detto la seconda fonte.

“Dobbiamo ampliare la definizione in modo che possano essere rilasciati”, ha detto il funzionario, aggiungendo che non era imminente alcuna gara.

I commercianti hanno detto che non è stato fatto alcun annuncio sulla gara.

Le società private giapponesi, comprese le raffinerie, detengono circa 175 milioni di barili di greggio e prodotti petroliferi come parte di una riserva petrolifera strategica (SPR), che è sufficiente per 90 giorni, secondo Jokmek, la società statale che gestisce SPR e si occupa di post -questioni politiche. Deciso.

Durante la Guerra del Golfo del 1991 e il terremoto e lo tsunami del 2011, le riserve delle compagnie petrolifere sono state ridotte. Secondo Fereidun Fesharaki, capo di Facts Global Energy, una parte dello stato nella SPR non è mai stata utilizzata e in Giappone ci sono quantità “ridicolamente” di scorte petrolifere.

“Non c’è modo che il governo giapponese possa fare qualcosa finché gli Stati Uniti non lo chiedono”, ha detto Fesharaki in un’intervista telefonica.

Fesharaki ha affermato che il paese povero di risorse era più concentrato sul mantenimento delle riserve tra la burocrazia che esisteva durante la crisi petrolifera degli anni ’70 e ’80. “Non ci sarà alcun cambiamento fino alla morte di quella squadra”.

Il greggio Brent si è ripreso dalle perdite precedenti ed è aumentato di circa lo 0,5% dopo il calo di venerdì, in gran parte a causa della caduta dei blocchi prima dei piani per il rilascio di petrolio a causa dei prossimi blocchi in Europa.

READ  Biden allevia la rissa con la Francia e Sauers incontra il papa all'inizio del tour in Europa

Biden ha fatto l’amministrazione Richiesta straordinaria Altre importanti economie devono prendere in considerazione la possibilità di liberare il petrolio dalle loro riserve strategiche poiché i prezzi più elevati iniziano a generare un’inflazione non necessaria e iniziano a minare la ripresa dall’epidemia di Covit-19.

Citando fonti governative, il quotidiano Yomiuri ha affermato che Giappone e Stati Uniti coordineranno l’annuncio delle riserve petrolifere all’inizio di questa settimana.

Le riserve petrolifere del Giappone avevano un consumo giornaliero di petrolio di 145 giorni alla fine di settembre e, secondo i dati ufficiali, superavano almeno i 90 giorni per legge.

Il valore totale di 90 giorni nel settore privato supera il requisito minimo di 70 giorni.

Iscriviti ora per un accesso gratuito illimitato a reuters.com

Report di Yoshifumi Takemoto, Ritsuko Shimizu e Aaron Sheldrick; Redazione e reportistica aggiuntiva di Contoro Gomia; Montaggio della canzone: Ron Kim, Jacqueline Wong e Louise Heavens

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.