Il giudice regola Amazon deve restituire il magazziniere licenziato

Un giudice ha stabilito che Amazon dovrebbe reintegrare un ex impiegato di magazzino licenziato nei primi giorni della pandemia, affermando che la società ha licenziato un lavoratore che ha guidato una protesta che ha invitato Amazon a fare di più per proteggere i dipendenti dal COVID-19.

La disputa tra Gerald Bryson, che lavorava in un magazzino Amazon a New York City, Staten Island, infuria dal giugno 2020, quando Bryson ha presentato una denuncia per pratiche di lavoro sleali al National Labor Relations Board, sostenendo che Amazon si era vendicata contro di lui.

Nello stesso anno, l’NLRB ha affermato di aver trovato merito nella denuncia di Bryson secondo cui Amazon lo aveva licenziato illegalmente a causa della sua regolamentazione sul posto di lavoro. Amazon non ha accettato i risultati e il Consiglio federale ha presentato una denuncia formale contro la società, che ha portato a lunghi procedimenti giudiziari amministrativi.

Lunedì, il giudice amministrativo Benjamin Green ha affermato che Amazon dovrebbe offrire a Bryson il suo lavoro, oltre alla perdita di salari e benefici derivanti dal suo “licenziamento discriminatorio”. La portavoce di Amazon Kelly Nantel ha dichiarato in una dichiarazione che la società avrebbe presentato ricorso contro la sentenza.

“Non siamo assolutamente d’accordo con questa sentenza e siamo sorpresi dal fatto che l’NLRB voglia che qualsiasi datore di lavoro condoni la condotta del signor Bryson”, ha affermato Nantel. “Il signor Bryson è stato licenziato per bullismo, insulto e diffamazione di una collega per aver strombazzato davanti al posto di lavoro. Non tolleriamo questo tipo di comportamento sul nostro posto di lavoro e intendiamo presentare ricorso all’NLRB”.

READ  Tesla accelera a 70 mph e si schianta contro il Greater Columbus Convention Center in Ohio

Bryson ha partecipato per la prima volta a una protesta del marzo 2020 sulle condizioni di lavoro guidata da Chris Smalls, un altro impiegato del magazzino che è stato licenziato dal gigante della vendita al dettaglio online Ha guidato l’Amazon Workers Union, il gruppo di start-up che ha vinto le elezioni sindacali all’inizio di questo mese presso la struttura dell’Amazzonia dove lavoravano i due uomini.

Dopo che Smalls è stato licenziato, Bryson ha guidato un’altra protesta nell’aprile 2020 davanti al magazzino. Durante un licenziamento durante una protesta, Bryson iniziò una faida con un altro lavoratore. Successivamente è stato licenziato per aver violato la politica sul linguaggio volgare di Amazon.

I documenti del tribunale forniscono un resoconto dell’alterco tra Bryson e un dipendente. La registrazione della loro disputa dettagliata dall’NLRB mostrava sia Bryson che la donna che usavano parolacce durante un acceso scambio di battute durato diversi minuti. Il resoconto dell’agenzia mostra che la donna ha avviato lo scambio e due volte ha cercato di provocare Bryson in un alterco fisico con lei, cosa che lui non ha fatto. Alla donna è stato dato un “primo avvertimento”.

La donna ha anche detto a Bryson, che è nero, di “tornare nel Bronx”, qualcosa che il giudice ha detto che Bryson potrebbe interpretare come “razzista” perché “perché è afroamericano e potrebbe chiedersi perché, a parte la sua razza, qualcuno potrebbe supporre lui del Bronx.

Bryson ha testimoniato di aver segnalato questo commento al manager di Amazon con cui ha parlato dell’incidente. Il regista ha negato che Bryson abbia fatto un commento razzista. Ma il giudice si è schierato con il resoconto di Bryson, dicendo che era improbabile che “non riuscisse a trasmettere un’osservazione così eccezionale alla quale ha avuto una reazione così forte”.

READ  La Fed preoccupa le scorte, lo yen sale sull'accenno all'intervento del Giappone

Nella sua sentenza, il giudice ha affermato che Amazon si è precipitata al verdetto e ha continuato una “indagine deviata” su un argomento progettato per incolpare solo Bryson per l’incidente, aggiungendo che la società voleva assolvere Bryson dalla sua “attività coordinata protetta piuttosto che da una valutazione equa “di quello che è successo.

Nella sua indagine sulla mischia, Green ha affermato che Amazon “ha preferito non ottenere informazioni da qualcuno che stava protestando con Bryson anche se quella persona era probabilmente nella posizione migliore per spiegare cosa è successo”.

Invece, ha detto, i numerosi resoconti dell’incidente forniti dalla società sono stati una coincidenza “unilaterale”, aggiungendo di aver ritenuto poco plausibile che le dichiarazioni fossero state rese “a meno che questi resoconti non fossero stati loro richiesti”.

L’NLRB aveva anche spinto per la reintegrazione di Bryson in una causa federale intentata il mese scorso., utilizzando una disposizione del National Labor Relations Act che gli consente di chiedere un provvedimento provvisorio presso un tribunale federale mentre il caso sta attraversando il processo di diritto amministrativo. Amazon ha utilizzato il caso come una delle sue obiezioni ai risultati delle elezioni di Staten Islandaccusando l’agenzia di distorcere il voto perseguendo la reintegrazione di Bryson in vista delle elezioni.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply