Il petrolio scende a causa delle preoccupazioni per le chiusure della Cina, liberando riserve

Un sollevatore per pompe di petrolio e gas vicino a Granum, Alberta, Canada, 6 maggio 2020. REUTERS/Todd Korroll/file Photo

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

  • I membri dell’AIE rilasciano 60 milioni di barili in 6 mesi
  • I produttori statunitensi hanno aggiunto 13 piattaforme petrolifere nella settimana terminata l’8 aprile
  • Shanghai estende il blocco per far fronte al COVID-19
  • Il Brent è sceso dell’1,5% la scorsa settimana, mentre il WTI è sceso dell’1%.

11 aprile (Reuters) – I prezzi del petrolio sono scesi lunedì di oltre 2 dollari al barile, dopo il secondo calo settimanale consecutivo dopo che i consumatori globali hanno annunciato l’intenzione di rilasciare un volume record di greggio e prodotti petroliferi da titoli strategici e poiché il blocco è continuato in Cina.

Il greggio Brent è sceso di $ 2,05, o del 2,0 per cento, a $ 100,73 al barile entro le 06:20 GMT, mentre il greggio US West Texas Intermediate ha perso $ 2,17, o il 2,2 per cento, a $ 96,09. La scorsa settimana, il Brent è sceso dell’1,5% mentre il petrolio statunitense è sceso dell’1%. Per diverse settimane, gli standard sono stati al massimo da giugno 2020.

Il mercato ha seguito gli sviluppi in Cina, dove le autorità hanno tenuto Shanghai, una città di 26 milioni di persone, chiusa secondo una politica di “tolleranza zero” per COVID-19. La Cina è il più grande importatore mondiale di petrolio.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

La preoccupazione per la crescita della Cina è stata la ragione principale del calo dei prezzi del petrolio in giornata, ha affermato Jeffrey Haley, capo analista di mercato di OANDA, poiché la chiusura di Shanghai non ha mostrato segni di miglioramento e Guangzhou ha cercato di avviare test di massa sui virus.

READ  Tesla prevede di riprendere la produzione nella sua fabbrica di Shanghai dal 4 aprile - fonti

“Ora crescono le preoccupazioni sul fatto che se l’ondata cinese di Omicron si diffonderà ad altre città, la sua politica anti-COVID vedrà prolungati blocchi di massa che avranno un impatto negativo sia sulla produzione industriale che sui consumi interni”, ha aggiunto.

Gli stati membri dell’Agenzia internazionale per l’energia (IEA) rilasceranno 60 milioni di barili nei prossimi sei mesi, con gli Stati Uniti che corrisponderanno a tale importo come parte del loro rilascio di 180 milioni di barili annunciato a marzo. Le mosse mirano a compensare la carenza di greggio russo dopo che Mosca è stata sottoposta a pesanti sanzioni in seguito all’invasione dell’Ucraina. Leggi di più

“Prevediamo che i volumi SPR – circa 273 milioni di barili in totale e 1,3 milioni di barili al giorno nei prossimi sei mesi – faranno molto nel breve termine per compensare 1 milione di barili al giorno di petrolio russo”, hanno affermato gli analisti di JPMorgan. la nota “Offerta che prevediamo rimanga offline permanentemente”.

Tuttavia, non è chiaro se ciò compenserà completamente la carenza di petrolio russo mentre le esportazioni continuano, con l’India tentata da profondi tagli, che ha aumentato le importazioni.

Il presidente Joe Biden incontrerà virtualmente lunedì il primo ministro indiano Narendra Modi, ha affermato la Casa Bianca, in un momento in cui gli Stati Uniti hanno chiarito che non vogliono vedere un piccolo aumento delle importazioni di energia russe dall’India. Leggi di più

Negli Stati Uniti, la scorsa settimana le compagnie energetiche hanno aggiunto piattaforme petrolifere e di gas naturale per la terza settimana consecutiva mentre Washington cerca più produzione per aiutare i suoi alleati a scaricare petrolio e gas russo. Leggi di più

Segnalazioni aggiuntive di Florence Tan e Isabel Kwa a Singapore; Reportage aggiuntivo di David Gavin a New York. A cura di Muralikumar Anantharaman

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply