Le azioni asiatiche seguono Wall Street in vista di un possibile aumento dei tassi negli Stati Uniti

Pechino (AFP) – I mercati azionari asiatici hanno seguito il ribasso di Wall Street mercoledì mentre i trader si sono preparati alla possibilità di un forte aumento dei tassi di interesse dalla Federal Reserve per raffreddare l’inflazione.

In calo Shanghai, Hong Kong e Corea del Sud. Tokyo avanzata. I prezzi del petrolio sono cambiati poco, rimanendo al di sotto dei 100 dollari al barile.

Wall Street è scesa martedì dopo che Walmart ha avvertito che l’inflazione, che è salita al massimo da quattro decenni del 9,1%, sta danneggiando la spesa dei consumatori statunitensi.

Mercoledì, la Federal Reserve dovrebbe annunciare un aumento del tasso fino a tre quarti di punto percentuale, tre volte il suo margine abituale. Ciò corrisponderebbe a un aumento simile il mese scorso, il più grande aumento della banca centrale statunitense in 28 anni.

Gli investitori temono che misure antinflazionistiche aggressive da parte della Federal Reserve e delle banche centrali in Europa e Asia possano far deragliare la crescita economica globale.

“Il rischio principale a questo punto è in realtà l'”iperinflazione” con un inasprimento della politica monetaria troppo brusco, causando un aumento inutilmente del tasso di disoccupazione”, ha affermato in un rapporto Thomas Kosterge di Pictet Wealth Management. Thomas ha affermato che la maggior parte degli indicatori economici e il calo dei prezzi delle materie prime indicano già un rallentamento dell’inflazione.

Lo Shanghai Composite ha perso lo 0,1% a 3.273,32 mentre il Nikkei 225 di Tokyo è salito dello 0,1% a 27.692,89. L’Hang Seng di Hong Kong è sceso dell’1,5% a 20.598,58.

Il Kospi di Seoul ha perso lo 0,6% a 2.398,48 e l’S&P-ASX 200 di Sydney lo 0,1% a 6.798,20.

READ  Google ha accettato di pagare $ 118 milioni per risolvere una causa per discriminazione di genere

La Nuova Zelanda è avanzata mentre i mercati del sud-est asiatico sono scesi.

A Wall Street, l’S&P 500 è sceso dell’1,2% a 3.921,05. Il Dow Jones Industrial Average è sceso dello 0,7% a 3.1761,54. Il Nasdaq Composite ha chiuso in ribasso dell’1,9% a 11.562,57.

Il titolo Walmart è sceso del 7,6% dopo che il gigante del commercio al dettaglio ha tagliato le previsioni sugli utili del secondo trimestre e dell’intero anno alla fine di martedì. Ha affermato che l’aumento dei prezzi di cibo e benzina sta costringendo gli acquirenti a ridurre i beni discrezionali più redditizi, in particolare l’abbigliamento.

Avviso di profitto del rivenditore La metà di questo trimestre è rara e ha sollevato preoccupazioni su come il tasso di inflazione più alto degli ultimi 40 anni influenzerà l’intero settore del commercio al dettaglio.

Sono cadute anche altre grandi catene. L’obiettivo è in calo del 3,6%, il titolo Macy’s è in calo del 7,2% e Kohl’s è in calo del 9,1%.

I titoli tecnologici sono scesi. Le azioni Microsoft sono scese del 2,7%, Amazon del 5,2% e la piattaforma Meta di Facebook è scesa del 4,5%.

General Motors in calo del 3,4% dopo che l’utile del secondo trimestre è sceso del 40% di un anno fa. Le vendite negli Stati Uniti sono diminuite del 15% dopo che la carenza di chip per processori e altri componenti ha impedito alla società di consegnare 95.000 veicoli durante il trimestre.

Nei mercati energetici, il greggio statunitense di riferimento è salito di 30 cent a 95,28 dollari al barile nel commercio elettronico sul New York Mercantile Exchange. Il contratto è sceso di $ 1,72 martedì a $ 94,98. Il greggio Brent, la base dei prezzi per i petroli globali, ha aggiunto 5 centesimi a $ 99,51 al barile a Londra.

READ  Come è correlata la crisi di liquidità allo stack di Ethereum Lido

Il dollaro è salito a 136,97 yen da 136,00 yen di martedì. L’euro è salito a $ 1,0145 da $ 1,0120.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply