John Didion, maestro stilista di prosa e storico degli anni ’60, è morto all’età di 87 anni.

Giornalista, editorialista e romanziere John Didion, che aveva gli occhi acuti e ha registrato gli sconvolgimenti sociali degli anni ’60, il panorama culturale della California e le lotte interne della miseria, è morto giovedì nella sua casa di New York.

Ha 87 anni.

Secondo un rapporto di Penguin Random House, la causa è il morbo di Parkinson.

“Didian è uno dei peggiori scrittori e critici della nazione. I suoi romanzi, i suoi commenti e le sue memorie più venduti hanno vinto numerosi premi e sono considerati dei classici moderni”, ha dichiarato la Penguin Random House in una nota.

Divenne noto come uno dei pionieri del “nuovo giornalismo” negli anni ’60, unendo le tradizionali tecniche di reportistica al talento letterario e all’esperienza in prima persona. Ha seguito con impegno i suoi freddi e inevitabili studi sulla politica americana, Hollywood, la controcultura e le contraddizioni del Golden State.

Le opere più famose di Didian includono “Slocking Toward Bethlehem” (1968), una raccolta di saggi sui disordini della fine degli anni ’60 e “The Year of Magical Thinking” (2005). Marito, John Gregory Dunne.

“The White Album” (1979) è un classico della rivista letteraria che fonde senza sforzo le tradizioni della critica culturale, delle memorie e della narrativa di saggistica.

Il titolo dell’articolo è un vero e proprio tour della California negli anni ’60 – incontri del partito delle Pantere Nere, sessione di registrazione con i Doors – così come una registrazione approfondita delle lotte psicologiche dell’autore.

La frase di apertura è diventata sinonimo di Didian e della sua visione del mondo: “Raccontiamo storie per sopravvivere”.

Era una donna debole anche nella sua giovinezza, ma ha approfittato delle sue dimensioni: “Sono fisicamente troppo piccola, troppo capricciosa e non molto nervosa, la gente dimentica che la mia esistenza è contro di loro. Benefici”.

READ  Parla Christopher Steele, creatore del controverso documento Trump Russia

Didian è nato a Sacramento nel 1934 e si è laureato nel 1956 presso l’Università della California, Berkeley. Si è poi trasferito a New York, dove ha iniziato a lavorare per Vogue e ha iniziato la sua carriera come scrittore professionista.

Ha pubblicato il suo primo romanzo, “Corri, fiume” nel 1963. L’anno successivo sposa Diane, la più importante partner creativa di Tide, scrittrice, sceneggiatrice e critica letteraria.

Didian e Dunn si trasferirono in California, dove adottarono una figlia, Quintana Roo, nel 1967. Erano collaboratori quasi inseparabili, lavorando insieme su sceneggiature per film come “The Panic in Needle Park” (1971) e “Up Close and Personal” (1971). 1996).

John Didian con sua figlia Quintana Roo Dunne e il marito John Gregory Dunne nel 1976 a Malibu, in California. John Bryson/Getty Images

Il secondo romanzo di Didian, “Play It as It Lace” (1970), è stato una parte insensibile della Los Angeles degli anni ’60, rivelando l’amara ma memorabile frustrazione che si nasconde sotto il glamour della fabbrica dei sogni di Hollywood.

Didian e Dunnie in seguito hanno collaborato alla sceneggiatura dell’adattamento del 1972 del film “Play It’s Lace” con Mars Welt e Anthony Perkins.

Ma per tutti i premi che ha ricevuto come romanziere, Didian può essere ricordato soprattutto per i suoi contributi eleganti e taglienti al nuovo movimento della stampa, che includono il lavoro di Tom Wolf, Nora Efron e Kay Talis.

Ha tracciato chiaramente gli eventi passati e presenti che descrivono di tutto, dalle variazioni della cultura hippie al rapimento di nonna Hearst con freddo distacco e pacata intensità.

“Joan è un grande spettatore e ascoltatore, che racconta la verità sul nostro presente e futuro in modo intelligente e sottile. Era feroce e senza paura nei suoi servizi. La sua scrittura è senza tempo e potente e la sua prosa ha colpito milioni di persone”, Shelley Wanger, il suo editore a Knopf, ha detto in una nota.

READ  Johnny Depp Investigation Live: ultime notizie dalla guerra di diffamazione con Amber Heard

Didian era consumato dalla complessa storia della sua California – “l’ologramma che si smaterializza quando guido”, ha descritto una volta lo stato.

“La California è di proprietà di John Titian”, il critico del New York Times Michigo Kakutani Scritto nel 1979. “Non è la California dove tutti indossano occhiali da sole da aviatore, possiedono una jacuzzi e comprano i suoi vestiti durante un rodeo drive. Ma la California in senso occidentale. Manifest Destiny è un concetto quasi ovvio che è in qualche modo legato al vecchio West, alla terra, al clima e alla propria famiglia.

Ha respinto le ipotesi ufficiali e le storie autorevoli del cosiddetto caso Central Park Jagger del 1989 come ipotesi pubblica. (Le sentenze dei cinque uomini neri e latini interrogati in questo caso sono state successivamente annullate e sono stati rilasciati. In carcere.)

Gli ultimi anni di Tiziano furono in qualche modo limitati dai calcoli di perdita e dolore.

“The Year of Magical Thinking” racconta la storia del dolore che seguì la morte di Dunn nel 2003. È crollato alla loro scrivania ed è morto per un attacco di cuore: la loro figlia Quintana Ru Dunne Michael è stata ricoverata in ospedale con una grave malattia.

Quintana morì di grave pancreatite all’età di 39 anni, poco dopo la pubblicazione del libro. Didian esplora le emozioni della morte di sua figlia nel numero del 2011 di “Blue Knights”.

“Non siamo creature selvagge idealistiche”, ha scritto Didian in “L’anno del pensiero magico”.

“Siamo esseri mortali imperfetti, e anche se lo spingiamo, sappiamo che la morte, abbiamo fallito per il nostro problema, quindi per il filo, quando piangiamo la nostra perdita, ci addoloriamo, nel bene e nel male, come eravamo. Noi non potrà mai essere un giorno.

READ  I fan stanno lottando per far uscire Novak Djokovic dal suo hotel. Dentro, i rifugiati si chiedono se se ne andranno mai

Le altre opere degne di nota di Didian includono altri tre romanzi – “A Book of Common Prayer” (1977), “Democracy” (1984), “The Last Thing He Wanted” (1996) – così come diverse raccolte di saggistica, tra cui “Salvador ” (1983). E “Fiction politica” (2001).

Nel 2005 è stato insignito del Bellas Letters e della American Academy of Arts and Letters Gold Medal in Criticism. Nel 2007 è stato insignito della Medaglia della National Book Foundation per l’eccezionale contributo alle lettere americane.

Nel 2013, il presidente Barack Obama gli ha conferito la National Medal for Arts and Humanities.

“Didian ha creato opere con sorprendente onestà e intenso intelletto, ha reso universali le storie personali e fa luce sui dettagli esterni che sono centrali nelle nostre vite”. Citazioni.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply