La benzina aumenta i prezzi al consumo negli Stati Uniti. L’inflazione potrebbe aver raggiunto il picco

  • I prezzi al consumo sono aumentati dell’1,2% a marzo
  • La benzina rappresenta più della metà dell’aumento dell’IPC
  • L’IPC aumenta dell’8,5% su base annua; Potrebbe aver raggiunto il suo apice
  • L’IPC core è aumentato dello 0,3%; In aumento del 6,5% su base annua

WASHINGTON, 12 aprile (Reuters) – I prezzi mensili al consumo statunitensi sono aumentati di più in 16-1/2 anni a marzo, quando la guerra della Russia contro l’Ucraina ha portato il costo della benzina a livelli record, rafforzando la tesi per un aumento del tasso del 50%. punto base. dalla Federal Reserve il mese prossimo.

L’aumento dei prezzi segnalato martedì dal Dipartimento del lavoro è culminato in un aumento dell’inflazione annuale al ritmo più veloce dalla fine del 1981. Ma c’erano alcuni barlumi di speranza, con pressioni sui prezzi core mensili in moderato aumento mentre i prezzi delle auto si calmavano. Gli economisti ritengono inoltre che l’inflazione complessiva abbia raggiunto il picco.

“La Fed trarrà sollievo dal rapporto di oggi, ma ha ancora molto lavoro da fare per ripristinare la stabilità dei prezzi”, ha affermato Sal Gutierre, capo economista di BMO Capital Markets a Toronto.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

L’IPC ha accelerato dell’1,2% il mese scorso, il più grande guadagno mensile da settembre 2005. L’IPC è avanzato dello 0,8% a febbraio. Un aumento del 18,3% dei prezzi della benzina ha rappresentato più della metà dell’aumento dell’IPC.

I prezzi della benzina alla pompa sono saliti in media a un massimo storico di $ 4,33 al gallone a marzo, secondo AAA.

La Russia è il secondo esportatore mondiale di greggio. Gli Stati Uniti hanno vietato le importazioni di petrolio russo, gas naturale liquefatto e carbone come parte di una serie di sanzioni contro Mosca per la sua invasione dell’Ucraina.

READ  Le azioni si sono mescolate dopo il rally mentre gli investitori monitorano gli sviluppi della guerra Russia-Ucraina

Oltre all’aumento dei prezzi della benzina, la guerra russo-ucraina, giunta al suo secondo mese, ha portato a un aumento globale dei prezzi dei generi alimentari, con Russia e Ucraina che sono i principali esportatori di materie prime come grano e olio di girasole.

Al di fuori della benzina, l’aumento dell’inflazione è stato generalizzato. I prezzi del cibo sono aumentati dell’1,0%, con il costo del cibo consumato a casa dell’1,5% in mezzo a forti guadagni in tutte le categorie. Ma il costo del cibo consumato fuori casa è stato moderato con un aumento dello 0,7% dei pasti a servizio completo parzialmente compensato da un calo dello 0,2% dei pasti a servizio limitato, il primo calo da ottobre 2018.

Nei dodici mesi fino a marzo, l’IPC ha accelerato dell’8,5%. Questo è stato il più grande guadagno anno su anno dal dicembre 1981 ed è stato seguito da un aumento del 7,9% a febbraio. È stato il sesto mese consecutivo di letture annuali dell’IPC a nord del 6%.

L’aumento dell’inflazione il mese scorso è stato in linea con le aspettative degli economisti.

Le forti letture dell’IPC hanno seguito le notizie del mese scorso secondo cui il tasso di disoccupazione è sceso al minimo di due anni del 3,6% a marzo. Un mercato del lavoro teso sta alimentando l’inflazione salariale.

La banca centrale statunitense a marzo ha alzato il tasso di interesse ufficiale di 25 punti base, il primo aumento in più di tre anni. Il verbale della riunione politica pubblicato mercoledì scorso sembra aver aperto la strada a significativi aumenti dei tassi di interesse in futuro.

L’aumento dell’inflazione e la posizione aggressiva della Fed fanno temere al mercato obbligazionario una recessione negli Stati Uniti, sebbene la maggior parte degli economisti si aspetti che l’espansione continui.

READ  Il senatore Grassley ha detto che l'FBI ha avvertito Twitter che potrebbe avere un agente cinese sul libro paga

Le azioni statunitensi hanno aperto al rialzo. Il dollaro si è stabilizzato contro un paniere di valute. I rendimenti del Tesoro USA sono scesi.

L’IPC core mensile rallenta

Gli economisti ritengono che marzo potrebbe segnare il picco del tasso annuo CPI, ma avvertono che l’inflazione rimarrà ben al di sopra dell’obiettivo della Federal Reserve di almeno il 2% fino al 2023.

I prezzi della benzina sono scesi dai minimi storici, ma sono ancora ben al di sopra di $ 4 per gallone. Anche le letture di alta inflazione dell’anno scorso inizieranno a diminuire dal calcolo dell’IPC.

“Marzo potrebbe essere il picco delle misure annuali di inflazione di questo ciclo”, ha affermato Ben Ayers, capo economista presso Nationwide a Columbus, Ohio. “Tuttavia, dato l’alto punto di partenza e il potenziale di ulteriori ritardi nella ripresa delle catene di approvvigionamento, le letture dell’inflazione dovrebbero rimanere molto elevate fino al 2022 e nel 2023”.

Il secondo calo mensile consecutivo dei prezzi di auto e camion usati ha portato a una lettura mensile scarsa dell’inflazione core. Ha anche abbassato i prezzi per le auto nuove. Escludendo le componenti volatili di cibo ed energia, l’IPC è aumentato dello 0,3% dopo essere aumentato dello 0,5% a febbraio.

L’aumento dello 0,5% dei costi degli alloggi ha rappresentato quasi i due terzi dell’aumento del cosiddetto indice dei prezzi al consumo core. Una misura importante degli affitti, l’affitto equivalente dei proprietari per la residenza principale, è avanzato dello 0,4%. Anche il costo dell’alloggio in hotel e motel è aumentato in modo significativo.

Le tariffe aeree sono aumentate del 10,7%. Anche l’arredamento della casa costa di più, così come l’assicurazione per auto, abbigliamento, intrattenimento e cura della persona. Il costo dell’assistenza sanitaria è cresciuto dello 0,5%, con un aumento significativo delle visite mediche e dei servizi ospedalieri. Ma i prezzi dei farmaci da prescrizione sono scesi dello 0,2%.

READ  Dove Walmart, Amazon e Target spendono miliardi in un'economia in rallentamento

L’IPC core è aumentato del 6,5% nei 12 mesi fino a marzo, il più grande aumento dall’agosto 1982, dopo essere aumentato del 6,4% a febbraio.

I blocchi in Cina per contenere la recrudescenza delle infezioni da COVID-19 sono visti con una maggiore pressione sulle catene di approvvigionamento globali, che potrebbero mantenere i prezzi delle materie prime più alti. Separatamente, si prevede che anche gli affitti delle case più elevati manterranno alta l’inflazione core.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Segnalazione di Lucia Mutikani) Montaggio di Chizu Nomiyama e Andrea Ricci

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply