Novembre 27, 2021

Watchitalia.it

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Watch Italia

La corsa al governatore della Virginia è la prova più grande del motivo per cui Trump sta ancora incoraggiando i democratici

“Non abbiamo bisogno di Donald Trump nel Caucaso”, ha detto McAuliffe di Young mentre si imbarcava nell’ultimo viaggio in autobus della sua campagna ad Arlington venerdì.

Le campagne per la democrazia in Virginia negli ultimi mesi si sono concentrate su Trump, l’ex presidente che ha trasformato le elezioni dello scorso anno nel test più grande, promuovendo lo storico voto democratico al ballottaggio o negli anni in cui è stato al potere. , Promuove la base del partito al voto in un numero ancora più straordinario. Questa lezione, che sarà determinata da come finiranno le gare della Virginia per governatore, vicegovernatore e procuratore generale il 2 novembre, risuonerà per anni all’interno dei Democratici mentre cercano di capire come motivare gli elettori quattro anni dopo. Gli anni di Trump alla Casa Bianca.

McAuliffe, un candidato che raramente fa brutti scherzi, non ha chiarito le sue parole sulla costruzione degli Youngs con il famigerato Trump in Virginia un anno dopo aver perso il Commonwealth di 10 punti. I suoi annunci hanno trasformato Young nel vendicatore di Trump, l’ex governatore democratico lo ha chiamato ripetutamente “Wannape” e nelle ultime settimane della campagna, McCullough e Young corrono “insieme” e l’ex presidente “vuole usare queste elezioni per ottenere fuori dal tappeto per prepararlo al 2024”.

Questa nazionalizzazione ha avuto luogo soprattutto nella Virginia del Nord. In città come Arlington, Alessandria e False Church, i prati sono contrassegnati con “Youngkin = Trump” perché McAuliffe spera di trasformarsi drammaticamente contro Trump nel 2016 e nel 2020 nel Commonwealth.

“Qualunque cosa dicano alcune persone”, ha detto Susan Swecker, leader dei Democratici della Virginia, “Trump e il suo programma sono sulla scheda elettorale”.

L’energia di questo messaggio è particolarmente importante quest’anno Democratici preoccupati La loro base elettorale – potrebbe essere esaurita dal flusso infinito delle cosiddette elezioni importanti – C’è meno interesse a partire adesso Per le elezioni di novembre. I sondaggi supportano queste paure e l’entusiasmo dei repubblicani per la razza è maggiore dell’interesse democratico.

Ma Saragozza e altri elettori giovedì sera hanno espresso preoccupazione per il fatto che alcuni dei loro amici non fossero coinvolti nella gara.

Adina Wells, una donna di 58 anni che ha partecipato al raduno di McAlliffe con Harris, ha affermato che molti dei suoi amici “non erano coinvolti” nella corsa al governatore come lo erano alle elezioni presidenziali un anno fa perché alcuni di loro non potevano sentirsi (in Trump) che se avessi qualcuno da sostenere, potrebbe aiutarlo.

READ  Gli scienziati hanno portato alla luce tracce di vita antica in una gemma di 2,5 miliardi di anni

“Non voglio che torni”, ha detto Wells di Trump. “È un fattore motivante”.

McAuliffe e Youngkin affrontano pressioni per il voto anticipato nella corsa in Virginia

Per contrastare queste preoccupazioni, McAuliffe e i suoi migliori delegati hanno cercato di motivare i democratici con questioni motivate dai fondamentali come l’aborto e il sostituto responsabile del governo 19 come lo vedono, avvertendo che la vittoria di Yankin sarebbe stata la vittoria di Trump – che non sta facendo campagna qui per il candidato repubblicano.

“I democratici sono ancora infastiditi da Trump”, ha affermato David Turner, un dirigente senior della Democratic Governors Association.

Renே Schumann, uno di quegli elettori, ha votato per McAuliffe in un ufficio per il voto anticipato nella contea di Chesterfield la scorsa settimana.

Schumann ha detto di Trump. “Se non sei serio contro di lui, sento che ci sei per lui. Non voglio assolutamente trasmettere che raccomando al giovane di essere contro di lui, quindi questo è chiaro nella mia mente”.

Test più grande della California

Ha combattuto contro la nazionalizzazione in uno stato che si è ritirato dal Partito Repubblicano nelle recenti elezioni federali e voleva localizzare la razza.

“Sono sulla scheda elettorale, sto correndo contro Terry McAliffe”, ha detto Young di recente a Jeff Jell della CNN. “Terry McAuliffe vuole chiunque, ma Terry McAuliffe sta facendo una campagna. Invita il mondo a venire a fare una campagna”.

E la sua campagna I recenti sondaggi mostrano che la corsa è una testa morta, con McAuliffe che “fa campagna sul passato mentre si concentra sulla visione positiva di Glenn Young sul futuro”.

“Ora McAuliffe sta annegando e frustrato, motivo per cui sta invitando il candidato presidenziale sconfitto dalla California a fare campagna con lui”, ha detto il portavoce di Young Christian Martinez dell’arrivo di Harris. “Abbiamo detto fin dall’inizio che McAuliffe era l’unica persona entusiasta di McAuliffe e abbiamo dimostrato di avere ragione”.

I candidati repubblicani possono ignorare Trump, ma lui non andrà

I democratici spesso citano la California come prova di un focus su Trump in una campagna elettorale. Il governatore della California Gavin Newsom, un democratico che ha sventato con successo un tentativo di richiamare il suo repubblicano Larry Elder, ha respinto l’ex presidente quasi un anno fa.

Ma Biden ha battuto la California di quasi 30 punti. Golden State, che ha quasi due a uno democratici a favore della registrazione degli elettori repubblicani, non è la Virginia. Quando anche il New Jersey ha avuto una corsa al governatore il 2 novembre, lo stato era anche molto più blu della Virginia.

READ  Ferrell cambia Ryan Reynolds, Jimmy Fallon e Kimmel - Timeline

“Se l’influenza di Trump fosse davvero diminuita il 21 gennaio 2021, oggi vedresti una campagna molto diversa”, ha affermato Jeff Bergen, uno dei massimi strateghi della Democratic Lawyers Public Association. “Ma quello che sappiamo è che Trump e molti repubblicani, incluso il ticket statale in Virginia, hanno messo in discussione le basi di Big Lay, audit Sham e democrazia.

Il procuratore generale della Virginia Mark Herring, un democratico Pubblica annunci Il candidato al procuratore generale repubblicano Jason Myros è stato uno dei gruppi che hanno aiutato Trump e la manifestazione intorno alla rivolta del 6 gennaio.

Burgan ha aggiunto: “Donald Trump è una delle armi di voto più potenti dei democratici. Non ci sono dubbi”.

Ecco perché i democratici sono stati catturati in una recente manifestazione repubblicana in Virginia, dove Trump ha chiamato l’evento e ha salutato il candidato repubblicano come un “gentiluomo” e spera che “arriverà”.

McAuliffe non ha perso tempo a saltare sul carro, trasformandolo in una pubblicità e in un potente strumento di raccolta fondi che ha contribuito a raccogliere più di 2 milioni di dollari, ha detto il suo team.

Nazionalizzazione contro localizzazione

La strategia di Young, che si concentra su questioni locali come l’istruzione e l’economia ed è meno sulle tendenze nazionali, ricorda ciò che i repubblicani hanno fatto nel 2009 nel New Jersey, dove i democratici hanno trasformato il referendum sull’ex presidente George W. Bush in un referendum democratico. Nel 2008, si è appoggiato all’allora presidente Barack Obama, che di recente aveva portato lo stato al di sopra del 15 per cento. I repubblicani vinsero anche la Camera dei Governatori in Virginia quell’anno.

“Youngkin vuole che sia una razza che decide su questioni statali e locali e i Democratici vogliono che sia una questione federale. Ma di solito la vedi in una posizione molto blu”, ha detto Mike Duheim. Stratega leader nella campagna di successo del 2009 dell’ex governatore del New Jersey Chris Christie. Come Young, anche Christie ha portato alcuni inquilini e Duheim ha detto di aver rifiutato la visita dell’ex candidata alla vicepresidenza Sarah Palin perché voleva evitare la concorrenza nazionalizzata in blu.

Tuttavia, la più grande differenza tra il 2009 e oggi è l’ostilità di Trump.

McAuliffe lotta per coinvolgere i Democratici politicamente esausti vicini alla campagna della Virginia

La strategia “mostra il cambiamento ideologico della Virginia più di ogni altra cosa”, ha detto Duheim. “Ma Trump è molto diverso da George Bush. Trump vuole essere al centro delle cose. George W. Bush se n’è andato e c’è una differenza tra essere infame come Bush, non essere famoso ed essere odiato”.

READ  Dopo la cacciata di Erdogan, la lira turca è scesa

Anche se McAuliffe è anti-Trump al centro della sua campagna, gli avvertimenti su Trump tra i democratici della Virginia del Nord non sono potenti come quelli dell’ex presidente.

Il rappresentante Dan Bayer, che ha rappresentato gran parte della Virginia del Nord dal 2015, ha affermato che tutto ciò che è stato realizzato in Virginia negli ultimi otto anni è “a rischio con una persona che vuole essere un alleato di Donald Trump”.

Ma ci sono preoccupazioni sul fatto che le persone siano meno concentrate sull’opposizione a Trump di quanto non fossero quando era al ballottaggio. “Otteniamo di più dalla presidenza di Trump”, ha detto, “e naturalmente svanirà”.

McAuliffe era preoccupato da molto tempo – in un’intervista alla CNN a giugno, poco prima della vittoria delle primarie democratiche del Commonwealth, che l’energia di Trump potesse esaurirsi.

“Abbiamo tenuto Donald Trump qui per quattro anni. Ha guidato l’era democratica. Donald Trump non è più presidente”, ha detto McAuliffe alla CNN. “È così vicino… sarà una guerra.”

Al di fuori dei gruppi politici che lavorano in Virginia, Swing Left, un gruppo formato all’indomani dell’elezione di Trump nel 2016, ha dichiarato alla CNN di non aver visto alcun calo di impegno prima delle elezioni del prossimo anno.

Ryan Quinn, il direttore della campagna del gruppo, ha affermato che la loro affiliata, Vote Forward, un gruppo che invia lettere direttamente agli elettori per andare a votare, ha visto quattro volte più lettere quest’anno rispetto a quelle su cui il gruppo si è concentrato. Razze legislative nel Commonwealth. Quest’anno The Swing Left ha fatto altre quattro chiamate agli elettori in Virginia.

“Non vediamo un calo di entusiasmo”, ha detto Quinn, aggiungendo che ciò di cui stiamo parlando in Vincenzo sono le persone che conoscono non solo la direzione dello stato, ma anche la direzione della storia elettorale complessiva. Entra in un ciclo intermedio. ”

“Anche se è speciale che siamo stati in grado di capovolgere lo stato nel 2019″, ha le più alte importazioni nazionali nel ciclo 2022. ”

Correzione: una versione precedente di questa storia ha travisato l’anno elettorale di Donald Trump. È stato eletto nel 2016.