La Fed offrirà aumenti di 25 punti base nel primo trimestre, seguiti da una lunga pausa

BENGALURU (Reuters) – La Federal Reserve statunitense terminerà il suo ciclo di inasprimento dopo aver alzato di 25 punti base in ciascuna delle sue prossime due riunioni politiche ed è probabile che manterrà i tassi di interesse stabili almeno per il resto dell’anno. Per la maggior parte degli economisti in un sondaggio Reuters.

I funzionari della Federal Reserve concordano ampiamente sul fatto che la banca centrale statunitense dovrebbe rallentare il ritmo della stretta per valutare l’impatto dei rialzi dei tassi. Lo scorso anno la Fed ha alzato il tasso overnight di riferimento di 425 punti base, con la maggior parte della stretta a 75 e 50 punti base.

Con l’inflazione ancora bassa, oltre l’80% dei previsori dell’ultimo sondaggio Reuters, 68 su 83, prevede che la Federal Reserve invertirà un aumento di 25 punti base nella riunione del 31 gennaio-1 febbraio. Se ciò si materializza, porterebbe il tasso ufficiale – il tasso sui fondi federali – a un intervallo compreso tra 4,50% e 4,75%.

I restanti 15 vedono un rally di 50 punti base in arrivo in un paio di settimane, ma solo uno di loro proveniva da una grande banca d’affari statunitense che tratta direttamente con la Fed.

Secondo 61 economisti su 90, il tasso sui fondi federali avrebbe dovuto raggiungere il picco al 4,75%-5,00% a marzo. Ciò corrispondeva al prezzo del tasso a termine, ma era di 25 punti base al di sotto del punto medio per il 2023 nelle proiezioni del “punto di pittura” rilasciate dai responsabili politici della Fed alla fine della riunione del 13-14 dicembre.

READ  Diverse nuove offerte di laptop da gioco Cyber ​​​​Monday stanno per essere pubblicate

James Knightley, capo economista internazionale di ING, ha osservato: “L’inflazione negli Stati Uniti mostra che le pressioni sui prezzi si stanno attenuando, ma in un contesto di mercato del lavoro forte, la Fed sarà cauta nel fissare tassi di interesse più elevati”.

Il tasso finale previsto sarà più del doppio del picco dell’ultimo ciclo di inasprimento e il più alto dalla metà del 2007, poco prima della crisi finanziaria globale. Non c’è stato un chiaro consenso su dove sarà il tasso ufficiale della Fed alla fine del 2023, ma circa due terzi degli intervistati si aspettavano il 4,75%-5,00% o più.

L’offerta del tasso di interesse del sondaggio era leggermente inferiore alle ultime previsioni della Fed, ma le medie del sondaggio per crescita, inflazione e disoccupazione erano sostanzialmente in linea.

Si prevedeva che l’inflazione scendesse ulteriormente, ma rimanesse al di sopra dell’obiettivo del 2% della Fed per gli anni a venire, lasciando relativamente poche possibilità di un taglio dei tassi in tempi brevi.

In risposta a un’ulteriore domanda, oltre il 60% degli intervistati, 55 su 89, ha affermato che è più probabile che la Fed mantenga i tassi di interesse stabili almeno per il resto dell’anno piuttosto che tagliarli. Questa visione è in linea con la proiezione mediana del sondaggio del primo taglio in arrivo all’inizio del 2024.

Tuttavia, una minoranza significativa, 34, ha affermato che i tagli dei tassi di interesse quest’anno erano più probabili che altrimenti, con 16 citando la bassa inflazione come motivo principale. Dodici di loro hanno affermato che c’è stato un rallentamento economico più profondo e quattro di loro hanno affermato che c’è stato un forte aumento della disoccupazione.

READ  L'S&P ha registrato un quarto calo consecutivo mentre i discorsi sulla recessione pesavano su Wall Street

“La Fed ha dato la priorità all’inflazione rispetto all’occupazione, quindi solo un forte calo dell’inflazione core può convincere il FOMC a tagliare i tassi di interesse quest’anno”, ha affermato Philip Marie, capo stratega statunitense di Rabobank.

“Mentre il picco dell’inflazione è alle nostre spalle, la tendenza di fondo rimane costante… Non pensiamo che l’inflazione sarà vicina al 2% prima della fine dell’anno”.

Sondaggio Reuters – Le aspettative della Federal Reserve Usa

Nel frattempo, è più probabile che la Fed aiuti a spingere l’economia in recessione. Il sondaggio ha mostrato che c’è quasi il 60% di possibilità di una recessione negli Stati Uniti entro due anni.

Sebbene fosse inferiore rispetto al sondaggio precedente, molti contributori non hanno fissato le probabilità di una recessione alle loro previsioni perché una recessione è ora lo stato di base, anche se breve e superficiale come avevano previsto diversi precedenti sondaggi Reuters.

La più grande economia del mondo dovrebbe crescere solo dello 0,5% quest’anno prima di rimbalzare all’1,3% nel 2024, ancora al di sotto della sua media a lungo termine di circa il 2%.

Con i licenziamenti di massa in corso, soprattutto nelle società finanziarie e tecnologiche, il tasso di disoccupazione dovrebbe salire a una media del 4,3% l’anno prossimo, dall’attuale 3,5%, per poi risalire al 4,8% l’anno prossimo.

Pur essendo ancora storicamente bassa rispetto alla recessione precedente, la previsione era di circa un punto percentuale superiore rispetto allo scorso anno.

(Per altre storie dal Reuters World Economic Survey:)

(Segnalazione di Prirana Bhatt); sondaggio Meloni Purohit; Montaggio di Ross Finley e Paul Simao

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply