La Polonia sta cercando un’alleanza per inviare carri armati Leopard in Ucraina

  • La Polonia afferma di voler inviare carri armati Leopard in Ucraina
  • La Germania accenna all’approvazione mentre gli alleati fanno pressione
  • Il presidente Zelensky è alle prese con uno scandalo di corruzione
  • La Russia afferma che il dibattito sui carri armati mostra la divisione della NATO

VARSAVIA/Kiev, 23 gennaio (Reuters) – La Polonia ha detto lunedì che chiederà alla Germania il permesso di inviare carri armati Leopard in Ucraina e li invierà indipendentemente dal fatto che Berlino sia d’accordo, purché gli altri paesi siano d’accordo.

Il governo di Kiev vuole il Leopard 2 di fabbricazione tedesca, uno dei carri armati occidentali più utilizzati, per aiutarlo a sfondare le linee russe e riconquistare il territorio quest’anno.

La Germania, che deve accettare di riesportare il Gattopardo, finora si è tirata indietro, temendo mosse che potrebbero far degenerare Mosca, e afferma che altri paesi della NATO non hanno richiesto formalmente la sua riesportazione.

I paesi occidentali hanno impegnato miliardi di dollari in nuovi aiuti militari all’Ucraina negli ultimi giorni: lunedì i ministri degli Esteri dell’UE hanno concordato di rilasciare l’ultima tranche di 500 milioni di euro (545 milioni di dollari), hanno detto tre fonti.

Ma alla riunione dell’Unione europea di lunedì a Bruxelles e alla riunione della scorsa settimana dei ministri della difesa occidentali in Germania, la questione dei carri armati ha dominato le discussioni.

“In questa fase non ci sono buoni argomenti per non fornire carri armati”, ha detto il ministro degli Esteri lettone Edgars Renkovics. “L’argomento dell’escalation non funziona perché la Russia continua a intensificare”.

Il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki, il cui paese confina con l’Ucraina, come la Lettonia, ha detto che Varsavia chiederà alla Germania il permesso di riesportare carri armati a Kiev.

READ  La Russia afferma che sta riprendendo la sua partecipazione all'accordo sul grano con l'Ucraina

Ma ha aggiunto: “Anche se non otteniamo questa approvazione … continueremo a trasferire i nostri carri armati con altri in Ucraina. La condizione per noi al momento è costruire almeno una piccola coalizione di paesi”.

Il ministro degli Esteri tedesco sembrava aprire la porta all’approvazione di tali spedizioni domenica, quando ha detto che Berlino non si sarebbe messa sulla sua strada se la Polonia avesse voluto inviarle.

Si ritiene che sia l’Ucraina che la Russia stiano pianificando offensive primaverili per rompere lo stallo in quella che è diventata una guerra di logoramento nell’Ucraina orientale e meridionale mentre si avvicina il primo anniversario dell’invasione russa.

I combattimenti sono ora concentrati nella città di Bakhmut, a est, dove i mercenari russi Wagner e le forze ucraine sono impegnati in battaglia.

Nel frattempo, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky è alle prese con uno scandalo di corruzione che potrebbe smorzare l’entusiasmo occidentale per il suo governo.

Un giornale ha riferito che l’esercito ucraino aveva affermato di aver ottenuto cibo a prezzi molto gonfiati e che un viceministro si era dimesso dopo un’indagine sulle accuse secondo cui aveva accettato una tangente.

tigre sulla strada?

I funzionari ucraini hanno implorato per mesi gli alleati occidentali per i carri armati.

Dopo l’avanzata ucraina nella seconda metà del 2022, le linee del fronte sono state in gran parte immobilizzate per due mesi, nonostante le pesanti perdite da entrambe le parti. L’Ucraina afferma che i carri armati occidentali daranno alle sue forze di terra la capacità di muoversi, proteggersi e la potenza di fuoco per sfondare le linee difensive russe e riprendere la loro avanzata.

READ  Rari forti temporali portano forti venti in Europa, uccidendo molte persone

Andrei Yermak, capo dello staff di Zelensky, ha scritto su Telegram: “Abbiamo bisogno di carri armati – non 10-20, ma diverse centinaia”. Il nostro obiettivo è (ripristinare) i confini del 1991 e punire il nemico, che pagherà il prezzo dei suoi crimini”.

In un evidente cambiamento nella posizione della Germania, il ministro degli Esteri Analina Berbock ha dichiarato domenica che il suo governo non bloccherà la Polonia se tentasse di inviare i Panthers. Al suo arrivo a Bruxelles lunedì, Berbock ha rifiutato di rivelare quei commenti o di dire se stesse parlando a nome dell’intero governo. Ha detto che è importante “fare tutto il possibile per difendere l’Ucraina”.

Il Partito socialdemocratico del cancelliere Olaf Scholz sostiene che l’Occidente dovrebbe evitare mosse improvvise che potrebbero intensificare la guerra. Ma un certo numero di alleati rifiuta questa posizione, affermando che la Russia è già pienamente impegnata nel suo attacco all’Ucraina.

Il ministro degli Esteri lituano Gabrielius Landsbergis ha affermato che i carri armati non dovrebbero fermarsi un altro giorno, mentre il ministro degli Esteri lussemburghese Jean Asselborn ha affermato che la Russia potrebbe vincere la guerra se “gli europei non aiutano l’Ucraina con ciò di cui hanno bisogno ora”.

Se i carri armati vengono inviati senza l’approvazione di Berlino, ha affermato l’analista della difesa Konrad Muzyka, la Germania potrebbe a un certo punto rifiutarsi di fornire loro pezzi di ricambio, motivo per cui la Polonia spera che anche altri paesi inviino i Panthers.

Ha detto che “il problema politico per la Germania se vuole tagliare la fornitura di pezzi di ricambio sarà molto più grande se c’è un’alleanza”.

READ  La guerra russo-ucraina: elenco dei principali eventi, giorno 321 | Notizie della guerra tra Russia e Ucraina

terribile guerra

Domenica i legislatori statunitensi hanno spinto il loro governo a esportare i carri armati M1 Abrams in Ucraina, affermando che anche un numero simbolico aiuterebbe a spingere gli alleati europei a fare lo stesso.

La Gran Bretagna ha dichiarato che fornirà 14 carri armati Challenger 2 all’Ucraina. Il presidente francese Emmanuel Macron ha dichiarato di non escludere la possibilità di inviare carri armati Leclerc ucraini.

Il Panther, che è gestito da circa 20 paesi, è più ampiamente disponibile dei carri armati britannici e francesi e utilizza meno carburante rispetto all’Abrams turbo americano.

Il Cremlino ha affermato che le divisioni in Europa sulla fornitura di carri armati a Kiev hanno mostrato che c’era una crescente “tensione” all’interno dell’alleanza militare della NATO.

“Ma ovviamente tutti i paesi che sono direttamente o indirettamente coinvolti nel pompaggio di armi in Ucraina e nell’aggiornamento della sua tecnologia hanno la responsabilità” della continuazione del conflitto, ha detto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.

Dalla sua invasione del 24 febbraio 2022, che ha descritto come una difesa contro un Occidente aggressivo, la Russia ha preso il controllo di parti dell’Ucraina che, secondo lei, non torneranno mai più. L’Ucraina ha affermato che il ripristino della sua integrità territoriale non è negoziabile.

Reportage aggiuntivo di Paul Florkiewicz, Anna Wlodarczak, Tom Sims e Lydia Kelly, Sceneggiatura di Angus McSwan e Philippa Fletcher, Montaggio di Clarence Fernandez e Alex Richardson

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply