La Russia segnala la cessazione degli aiuti dell’Onu alla Siria dalla Turchia

Un ragazzo porta gli aiuti alimentari forniti dal Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite a Raqqa, Siria, 26 aprile 2018. REUTERS/Aboud Hamam

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

NAZIONI UNITE (Reuters) – La Russia ha annunciato venerdì la fine di una lunga operazione di aiuti delle Nazioni Unite nel nord-ovest della Siria dalla Turchia dopo aver posto il veto a una proroga di un anno e poi aver fallito nella sua offerta per un rinnovo di sei mesi o più. Sforzi internazionali di ricostruzione.

L’attuale mandato del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per gli aiuti umanitari delle Nazioni Unite – inclusi cibo, medicine e alloggi – per circa 4 milioni di persone nel nord-ovest della Turchia controllato dall’opposizione scade domenica.

Il vice ambasciatore russo alle Nazioni Unite, Dmitry Polyansky, ha affermato che l’unica soluzione per cui Mosca non userebbe il suo veto è la sua soluzione. La bozza di risoluzione è fallita venerdì dopo che solo Russia e Cina hanno votato a favore. Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia hanno votato contro il testo russo, mentre i restanti 10 membri del consiglio si sono astenuti.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“Non vedo a questo punto nessun’altra opzione. Data la verità delle parole che sono state dette oggi, penso che questo sia diventato quasi impossibile”, ha detto Polyansky ai giornalisti, aggiungendo che un altro membro del consiglio potrebbe ancora una volta mettere il testo russo in un voto.

Prima che la sua bozza di risoluzione fallisse, la Russia aveva posto il veto alla proposta di proroga di un anno – elaborata da Irlanda e Norvegia – che ha ricevuto 13 voti favorevoli. Nonostante la partnership strategica “senza confini” con Mosca, la Cina si è astenuta dal voto.

READ  Alla COP 27, i paesi in via di sviluppo hanno un messaggio per chi inquina: paga il prezzo

“Questa è una questione di vita o di morte ed è tragico che le persone moriranno a causa di questo voto e del paese che ha posto il veto spudoratamente”, ha detto al consiglio Linda Thomas Greenfield, ambasciatrice degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite.

“non allegro”

L’ambasciatore cinese delle Nazioni Unite Zhang Jun ha invitato tutti i membri del consiglio a “non arrendersi” e continuare i negoziati, mentre l’ambasciatrice irlandese delle Nazioni Unite Geraldine Byrne Nason ha affermato: “Non siamo intimiditi da questo veto. Questa non è la fine della strada”.

Tuttavia, alla domanda se la Russia avrebbe nuovamente posto il veto a qualsiasi bozza di testo che non fosse la sua, Polyansky ha risposto: “Ovviamente”.

La Russia afferma che l’operazione di aiuto delle Nazioni Unite viola la sovranità e l’integrità territoriale della Siria. Dice che devono essere consegnati più aiuti dall’interno del paese, sollevando i timori dell’opposizione che cibo e altri aiuti cadranno sotto il controllo del governo.

Gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e la Francia hanno dichiarato venerdì che la proroga di sei mesi non è stata sufficiente per consentire ai gruppi umanitari di pianificare e operare in modo efficace.

Le potenze occidentali sono anche riluttanti a finanziare ingenti sforzi di ricostruzione fino a quando non saranno compiuti progressi verso una soluzione politica in Siria, dove la repressione del presidente Bashar al-Assad sui manifestanti pro-democrazia nel 2011 ha portato a una guerra civile.

Il voto del Consiglio di sicurezza per autorizzare l’operazione di aiuto è stato a lungo una questione controversa, ma quest’anno arriva anche nel mezzo delle accresciute tensioni tra la Russia e le potenze occidentali sull’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca il 24 febbraio.

READ  Monte Cuzna: sette morti in un incidente in elicottero in Italia

Nel 2014, il Consiglio di sicurezza ha autorizzato la consegna di aiuti umanitari alle aree della Siria controllate dall’opposizione dall’Iraq, dalla Giordania e da due punti in Turchia. Ma i poteri di veto, Russia e Cina, lo hanno ridotto a un solo posto di frontiera turco.

Il mese scorso il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha fatto appello al consiglio per estendere la sua approvazione all’operazione di aiuto, dicendo all’organizzazione: “Non possiamo abbandonare il popolo siriano”.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Segnalato da Michelle Nichols; Montaggio di Mary Milliken, Nick McPhee e Jonathan Otis

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply