Le Isole Salomone diventano un inaspettato epicentro della competizione tra Stati Uniti e Cina

Una delegazione statunitense guidata da alti funzionari della Casa Bianca e del Dipartimento di Stato per l’Asia si dirige questa settimana alle Isole Salomone, un arcipelago nel Pacifico meridionale di meno di 700.000 persone che è diventato inaspettatamente ground zero per la competizione USA-Cina.

Perchè importa: È stato negoziato un accordo di sicurezza pianificato con Pechino, che potrebbe consentire alla marina cinese di attraccare navi da guerra sulle isole, mandando gli Stati Uniti e i loro alleati in Australia e Nuova Zelanda in una corsa eccessivamente diplomatica.

  • Un funzionario dell’amministrazione statunitense ha detto ad Axios che i funzionari statunitensi diretti alle isole avrebbero assicurato che gli Stati Uniti, non la Cina, “possono fornire sicurezza, prosperità e pace nella regione”.

Direzione delle notizie: Secondo la bozza di accordo iniziata circola su Internet Il mese scorso, le Isole Salomone potrebbero chiedere alle forze di sicurezza cinesi di ripristinare “l’ordine sociale”. Una volta raggiunte le isole, avranno anche l’autorità di “proteggere l’incolumità del personale cinese e dei grandi progetti”.

  • Le lamentele su un accordo sono arrivate poche settimane dopo che il segretario di Stato Tony Blinken aveva annunciato a febbraio che gli Stati Uniti avrebbero aperto un’ambasciata a Honiara, la capitale, per aumentare la portata delle isole, dove c’è stato un acceso dibattito interno sulle relazioni con la Cina .
  • Alti funzionari statunitensi hanno indirizzato chiamate a Honiara e il Dipartimento di Stato e il Pentagono hanno emesso avvertimenti sull'”esportazione” delle forze di sicurezza cinesi e su un “precedente inquietante” per la regione.

Il primo ministro australiano Scott Morrison Un alto diplomatico inviato nelle isole ha descritto l’accordo in sospeso come “una delle principali preoccupazioni”, con la Nuova Zelanda che fa eco a quei sentimenti.

  • Tra le linee: Entrambi gli accordi potrebbero vedere le navi della marina cinese attraccare a circa 1.250 miglia a nord-est dell’Australia e suggeriscono che l’influenza tradizionale di Canberra nel Pacifico meridionale sta diminuendo.
READ  Aggiornamenti in tempo reale delle elezioni australiane: gli elettori decidono il destino di Scott Morrison

Ma il Primo Ministro delle Isole Salomone, Manasseh Sogavari Ha respinto le insinuazioni “estremamente offensive” secondo cui il suo paese era “non qualificato per gestire i nostri affari sovrani”.

  • Ha detto che le Isole Salomone non permetterebbero alla Cina di costruire una base militare, ma lui”diversificazionele sue collaborazioni per la sicurezza.
  • Di recente ha detto al Parlamento che era pronto a firmare l’accordo, per WSJ.
  • I funzionari statunitensi, guidati dal coordinatore della Casa Bianca per l’Indo-Pacifico Kurt Campbell e dall’assistente del segretario di Stato per gli affari dell’Asia orientale e del Pacifico Daniel Krettenbrink, cercheranno di fargli cambiare idea. Il funzionario dell’amministrazione statunitense ha affermato che “parlerà con l’Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale di una serie di modi per fornire assistenza nella regione”.

recupero: Matt Pottinger, il principale esperto asiatico del Consiglio di sicurezza nazionale dell’ex presidente Trump, Visita Le Isole Salomone nel marzo 2019 tra le preoccupazioni che il piccolo paese – uno dei pochi partner diplomatici rimasti di Taiwan all’epoca – avesse spostato la sua fedeltà alla Cina.

  • Nonostante una spinta diplomatica dalle Isole Washington Taglia le relazioni Con Taiwan a settembre 2019.
  • Pottinger ha detto ad Axios lunedì che gli Stati Uniti dovrebbero essere “molto, molto attivi” nella regione delle isole del Pacifico. “La politica statunitense e australiana del Pacifico non può volare con il pilota automatico quando la competizione è così remota come lo è, quando la Cina è così concentrata sulle basi militari, sull’influenza e sulla raccolta di informazioni in quella regione”.
  • Pottinger ha affermato che se la Cina stabilisse basi nel Pacifico, potrebbe minacciare le linee di rifornimento statunitensi in caso di guerra.
READ  Decisione sul tasso di interesse australiano nel maggio 2022

Comandante del Corpo dei Marines Il generale David Berger osservato questa settimana Durante un viaggio in Australia, la posizione geografica delle Isole Salomone è stata importante durante la seconda guerra mondiale – quando una battaglia decisiva fu combattuta a Guadalcanal, l’isola più grande dell’arcipelago – e tale è ancora oggi.

  • Ha anche avvertito che l’accordo sulla sicurezza era “troppo bello per crederci” per le isole e sarebbe arrivato con delle condizioni.
  • Portavoce del ministero degli Esteri cinese Ha detto il mese scorso Ciò afferma che da tempo “aerei e navi militari alle porte di altri” non dovrebbero obiettare “alla leggera” a tale “cooperazione reciprocamente vantaggiosa”.

Dramma: Le relazioni con la Cina sono controverse all’interno delle isole stesse.

  • Il governo provinciale di Malaita, l’isola più popolosa, ha sfidato Sugavari nel 2019 mantenendo i legami con Taiwan. Controverso, gli Stati Uniti hanno promesso a Malaita 35 milioni di dollari in aiuti diretti degli Stati Uniti nel 2020.
  • Quando i manifestanti di Malaita hanno cercato di assaltare il parlamento lo scorso novembre, Sugavari ha accusato “menzogne ​​deliberate” sul trasferimento diplomatico dalla Cina a Taiwan e sull’interferenza di “forze esterne”.

cosa vuoi vedere: Charles Edel, capo dell’Australia presso il Center for Strategic and International Studies, ha affermato che il linguaggio “vago” nella bozza di accordo potrebbe giovare a Pechino.

  • “Il governo cinese ha una comprovata esperienza nel negare le sue vere intenzioni mentre adotta misure per militarizzare la sua presenza avanzata e interferire nella politica interna dei paesi stranieri”, aggiunge.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply