La scialpinista americana Hilary Nelson è stata trovata morta sul monte Manaslu in Nepal

I soccorritori nepalesi mercoledì hanno trovato il corpo di uno scialpinista americano scomparso mentre sciava sull’ottava vetta più alta del mondo in Nepal, due giorni dopo la sua scomparsa.

Hilary Nelson, 49 anni, stava discendendo dalla vetta del monte Manaslu di 26.781 piedi con il suo compagno, Jim Morrison.

Una ricerca in elicottero ostacolata dal maltempo ha trovato il suo corpo a circa 1.900 metri (6.200 piedi) dalla vetta, ha detto il capitano della Cymric Air Surendra Boutel, che ha recuperato il corpo.

“Il corpo è gravemente danneggiato con una gamba mozzata”, ha detto. “Ci è voluta un’ora e mezza per recuperare il corpo, che era mezzo sepolto nella neve”.

Bigyan Koirala, un funzionario del Dipartimento del Turismo, l’agenzia governativa che rilascia i permessi di arrampicata, ha detto che un elicottero ha lasciato cadere due guide Sherpa d’alta quota e il loro partner Morrison per cercare il corpo mercoledì mattina.

“Il corpo era a circa 50 metri sotto il nostro punto di atterraggio”, ha detto Poudel. L’autopsia è stata condotta presso il Tribhuvan University Teaching Hospital di Kathmandu.

Sulla base dei dettagli condivisi da Morrison, Nelson è scivolato sulla Knife Edge Mountain nella zona della morte vicino alla vetta ed è caduto dalla parete sud della vetta. La gente del posto ha soprannominato Manaslu la “Montagna degli Assassini” perché sei dozzine di alpinisti sono morti sui suoi pendii.

Come uno dei “migliori” passaggi dell’Himalaya ha ucciso 29 alpinisti

Nelson, che ha fatto circa 40 viaggi negli ultimi due decenni, Presentato come “lo scialpinista più prolifico della sua generazione” da uno dei suoi sponsor, la parete nord.

READ  Guida definitiva per acquistare una fioriera a scala nel 2022 - I migliori 40 compilati!

Residente a Telluride, Colorado, Nelson è cresciuto a Seattle e ha trascorso i fine settimana allo Stevens Pass nelle Cascades, Washington. North Face afferma di essersi interessato allo sci alpinismo dopo essersi trasferito nella città francese di Chamonix, ai piedi del Monte Bianco, la montagna più alta d’Europa, dopo il college.

Nel 2012 è diventata la prima donna a scalare due delle montagne più alte del mondo, l’Everest e il vicino Lhotse, nello stesso periodo di 24 ore. Nel 2018, lei e Morrison sono tornati nella zona e sono diventati la prima persona a sciare lungo i 27.940 piedi di Lodze, la quarta montagna più alta del mondo. particolari sul suo sito web.

“È difficile arrivare in cima a una montagna di 28.000 piedi, per non parlare di portare gli sci lassù ed essere in grado di scalarla con le giuste condizioni”, ha detto. disse In un video del 2019 su quell’impresa.

Anche Nelson Credito Con stimolanti giovani scalatrici. È la madre di due ragazzi, nati a due anni di distanza Scritto nel 2019 sulle difficoltà di conciliare la sua carriera alpinistica con la maternità. Nelson ha detto di aver fatto un viaggio mentre era incinta di sei mesi e ha subito tagli allo stipendio perché, per un’alpinista d’élite, “essere incinta era considerato un infortunio”.

Pochi giorni prima dell’autunno, Nelson ha scritto su Instagram delle sfide del suo recente viaggio.

“Non mi sento sicuro di Manaslu come nella mia ultima avventura nella sottile atmosfera dell’alto Himalaya. Queste ultime settimane hanno messo alla prova la mia capacità di recupero in modi nuovi”, ha scritto.

READ  Il football americano ha cancellato brevemente il simbolo dalla bandiera dell'Iran ai Mondiali

Un tentativo di Nelson e del suo compagno di raggiungere la vetta si è rivelato troppo pericoloso per spostarsi tra i due campi. “Siamo andati in alto e ci siamo impegnati, ma la montagna ha detto di no”, Morrison ha scritto Quattro giorni fa su Instagram. “Coda tra le gambe, siamo usciti dal campo 3 e ci siamo diretti verso il basso”.

Gli alpinisti della regione lottano costantemente con il cambiamento del tempo e le valanghe. Lunedì, una valanga giù dalla montagna ha ucciso una guida nepalese e ferito diversi alpinisti, ha riferito l’Associated Press.

Sherpa e alpinisti hanno descritto condizioni terribili social media, Gli alpinisti hanno sfidato il tempo inclemente e hanno battuto la folla in competizione per raggiungere la vetta Il picco di caduta è durante la stagione dell’arrampicata.

Il governo nepalese ha rilasciato 504 permessi agli stranieri che vogliono scalare le montagne dell’Himalaya in questa stagione, la maggior parte dei quali per il Manaslu, ha riferito AP. L’assessorato al turismo non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Union da Kathmandu, Nepal, riferisce Bennett da Sydney.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply