La vergogna del coronavirus contrappone il vicino contro il vicino nella Shanghai chiusa

SHANGHAI, 18 aprile (Reuters) – Le tensioni di lockdown hanno messo in luce le divisioni tra i residenti di Shanghai, mettendo i giovani contro gli anziani, i locali contro gli estranei e, soprattutto, la negatività COVID contro le persone con COVID.

I 25 milioni di residenti di Shanghai, la maggior parte dei quali vive in complessi di appartamenti, hanno stretto nuove connessioni con la comunità durante l’epidemia di coronavirus della città, attraverso il baratto, l’acquisto di gruppo e la creazione di stazioni di condivisione del cibo.

Ma senza una fine in vista della chiusura di quattro settimane per alcuni, le frustrazioni stanno crescendo anche dietro i cancelli chiusi dei palazzi della città, che vengono spesso visualizzati all’interno dei gruppi di messaggi di WeChat.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

In uno, il conflitto è scoppiato quando una donna portata in quarantena centrale – dove è risultata negativa – ha accusato il suo vicino di averlo denunciato alle autorità.

Non è insolito condividere i risultati dei test e annunciare casi positivi nella creazione di gruppi WeChat, poiché le autorità cercano di controllare il più grande focolaio del virus in Cina da quando il virus è stato rilevato per la prima volta a Wuhan alla fine del 2019.

A una cittadina statunitense è stato detto che sarebbe stata mandata in un centro di quarantena dopo che i risultati di un test misto, compreso il suo, erano risultati positivi la scorsa settimana, scatenando il panico. Altri tre i cui campioni erano nel lotto sono stati messi in quarantena, ma i loro test domiciliari hanno continuato a essere negativi.

READ  La Norvegia conclude il suo contratto per gli elicotteri NH90 e vuole un rimborso completo

“Nelle chat di gruppo, dicevano cose del tipo, ‘Ah, le persone positive sono ancora qui, le persone positive sono ancora qui?'”, ha detto, rifiutandosi di dare il suo nome. “.

I residenti più anziani, che sono più suscettibili al COVID-19, avevano maggiori probabilità di chiedere l’espulsione immediata dei casi positivi dal loro pool.

“Poiché i media hanno esagerato la malattia e poiché gli anziani hanno un sistema immunitario più debole, hanno più paura del virus rispetto ai giovani”, ha detto un residente che ha assistito a ciò.

I vicini sospettavano che un altro residente straniero, che voleva essere identificato solo come Alexei, avesse il COVID-19 quando un risultato del test non è stato caricato sulla sua app sanitaria.

La direzione dell’edificio ha cercato di impedire che il cibo venisse consegnato alla sua famiglia a meno che non condividano i risultati dei test a casa con il resto della popolazione, un requisito che molti shanghainesi affermano è diffuso e viola la privacy.

“Non hanno linee guida e i servizi del CDC (Center for Disease Control) sono sopraffatti”, ha detto. “Si sono sentiti coinvolti nella missione più importante della loro vita, poter svolgere il ruolo di medico, poliziotto e giudice allo stesso tempo”.

chiudere

Ad alcune persone è stato negato l’ingresso nelle loro case e gli è stato ordinato di rimanere in hotel dopo essere state rilasciate dalla quarantena centrale, in violazione delle linee guida statali.

Un altro residente straniero risultato positivo ha detto di essere stata confinata nel suo appartamento invece di essere mandata in quarantena centrale, con grande dispiacere dei suoi vicini, che le hanno chiesto di andarsene, hanno cercato di escluderla dagli ordini di generi alimentari di massa e hanno persino chiesto un funzionario scuse.

READ  Ucraina: ritrovati 200 corpi in una cantina sotto le macerie di Mariupol

Ha detto che un vicino l’ha chiamata “rifiutata straniera” mentre diffondeva le ultime bugie sulla sua salute mentale e il comitato di residenza non ha offerto alcun aiuto.

“Ho visto schermate di loro che dicevano ai residenti di continuare a chiamare per farmi uscire”, ha detto, aggiungendo che sarebbe uscita il prima possibile.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di David Stanway, Josh Horowitz, Andrew Galbraith e Engin Tham, Sala Editoriale di Shanghai; Montaggio di Stephen Coates

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply