L’assistente ha riportato indietro nel tempo Star Wars portando via delle cose

Kevin Jenkins lo è Guerre stellari Un veterano a questo punto, avendo lavorato in una varietà di ruoli di design in più film, a cominciare da Uno canaglia A L’ascesa di Skywalker. Ma come scenografo di una serie Disney Plus l’assistenteHa dovuto affrontare una sfida completamente nuova: trovare un look su cui non si potesse fare affidamento Guerre stellari Elementi base come Stormtrooper o Star Destroyer. “A differenza degli altri Guerre stellari“Questo non sarebbe stato trovato in un libro”, dice Jenkins. il bordo. “Quando ho realizzato i sequel, e anche quando sono stati completati i prequel, avevamo questo modello Guerre stellari da cui andare. E [on The Acolyte]”Abbiamo rimosso il 75% della muffa.”

Questo perché lo spettacolo torna indietro nel tempo fino a un secolo precedente La minaccia immaginaria. È il primo progetto realistico realizzato durante l’era dell’Alta Repubblica, un periodo di relativa pace e prosperità. Non esiste una guerra galattica, un impero malvagio e nessun ribelle che combatte contro di esso. Ciò ha dato spazio alla storia per esplorare nuovi personaggi, dando allo stesso tempo al team visivo molto spazio per capire chi è più vecchio Guerre stellari Può sembrare un’epoca senza molti dei suoi elementi più iconici.

“Ha fornito l’opportunità di essere quasi disinibiti nel cercare quel look, qualunque cosa accada, senza essere troppo obbligati”, afferma Jenkins. “Avevo una fedina pulita”, aggiunge la costumista Jennifer Bryan. “Non avevo molte restrizioni [as if] Si è avvicinato al programma che era già stato filmato e trasmesso in televisione.

Naturalmente, questo ha creato alcune sfide. Jenkins lo nota quando rimuovi molti di questi token Guerre stellari Visivamente, può essere difficile spiegare cosa renda qualcosa visivamente adatto all’universo. “Ci sono alcuni trucchi per farlo Guerre stellariCiò significa che risale alle collezioni originali e a Ralph McQuarrie. “È come uno stile in architettura. Puoi guardare diversi stili e dire: ‘Questo è un edificio brutalista, questo è Art Déco.'”

READ  I fan di "Wednesday", guardano il vestito trasparente di Gina Ortega che ha suscitato molto scalpore

Jord Vandar (Charlie Barnett) e Tasi Loa (Thara Schon) sfoggiano le loro lussuose nuove vesti Jedi dell’era dell’Alta Repubblica.
Immagine: Lucasfilm Ltd.

Saluta Pep.
Immagine: Lucasfilm Ltd.

Wookie Jedi Kelnacca (Jonas Suotamo) accanto a una speeder bike progettata per il cruising.
Immagine: Lucasfilm Ltd.

Ci sono ancora alcuni punti chiave nello spettacolo. Il vasto pianeta cittadino di Coruscant, molto presente nei prequel, si trova in… l’assistentePoiché ospita il Tempio Jedi. Appaiono anche i Jedi, ma con un aspetto leggermente diverso. Brian descrive le vesti Jedi nello spettacolo come “più accurate” per adattarsi al periodo di tempo. “È decisamente più organizzato e più ponderato”, spiega. “Soprattutto per Jord (Charlie Barnett), che incontri nei primi due episodi. È così sensibile. È un Jedi così elegante.”

Bryan dice che il suo processo di progettazione di molti look dello show è un po’ come il reverse engineering. Gli spettatori dovrebbero essere in grado di vedere una vena naturale della moda l’assistente Ai film e agli spettacoli successivi. Le vesti Jedi sono solo un esempio: non solo il taglio ma anche il colore. “Indossavo le loro uniformi color avorio e bianco sporco, colori che simboleggiano la pace e non l’oscurità o il presagio”, spiega Brian. L’obiettivo generale era “portare eleganza agli Jedi”.

Un processo simile è stato intrapreso per quanto riguarda la tecnologia e i veicoli. Ci sono alcuni robot dentro l’assistenteAd esempio perché la tecnologia non è così avanzata come nei film successivi. Questo si collega alla storia: il personaggio principale Osha (Amandla Stenberg) lavora come meccanico navale in un’epoca in cui le unità dell’arca come R2-D2 erano rare. Invece, ha Pip, un gadget portatile che è anche un fantastico robot. Allo stesso modo, Jenkins sottolinea le motociclette Jedi presenti nei primi episodi: sono solo per l’esplorazione, a differenza della maggior parte delle motociclette. Guerre stellari Veicoli progettati per il combattimento.

READ  Welty con Pulitzer - The New York Times

May (Amandla Stenberg) indossa un’armatura che include sia cotta di maglia che bambù.
Immagine: Lucasfilm Ltd.

Non tutto nello spettacolo è ispirato alla storia (o al futuro, a seconda di come lo guardi). Guerre stellari, anche se. Brian afferma di aver tratto molte idee da culture storiche reali, dall’Impero Romano ai guerrieri samurai. Ciò ha portato a una delle apparizioni più distintive dello spettacolo: l’assassino May (Stenberg), la cui armatura combina una cotta di maglia e una corazza di bambù. “Pensi al bambù come a una pianta da frutto, che ondeggia nella brezza”, spiega Brian. “Ma è ingannevole. Se usato nel modo giusto diventa una sostanza protettiva.

Il risultato è uno spettacolo che non solo sembra diverso dal resto della serie, ma è anche probabilmente più accessibile per questo. Fa un cenno all’altro Guerre stellari Le storie sono lì per i fan, ma non sono essenziali per la comprensione l’assistente. “Questo spettacolo non ha barriere all’ingresso, proprio come l’originale Guerre stellari “Quando l’ho visto per la prima volta nel 1977”, dice Jenkins. “Si spiega da solo a modo suo. Non ci sono compiti da fare, né a livello visivo né a livello di storia.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply