L’attività industriale in Cina è aumentata a marzo per la prima volta in sei mesi

Sebbene il ritmo di crescita sia stato modesto, si è trattato anche del valore PMI più alto da marzo dello scorso anno, quando lo slancio derivante dalla revoca delle severe restrizioni legate al Covid-19 ha cominciato a rallentare.

“Secondo gli indicatori, l'offerta e la domanda interna sono migliorate, mentre la fiducia dei proprietari di case e delle imprese si sta riprendendo, mentre l'appetito per i consumi e gli investimenti è in aumento”, ha affermato Zhou Maohua, analista della China Everbright Bank.

I dati dell'indice dei responsabili degli acquisti hanno mostrato che i nuovi ordini di esportazione sono saliti in territorio positivo, ponendo fine a un calo durato 11 mesi, ma l'occupazione ha continuato a contrarsi, anche se a un ritmo più lento.

I recenti indicatori ottimistici suggeriscono che la seconda economia più grande del mondo sta lentamente tornando a una forma migliore, spingendo gli analisti a iniziare ad aumentare le loro previsioni di crescita per quest’anno.

I politici sono alle prese con un rallentamento economico in corso da quando le restrizioni sul coronavirus sono state abbandonate alla fine del 2022, nel mezzo di una crisi immobiliare sempre più profonda, dell’aumento del debito pubblico locale e della debole domanda globale.

“I dati di marzo mostrano che l’economia è pronta per una forte conclusione del primo trimestre”, ha affermato la settimana scorsa in una nota la società di consulenza China Big Book. “L’occupazione ha registrato il periodo di miglioramento più lungo dalla fine del 2020. Il settore manifatturiero ha registrato una ripresa, così come il commercio al dettaglio”.

Tuttavia, la profonda recessione nel settore immobiliare del gigante asiatico resta un grave freno alla crescita, mettendo a dura prova la salute dei governi locali carichi di debiti e i bilanci delle banche statali.

READ  Wall Street si chiude a causa dell'escalation delle preoccupazioni in vista del rapporto CPI

Il PMI ufficiale del settore non manifatturiero, che comprende servizi e costruzioni, è salito a 53 da 51,4 di febbraio, segnando il valore più alto da settembre.

All’inizio di questo mese, durante la riunione annuale del Congresso nazionale del popolo, il parlamento cinese, il premier Li Qiang ha annunciato un ambizioso obiettivo di crescita economica del 5% circa per il 2024.

Ma gli analisti sostengono che i politici dovranno implementare maggiori stimoli per raggiungere questo obiettivo perché non potranno fare affidamento sulla base statistica più bassa per il 2022 che ha indebolito i dati di crescita del 2023.

Giovedì Citigroup ha alzato le sue previsioni per la crescita economica della Cina per quest'anno al 5,0% dal 4,6%, citando “recenti dati positivi e attuazione delle politiche”.

Il 1° marzo il governo cinese ha approvato un piano volto a promuovere la modernizzazione su larga scala delle attrezzature e la vendita di beni di consumo. Il capo dell'agenzia governativa di pianificazione del paese ha dichiarato in una conferenza stampa all'inizio di questo mese che il piano potrebbe generare una domanda di mercato di oltre 5 trilioni di yuan (691,63 miliardi di dollari) all'anno.

Molti analisti temono che la Cina possa iniziare a flirtare con una recessione in stile giapponese alla fine di questo decennio, a meno che i politici non adottino misure per riorientare l’economia verso i consumi delle famiglie e l’allocazione delle risorse di mercato, e allontanandosi dalla forte dipendenza dagli investimenti infrastrutturali vista in passato.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply