L’Australia revoca il visto a Novak Djokovic

debito…Martin Keep / Agenzie France-Press – Getty Images

La rabbia per le battaglie sull’immigrazione di Novak Djokovic ha completamente oscurato il tennis prima degli Australian Open di questa settimana, e uno dei rivali di lunga data di Djokovic, Andy Murray, ha pesato in pochi minuti prima di raggiungere la finale del singolo di Sydney International.

“Non ho intenzione di sedermi qui e iniziare a prendere a calci Noah”, ha detto Murray, un ex numero uno del mondo. “L’ho detto il giorno dopo: non è una buona situazione per nessuno”.

Murray, come molti giocatori e fan, non è chiaro su cosa potrebbe venire dopo; Gli avvocati di Djokovic sono tornati in tribunale subito dopo l’udienza di venerdì sera dopo che il suo visto era stato revocato una seconda volta.

Ma Murray ha detto che era desideroso di risolvere la situazione.

“Penso che sarebbe un bene per tutti se fosse così”, ha detto. “Sembra che sia stato trascinato per molto tempo ormai. Sì, non va bene per il tennis, non va bene per gli Australian Open, non va bene per Novak. Ovviamente, il governo qui è stato criticato da molti. Non va bene”.

Murray ha detto che stava incoraggiando le persone a vaccinarsi contro il corona virus e sperava che fosse loro concessa la possibilità di rifiutare il tiro proprio come Djokovic.

READ  Guida definitiva per acquistare una benefici curcumina nel 2022 - I migliori 40 compilati!

“Ma a volte quelle decisioni hanno ripercussioni”, ha detto Murray. “La donna che mi ha fatto il terzo vaccino, lavora in un ospedale nel centro di Londra, e mi ha detto che ogni persona in terapia intensiva e sui ventilatori non è vaccinata. Quindi per me ha senso che le persone vadano avanti e Fai quello.

“Sì, la maggior parte degli atleti giovani e sani probabilmente avrà ragione, ma sì, dobbiamo tutti fare la nostra parte in questo, penso”.

Agli Open Qualifiers di quest’anno a Melbourne Park, la folla era piccola, ma il dramma di ciò che Djokovic era nel paese era nella mente di tutti venerdì.

“Mi piace il mio tennis, ma penso che sia onesto indipendentemente dal tennis”, ha detto Tom Randall, 58 anni, che indossa un cappello a tesa larga di Adelaide. “Questo è un grosso problema. Tutti devono seguire le regole e il governo è irremovibile sulla vaccinazione da sei mesi ormai. Non penso che stiamo facendo qualcosa di sbagliato con Novak; sfortunatamente, si tratta di seguire le regole”.

Petr Tretinik, 37 anni, residente a Melbourne dalla Slovacchia, ha detto di aver seguito da vicino la vita di Djokovic per molto tempo ed è tornato agli Australian Open quest’anno sperando di rivederlo.

“È la sua partita, penso che sia una grande sconfitta per l’Australian Open”, ha detto Dretnik, in piedi accanto alla Rod Laver Arena e Djokovic che ha vinto i suoi nove titoli di singolare dell’Australian Open. “La sua faccia è ovunque qui sul campo di battaglia, se vaghi per la città e vai sui tram.

“Ma è tutto. Ad un certo punto, penso che sarà come vaccinarsi di nuovo contro coloro che non sono stati vaccinati.

READ  Guida definitiva per acquistare una dyson airwrap nel 2022 - I migliori 40 compilati!

Roger Rashid, un australiano che ha allenato diversi giocatori di spicco, tra cui l’ex numero 1 del mondo Layton Hewitt, ha detto che Djokovic dovrebbe accettare la cancellazione del suo secondo visto piuttosto che contrastare la decisione del governo. Sabato mattina è prevista l’udienza sul suo ricorso.

“Penso che ci sia un momento in cui devi fare la cosa giusta per il bene superiore, ciò che è giusto per il gioco e per i tuoi coetanei”, ha detto Rashid. “Stai davvero lontano e dì: ‘Torna un altro anno e fallo di nuovo.’ Le circostanze sono sfortunate, ma è un clima molto turbolento.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply