Le forze ucraine hanno respinto “diversi” tentativi russi di avanzare nel Donbass, afferma l’intelligence britannica della difesa

Martedì il ministero della Difesa russo ha rilasciato una dichiarazione in cui affermava che le forze russe avevano aperto un corridoio di evacuazione attorno all’acciaieria assediata Azovstal a Mariupol, affermazione smentita da un ufficiale di polizia ucraino sul posto.

“A causa della situazione catastrofica verificatasi presso lo stabilimento metallurgico Azovstal nella città di Mariupol, e guidata anche da principi puramente umanitari, dalle 14:00 (14:00 ora di Mosca) del 19 aprile 2022, le forze armate russe hanno aperto un corridoio umanitario per il ritiro del personale militare ucraino”, si legge nel comunicato. che deposero volontariamente le armi e i combattenti delle formazioni nazionali. “A tal fine fu introdotta una “modalità cessate il fuoco”, cessarono le ostilità e le unità Le forze armate russe e le formazioni della Repubblica popolare di Donetsk lungo l’intero perimetro dell’Azovstal sono state ritirate a distanza di sicurezza.

La dichiarazione ha anche ripetuto l’appello alla resa delle forze ucraine. “Riconoscendo che i comandanti delle unità ucraine potrebbero non ricevere tali ordini e ordini dalle autorità di Kiev, li esortiamo a prendere la decisione da soli e a deporre le armi”, si legge nella dichiarazione.

Mihilo Vershinin, capo della polizia di pattuglia di Mariupol, ha definito “inaccettabili” le condizioni russe per le forze ucraine che resistono nello stabilimento.

“Nessuno sarà d’accordo con loro”, ha detto. “Uscite, corridoi, ecc., l’hanno già annunciato mille volte”.

Vershinin ha detto che l’impianto di Azovstal, dove i difensori ucraini stanno resistendo ei civili si stanno rifugiando, è stato bombardato con “bombe super potenti. E questo continuerà”.

Un video di donne e bambini, presumibilmente rifugiati nel seminterrato della fabbrica Azovstal nel porto ucraino assediato di Mariupol, è emerso lunedì sera sui social media. Vershinin ha detto che i russi hanno permesso ad alcuni civili di andarsene, ma altri erano riluttanti a lasciare la città attraverso vie di evacuazione che portavano nel territorio controllato dai russi.

READ  Paulina Gretzky sposa Dustin Johnson in un matrimonio nel Tennessee

“Quelli che sono rimasti [Azovstal] I rifugi sono persone che non vogliono assolutamente andare nella Repubblica Democratica del Congo [the separatist Donetsk People’s Republic]Vogliono andare in Ucraina”.

“Per questo ci chiediamo: per organizzare un corridoio bisogna garantire l’incolumità dei civili. I russi pensano che sia un fake. Non è un fake. Questo è un vero video girato nei rifugi della fabbrica. Non possiamo andare in tutti i rifugi A causa dei continui bombardamenti, abbiamo filmato in un rifugio a cui possiamo accedervi, e ce ne sono centinaia nella zona. [the Russians] Dichiarare il cessate il fuoco dei corridoi umanitari. Dicono, vattene, arrenditi, porta via i civili da qui. Quei civili che volevano andarsene, se ne sono andati. Chi resta non andrà dai russi. Per questo chiediamo un corridoio umanitario dalla parte ucraina”.

La Russia afferma che i corridoi di evacuazione apriranno mercoledì: Più tardi martedì sera, il ministero della Difesa russo ha rilasciato una dichiarazione in cui affermava di aver offerto alle forze ucraine assediate nella città assediata di Mariupol un cessate il fuoco a partire da mercoledì alle 14:00 ora di Mosca (7:00 ET), sostenendo che le forze Gli ucraini non hanno approfittato di una precedente offerta di ritirarsi e deporre le armi.

La dichiarazione russa afferma che le forze armate russe e le formazioni della Repubblica popolare separatista di Donetsk in quel momento fermeranno le ostilità lungo il perimetro dell’acciaieria assediata di Azovstal e si ritireranno a distanza di sicurezza.

Josh Pennington della CNN ha contribuito a fare reportage per questo post.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply