L’economia cinese ha subito una forte contrazione nel secondo trimestre e i rischi globali rendono le prospettive cupe

La gente guarda una vetrina, fuori da un centro commerciale a Pechino, Cina, 13 luglio 2022. REUTERS/Thomas Peter

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

  • L’economia cinese è crollata nel secondo trimestre e la crescita anno su anno è rallentata in modo significativo
  • La diffusione delle chiusure per coronavirus rallenta l’attività industriale e la domanda
  • Giugno mostra un rimbalzo dell’attività, ma le prospettive globali di rischio cloud
  • Nuovo focolaio di COVID, guerra in Ucraina, aumento della pressione globale dei prezzi
  • Gli analisti si aspettano che la crescita del PIL per l’intero anno sia inferiore all’obiettivo del governo del 5,5%

PECHINO (Reuters) – L’economia cinese ha subito una forte contrazione nel secondo trimestre, evidenziando massicce perdite di attività a causa dei diffusi blocchi del coronavirus e indicando la continua pressione nei prossimi mesi a causa di prospettive di crescita globale cupe.

I dati di venerdì arrivano in un momento di timori di una recessione globale poiché i responsabili politici aumentano i tassi di interesse per frenare la spirale dell’inflazione, causando maggiori difficoltà per i consumatori e le imprese di tutto il mondo mentre affrontano le sfide della guerra in Ucraina e delle interruzioni della catena di approvvigionamento.

I dati ufficiali hanno mostrato che il prodotto interno lordo è sceso del 2,6% nel secondo trimestre rispetto al trimestre precedente, rispetto alle aspettative di un calo dell’1,5% e di un aumento rivisto dell’1,4% nel trimestre precedente.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Su base annua, il prodotto interno lordo nel primo trimestre di aprile-giugno è cresciuto dello 0,4%, mancando le aspettative per un aumento dell’1,0%, secondo un sondaggio Reuters degli analisti, un forte rallentamento dal 4,8% nel primo trimestre.

READ  Il sindacato delle hostess aeree attacca Delta per le tasse d'imbarco

Nella prima metà dell’anno il PIL è cresciuto del 2,5%, ben al di sotto dell’obiettivo del governo del 5,5% per quest’anno.

“L’economia cinese era sull’orlo della stagflazione, anche se il peggio è passato da maggio a giugno. Si può escludere la possibilità di una recessione o di due trimestri consecutivi di deflazione”, ha affermato Toru Nishihama, capo economista. presso il Dai-ichi Life Research Institute di Tokyo.

“Data la crescita debole, è probabile che il governo cinese implementi misure di stimolo economico d’ora in poi per aumentare la sua crescita vacillante, ma gli ostacoli per la People’s Bank of China sono grandi per tagliare ulteriormente i tassi di interesse in quanto aumenterebbe l’inflazione che è rimasta relativamente basso al momento”.

A marzo e aprile sono state imposte chiusure totali o parziali nei principali centri del paese, inclusa la capitale commerciale Shanghai, che ha registrato una contrazione annua del prodotto interno lordo del 13,7% nell’ultimo trimestre.

Sebbene da allora molte di queste restrizioni siano state revocate e i dati di giugno abbiano fornito segnali di miglioramento, gli analisti non si aspettano una rapida ripresa economica. La Cina sta aderendo alla sua rigida politica di non diffusione del coronavirus in mezzo a una nuova ondata, il mercato immobiliare del paese è in profonda recessione e le prospettive globali stanno diventando più cupe.

L’imposizione di nuovi lockdown in alcune città e l’arrivo della variante BA.5 altamente contagiosa ha sollevato preoccupazioni tra imprese e consumatori per un prolungato periodo di incertezza. Leggi di più

Rimbalzi temporaneamente a giugno?

Gli analisti ritengono che lo spazio per la banca centrale di allentare ulteriormente la politica potrebbe essere limitato dalle preoccupazioni sui deflussi di capitali, poiché la Federal Reserve statunitense e altre economie alzano in modo aggressivo i tassi di interesse per combattere l’inflazione elevata. Leggi di più

READ  Dow futures incombono, bitcoin rimbalza a $ 20k; Attenti al mercato ribassista

E l’aumento dei prezzi al consumo in Cina, sebbene non così alto come altrove, può anche aumentare le restrizioni all’allentamento monetario.

Un sondaggio Reuters prevede che la crescita della Cina rallenterà al 4,0% nel 2022, ben al di sotto dell’obiettivo di crescita ufficiale di circa il 5,5%.

I dati sull’attività di giugno, pubblicati anch’essi venerdì, hanno mostrato che la produzione industriale cinese è cresciuta del 3,9% a giugno rispetto all’anno precedente, accelerando da un aumento dello 0,7% a maggio, sebbene inferiore alle aspettative per un aumento del 4,1% in un sondaggio Reuters.

D’altra parte, le vendite al dettaglio sono aumentate del 3,1% rispetto a un anno fa a giugno e hanno registrato la crescita più rapida in 4 mesi, dopo che le autorità hanno revocato un blocco di due mesi a Shanghai. Gli analisti si aspettavano un aumento dello 0% dopo il calo del 6,7% di maggio.

“La crescita al dettaglio suggerisce che i blocchi sono stati il ​​principale freno ai consumi, con la domanda in chiaro rimbalzo una volta che Shanghai e altre grandi città sono uscite dal blocco alla fine di maggio”, ha affermato Jacob Cook, CEO di WPIC Marketing + Technologies a Pechino.

“I consumatori avvertono ancora una certa incertezza riguardo alle chiusure, ma con indicazioni che le chiusure future non saranno gravi, siamo ottimisti sul fatto che i consumi continueranno a riprendersi nel secondo semestre”.

Gli investimenti in immobilizzazioni sono cresciuti del 6,1% nei primi sei mesi dell’anno rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, contro un aumento e una flessione previsti del 6,0% da un balzo del 6,2% nel periodo gennaio-maggio.

La situazione occupazionale è rimasta fragile, con il tasso di disoccupazione nazionale che è sceso al 5,5% a giugno dal 5,9% di maggio mentre l’economia si è ripresa. Tuttavia, il tasso di disoccupazione giovanile era del 19,3% a giugno, rispetto al 18,4% di maggio.

READ  Come la guerra russa sta tagliando la produzione automobilistica globale

La fragile ripresa nel settore immobiliare cinese affamato di capitali è ulteriormente sotto pressione da un numero crescente di acquirenti di case in tutto il paese che stanno interrompendo i pagamenti dei mutui fino a quando gli sviluppatori non riprenderanno a costruire case precedentemente vendute.

I dati di venerdì hanno mostrato che i prezzi delle case sono scesi dello 0,5% rispetto a un anno fa, esacerbato da un calo dello 0,1% il mese precedente, mentre anche la crescita su base mensile non è riuscita a riprendersi. Leggi di più

I calcoli di Reuters hanno mostrato che gli investimenti immobiliari sono scesi del 9,4% a giugno, esacerbando un calo del 7,8% a maggio, mentre le vendite immobiliari hanno esteso il loro calo di un altro 18,3% il mese scorso.

“Anche con alcuni dei numeri enormi, è difficile vedere come l’obiettivo di crescita del governo di” circa il 5,5% “quest’anno possa essere raggiunto”, hanno affermato gli analisti di Capital Economics.

Ciò richiederà una massiccia accelerazione nella seconda metà di quest’anno, il che è improbabile.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Copertura) Kevin Yao, Stella Keogh e Elaine Zhang – Montaggio di Shri Navaratnam

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply