L’euro combatte la pressione sul bilancio prima dei dati sull’inflazione negli Stati Uniti

LONDRA, 13 luglio (Reuters) – Mercoledì le azioni sono scese e l’euro si è attestato al di sopra della parità rispetto al dollaro mentre i trader attendevano se i dati sull’inflazione statunitense avrebbero rafforzato le argomentazioni per un altro rialzo rialzista dei tassi di interesse della Federal Reserve questo mese.

I mercati azionari in Europa sono nuovamente incespicati dopo una sessione relativamente stabile nell’Asia del Pacifico, dove i timori per la recessione hanno visto la Corea del Sud e la Nuova Zelanda aumentare nuovamente i loro tassi.

Il FTSE di Londra (.FTSE)DAX tedesco (.GDAXI) e il francese CAC40 (.FCHI) Tutto è sceso dello 0,6-0,8%, mentre l’euro è riuscito a tornare a $ 1,0050 anche se i prezzi del gas sono aumentati di un altro 4,2% /FRX.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Il rame ha toccato il minimo di 20 mesi, legato alla crescita globale, nonostante i futures di Wall Street siano in rialzo.

Anche i dati sulla crescita economica del Regno Unito hanno dato una spinta inaspettata, ma gli investitori erano più concentrati sul fatto che i numeri dell’inflazione negli Stati Uniti mostrassero un imminente spostamento verso il 9%, il più alto dal 1981.

“I mercati sono un po’ rialzisti sul bilancio euro-dollaro, ma abbiamo ancora un numero incredibile di parti mobili”, ha spiegato Kit Jucks della Société Générale, aggiungendo che se i numeri dell’inflazione negli Stati Uniti sono alti, sarà chiaro. La Fed crollerà con rialzi dei tassi.

La prima mossa della misura dal 1994 l’ha vista guadagnare 75 punti base nell’ultima riunione.

“Se ciò (lettura dell’inflazione più elevata) dovesse accadere oggi, potrebbe rendere di nuovo un po’ nervoso il mercato obbligazionario, invertire ulteriormente la curva dei rendimenti statunitensi e far sbilanciare l’euro in modo decisivo”, ha affermato Jucks.

READ  Grandi differenze secondo i medici

Sottolineando le preoccupazioni sull’inflazione globale, mercoledì la banca centrale della Corea del Sud ha alzato i tassi di 50 punti base, il più grande aumento da quando la banca ha adottato l’attuale approccio politico nel 1999, e anche la banca centrale della Nuova Zelanda ha realizzato il suo terzo aumento consecutivo di 50 punti base. . leggi di più

Ciò ha lasciato tutti i mercati del reddito fisso in attesa di dati sull’inflazione negli Stati Uniti con scadenza alle 12:30 GMT. I titoli di stato tedeschi sono saliti all’1,15%, dopo due giorni di bruschi ribassi, poiché i Treasury statunitensi a 10 anni hanno digerito l’ultima previsione di crescita statunitense del FMI ridotta al 2,97%. leggi di più

I segnali di allarme della recessione del mercato obbligazionario stanno ora lampeggiando con “crescente cautela”, ha affermato Jim Reid di Deutsche Bank. In particolare, la curva del Tesoro USA a 2 anni/10 anni si è invertita prima di ciascuna delle ultime 10 recessioni statunitensi ed è stata invertita di -8,5 pb finora in questo ciclo.

Parità Guarda

I futures di Wall Street per i principali indici S&P 500, Nasdaq e Dow Jones hanno indicato partenze leggermente più alte dopo un calo in ritardo di martedì.

Durante la notte, l’indice MSCI delle azioni dell’Asia-Pacifico al di fuori del Giappone (.MIAPJ0000PUS) Ha guadagnato lo 0,5%, registrando due giorni di perdite e scendendo al livello più basso degli ultimi due anni il giorno precedente.

Le azioni taiwanesi hanno guadagnato martedì sera dopo che il ministero delle finanze di Taiwan ha dichiarato che avrebbe attivato il suo fondo di stabilizzazione azionaria. mercato (.TWII) Questo è sceso al minimo di 19 mesi.

READ  Mancin reagisce ai tentativi di fare pressione su Biden nel suo disegno di legge sulla politica interna

Nikkei del Giappone (.N225) Ha chiuso con lo 0,5% dopo aver perso quasi il 2% il giorno precedente.

“La forte debolezza dei prezzi del petrolio a luglio suggerisce che questo potrebbe segnalare un picco (inflazione) di giugno. In tal caso, la fase più dinamica dell’inasprimento della banca centrale potrebbe concludersi con un aumento dei tassi di 75 pb il 27 luglio”, hanno affermato gli analisti di ANZ.

“Tuttavia, la nostra aspettativa è che la forza di fondo dell’inflazione core e tassi di riferimento reali più profondamente negativi significhino che un aumento dei tassi di 50 punti base rimarrà appropriato dopo l’estate”.

I timori che tassi più elevati potessero portare l’economia globale a un punto morto, o peggio, a una recessione, sono stati un fattore chiave sia del calo del 20% delle azioni globali quest’anno sia dell’aumento del dollaro USA, rifugio sicuro.

L’euro, in calo di oltre l’11% da gennaio, era a $ 1,0050 mentre gli investitori aspettavano di vedere se poteva scendere sotto il dollaro per la prima volta dal 2002.

Martedì è caduto di un soffio, scendendo a $ 1,00005.

Il dollaro è stato stabile anche nei confronti di altri concorrenti e la lettura dell’indice rispetto ai principali rivali era inferiore a 108.

I prezzi del petrolio hanno smesso di scendere durante la notte. Il greggio Brent è stato leggermente modificato a $ 100 al barile e il greggio US West Texas Intermediate a $ 96,31. Il rame metallico industriale è sceso di un altro 0,75% a $ 7.310 a $ 7.202,50 a tonnellata al London Metal Exchange (LME).

La principale criptovaluta Bitcoin nel frattempo è aumentata di oltre il 2%, interrompendo una serie di tre giorni di sconfitte, sebbene $ 19.772 siano ancora scambiati al di sotto della soglia psicologica chiave di $ 20.000.

Rapporti aggiuntivi di Alun John a Hong Kong e Sam Byford a Tokyo; Montaggio di Alison Williams, Kirsten Donovan

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply