L’incendio del New Mexico “brucia il modo di vivere”

LAS VEGAS, NM – Con le fiamme che si avvicinano alle montagne lontane dove la sua famiglia ha vissuto per generazioni, Miguel Martinez sapeva che doveva muoversi velocemente e fuggire con solo i suoi vestiti addosso.

“Ho lasciato 25 pecore, 50 conigli, 10 galline e due cani”, ha detto. Martinez, 71 anni, ha detto di essere fuggito dalla sua casa nel villaggio di El Oro questa settimana per cercare rifugio per gli sfollati. “Non so se la mia casa è in piedi o se i miei animali sono vivi. Devo essere preparato alla possibilità che tutto venga distrutto.

Più di una dozzina di incendi si stanno diffondendo questo mese Attraverso il sud-ovest, La stagione degli incendi in primavera dura più a lungo che mai. Ma il più grande incendio attivo del paese, un mega incendio diffuso su oltre 160.000 acri nel nord del New Mexico, si è sviluppato al punto da minacciare una cultura multigenerazionale che esiste da secoli.

Sig. Come Martinez, molti dei sopravvissuti al megaincendio noto come Golf Canyon / Hermitz Peak Fire erano discendenti di immigrati ispanici che arrivarono nel New Mexico molto prima della comparsa degli Stati Uniti. Loro Misto sposato Con i nativi americani Modi Coltiva i raccolti in terre aride e preserva l’impatto arcaico Modulo Lo spagnolo è ancora udibile nei corridoi Walmart locali.

Un musicista in pensione che parla un misto di spagnolo e inglese, il sig. Martinez ha detto che i suoi antenati si sono stabiliti molto tempo fa nel villaggio di Manuelidas, dove è cresciuto in una casa costruita dai suoi antenati. Erano venuti. Ha detto che sua moglie proveniva dalla famiglia Aragon, che da tempo si era trasferita vicino a El Oro nella sua casa.

“Andare a El Oro è stato un po’ scioccante, ma ora mi sono adattato,” Mr. Martinez ha detto questa riflessione su quanto strettamente le linee di sangue siano collegate al suolo in questi remoti insediamenti pieni di pini e trote. Flussi. “Spero di avere un villaggio in cui tornare”.

Questi remoti villaggi ispanici, plasmati da sfide che andavano dalla conquista di eserciti a protratte recessioni economiche, hanno affrontato una prova dopo l’altra. Ma almeno la peggiore siccità 1.200 anniSegnata da un’intensa e improbabile attività di fuoco, questa è una novità.

READ  Lancio del telescopio spaziale James Webb della NASA: annunci dal vivo

“Il fuoco brucia da centinaia di anni”, ha detto Rob Martinez, uno storico dello stato del New Mexico e originario di Albuquerque. (Non ha alcun legame con il musicista che si è ritirato da El Oro.)

Las Vegas, NM, una città di circa 13.000 abitanti, è stata a lungo un hub per i villaggi e le fattorie circostanti, diventando un centro nevralgico per la lotta contro gli incendi. Quando il grigio è sceso dal cielo questa settimana, a volte è cambiato dal blu brillante all’arancione surreale.

Perché il fuoco si sta già diffondendo Classifiche Il terzo più grande registrato nel New Mexico, attraversando la superficie Perso Sebbene non siano state segnalate vittime nell’incendio in tutto lo stato nel 2021, l’incendio ha distrutto almeno 172 case, costringendo molte famiglie a evacuare e controllando solo il 20%. Le autorità hanno avvertito che l’incendio potrebbe diffondersi in diverse direzioni nei prossimi giorni mentre il clima secco continua.

Almeno sei incendi stanno bruciando in altre parti del New Mexico, secondo il National Intelligence Fire Center e il presidente Biden questa settimana. Approvato l’avviso di catastrofe Per cinque distretti. Le fiamme dello stato includono l’incendio di 59.000 acri di Cook’s Peak nella contea di Mora e l’incendio di 25.000 acri di Cerro Bellato entro 5,5 miglia dal Los Alamos National Laboratory, contribuendo a progettare e mantenere l’arsenale nucleare del paese. .

Le autorità hanno recentemente lasciato il collegio fondato dall’uomo d’affari Armond Hammer, un socio in affari del vicino United World College, poiché le fiamme dell’incendio del Golf Canyon / Hermitz Peak sono state avvistate negli ultimi giorni sui crinali di Las Vegas. E cambiare gli altri.

Alcuni che furono costretti a fuggire si radunarono in un dormitorio della vecchia scuola media. Altri dormivano nei loro veicoli o andavano a casa di parenti o amici; Alcuni che erano già partiti per Las Vegas dovettero ripartire a causa del fumo nel cielo sopra la città.

Diana Trujillo, 63 anni, è cresciuta in una casa Adobe di tre stanze con i suoi sette fratelli a Monte Aplanado, vicino a Mora. Ha detto che il sistema ancestrale è sfuggito all’incendio, ma la roulotte a doppia larghezza della casa accanto dove viveva con sua figlia e sua nipote è stata rasa al suolo.

READ  Guida definitiva per acquistare una copricerchi nel 2022 - I migliori 40 compilati!

Sig.ra Assistente Direttrice di un Centro Anziani. Trujillo ha detto: “È una perdita”. La bellissima montagna intorno a noi, tutti quegli alberi ora sono carbonizzati. “

Paula Garcia lasciò Mora, con una popolazione di circa 800 abitanti, prima a Las Vegas e poi a Santa Fe. Ha detto che suo padre di 82 anni lo ha aiutato a mettere in valigia i suoi strumenti prima di scappare da solo mentre il fuoco si avvicinava alla loro comunità ristretta.

“È qui che le persone si chiamano primos e parientes” – Parenti e cugini – Sig. Garcia, 50 anni, ha detto. Alcuni dei suoi antenati abbandonarono azioni nell’area sfollata da altre parti del New Mexico settentrionale negli anni ’60 dell’Ottocento.

Sig.ra. Garcia è l’amministratore delegato dell’Associazione Asequia del New Mexico, un’organizzazione senza scopo di lucro. 700 o più acequias dello StatoOppure i canali di irrigazione, ha detto, erano la ragione della “griglia pulita” della perseveranza della sua comunità.

“Abbiamo vissuto lì per molto tempo a causa della nostra Curancia”, ha detto la signora Garcia, a Termine “Una nostalgia culturale, un richiamo, ci tiene lì”, ha definito.

Tali relazioni con la terra hanno avuto origine nella colonizzazione del New Mexico, in Spagna, iniziata nel 1598, molti anni prima che gli inglesi si stabilissero per la prima volta nella colonia di Jamestown in Virginia. I colonialisti ei loro discendenti erano relativamente isolati nella parte settentrionale dell’Impero spagnolo.

Il New Mexico è il più grande stato ispanico del paese, con quasi il 48% della popolazione che rivendica l’eredità ispanica o latina. Nelle piccole città, nei villaggi e nei ranch dei distretti colpiti dall’incendio, gli ispanici costituiscono circa l’80 per cento della popolazione, violando ancora la facile classificazione.

Molte famiglie hanno precedentemente lasciato la zona per motivi economici, ritenendola una sorta di patria o di vecchio paese. In contrasto con altre aree rurali degli Stati Uniti che sono state in modo schiacciante filo-repubblicano nelle recenti elezioni, Mr. Biden deteneva la sede di Las Vegas della contea di San Miguel con il 68% dei voti.

Fino allo scoppio dell’incendio alla fine di aprile, una delle principali fonti di tensione a Las Vegas è stata la recente controversia relativa a una proposta mostra in un museo. Cavalieri dal risveglio ispanico del XIX secolo Chi ha preso di mira gli invasori terrestri anglosassoni dopo la conquista statunitense del New Mexico.

READ  Dow Jones Future Fall: risultati del rally del mercato azionario mentre Tesla cresce sempre

Da allora si sono sviluppate relazioni interetniche. Ma a differenza di altre parti degli Stati Uniti in cui gli ispanici sono considerati nuovi, gli anglosassoni cercano di preservare la loro cultura dal cambiamento della popolazione e i personaggi nel nord del New Mexico spesso si capovolgono.

“Abbiamo comprato la nostra terra nel 1993, ma siamo ancora considerati estranei rispetto ai nostri vicini”, ha detto Sonia Berg, 79 anni, un’insegnante in pensione del Texas la cui casa a Rosiada, che ospita diverse centinaia di persone, è stata distrutta. Fuoco.

La signora Berg, tuttavia, ha spiegato di capire perché alcune famiglie vivono nella zona da generazioni e che la loro terra è molto importante per suo marito, morto nel 2019, e che la sua tomba è una proprietà bruciata nel loro fuoco.

“Credo fermamente che ricostruiremo”, ha detto.

A causa del comportamento irregolare dell’incendio, non è chiaro quando gli sfollati potranno rientrare. L’ufficiale degli incendi del New Mexico Wendy Mason ha affermato, almeno nella memoria recente, che questa è la prima volta che si verificano contemporaneamente incendi così grandi nello stato. La signora Mason ha anche avvertito che nelle prossime settimane potrebbero verificarsi altri incendi.

“Di solito non ci aspettiamo molta umidità fino all’arrivo dei monsoni, e di solito non dura fino a luglio o agosto”, ha detto la signora Mason. Ha avvertito che anche se avesse piovuto in alcune parti dello stato durante il fine settimana, sarebbe stato accompagnato da fulmini e altre fiamme.

“Il nostro clima sta cambiando, rendendo la stagione degli incendi molto più lunga e più intensa”, ha detto la signora Mason.

Comunque il sig. Martinez, lo storico dello stato, ha sottolineato che tali sfide fanno parte della storia della regione. Mora fu bruciato sul rogo in un’invasione delle forze americane durante la guerra messicano-americana del 1847. Dopo quell’episodio, la community ha raccolto i pezzi e ha ricominciato.

“Questo non è il primo incendio che le nostre famiglie hanno avuto”, ha detto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply