L’inflazione di Twin Cities ha raggiunto il massimo storico dell’8,2% e i prezzi di cibo e gas sono aumentati

L’inflazione nella metropolitana di Twin Cities ha raggiunto un altro record il mese scorso, poiché i prezzi di carburante e cibo hanno continuato a salire.

L’indice dei prezzi al consumo per la regione delle 16 contee è balzato dell’8,2% nell’ultimo anno, secondo i dati federali pubblicati martedì. Questo è un po’ meno Tasso di inflazione nazionale dell’8,5%. Segnalato lo stesso giorno dal Bureau of Labor Statistics.

Si prevede che i prezzi continueranno a salire in una serie di materie prime, ma alcuni economisti ritengono che il tasso di inflazione dovrebbe diminuire nei prossimi mesi poiché i confronti annuali diventeranno meno drammatici.

Il Bureau of Labor Statistics segue Minneapolis-St. I prezzi dell’area Metro Paul sono bimestrali dal 2017 e il tasso di inflazione di marzo è stato il più alto registrato in quel breve periodo. L’inflazione nazionale è al suo tasso più alto da oltre 40 anni.

Dopo i guadagni azionari mattutini, l’ottimismo degli investitori sui nuovi dati della Fed ha vacillato con la chiusura dei mercati in ribasso martedì.

Il costo della produzione alimentare è aumentato a causa dell’aumento dei costi di trasporto, manodopera, materie prime e del conto Viene trasmesso ai consumatori.

“Questo è molto difficile per le famiglie che devono affrontare vincoli di budget ristretti e hanno poca flessibilità”, ha detto il governatore della Fed Lyle Brainard in un evento della Fed a Minneapolis la scorsa settimana. “Per le famiglie a basso reddito, dove più di tre quarti del loro reddito è occupato dalle necessità, quando il prezzo di quelle necessità aumenta, non c’è molto che possono fare per sostituire o mitigare”.

Per quanto riguarda i prezzi dei generi alimentari, gli acquirenti in Minnesota hanno visto aumenti di prezzo significativi, anche se meno bruschi rispetto allo stato nel suo insieme. Su base annua, i prezzi dei generi alimentari sono aumentati del 10,3% a livello nazionale e del 7,3% nella regione delle Twin Cities a marzo.

READ  Redbox viene inghiottito dalla zuppa di pollo per l'anima

Ma i prezzi di alcuni beni di consumo – come cereali, prodotti da forno e alcolici – sono aumentati più rapidamente della media nazionale.

“Queste sfide inflazionistiche attraversano la catena di approvvigionamento e arrivano al negozio di alimentari”, ha affermato Jimmy Pful, presidente della Minnesota Grocery Association. “Siamo molto sensibili a ciò che sta accadendo alla nostra catena di clienti e cerchiamo di trovare una catena di approvvigionamento più diretta quando c’è disponibilità”.

Pfuhl ha affermato che gli acquirenti dovrebbero controllare i loro negozi, attenersi a un elenco e monitorare le offerte in negozio per tenere sotto controllo le bollette della spesa.

“È anche importante assicurarsi di supportare ancora il tuo droghiere locale: vuoi che anche tu rimanga valido”, ha detto.

Anche i prezzi dei ristoranti regionali sono aumentati dell’8,8% il mese scorso, più dell’aumento nazionale del 7,1%.

La guerra in Ucraina dovrebbe continuare a esercitare pressioni sui prezzi dei generi alimentari. Entrambi i paesi sono i principali esportatori di grano, ma gli attacchi all’Ucraina e le sanzioni economiche alla Russia hanno contribuito a questo Colli di bottiglia e incertezza nel commercio mondiale. Anche l’aumento del costo del gas naturale, un componente importante dei fertilizzanti, sta facendo salire i prezzi dei generi alimentari.

L’aumento dei prezzi dell’energia è una delle principali cause di inflazione in tutte le categorie e una serie di fattori ha contribuito al perdurare dello shock vischioso alla pompa. Anche in questo caso, l’invasione russa dell’Ucraina ha sconvolto i mercati globali, facendo salire i prezzi del petrolio nell’ultimo mese.

Anche la rinnovata domanda di carburante con l’erosione delle restrizioni pandemiche sta superando l’offerta.

I prezzi del gas sono aumentati del 40% anno su anno nelle Twin Cities a marzo, rispetto a un aumento di quasi il 50% a livello nazionale.

READ  Giovedì i futures azionari sono piatti

Secondo GasBuddy, i prezzi del gas in Minnesota hanno raggiunto la media più alta dell’anno l’11 marzo a $ 3,96 al gallone. Da allora i prezzi sono diminuiti, con una media di $ 3,83 per gallone martedì.

La US Energy Information Administration prevede che i prezzi del gas diminuiranno gradualmente quest’estate, ma rimarranno al tasso nazionale più alto dal 2014.

“L’incertezza sugli approvvigionamenti energetici è causata dal conflitto in Ucraina, dalle decisioni di produzione dell’OPEC+ e Tasso di petrolio e gas naturale degli Stati Uniti L’agenzia ha dichiarato nelle sue prospettive energetiche a breve termine pubblicate martedì che i produttori stanno aumentando le perforazioni. “Stimiamo che la famiglia americana media spenderà circa $ 2.945 per la benzina nel 2022, che è, in termini reali, $ 455 (18%) in più rispetto al 2021”.

L’agenzia ha affermato che la produzione nazionale di petrolio si avvicinerà ai livelli pre-pandemia quest’anno e potrebbe raggiungere un record di 13 milioni di barili al giorno nel 2023, il che potrebbe portare a un calo dei prezzi del gas.

La prossima serie di dati sulla regione di Twin Cities sarà pubblicata a giugno.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply