L’S&P 500 si prepara al mercato ribassista quando i futures su azioni scendono

L’S&P 500 era sulla buona strada per aprirsi al territorio del mercato ribassista, mentre le azioni globali sono crollate e i rendimenti obbligazionari sono aumentati mentre i timori di inflazione scuotevano gli investitori di tutto il mondo.

Lunedì i futures S&P 500 sono scesi del 2,2%. Un calo di oltre l’1,3% alla chiusura delle contrattazioni di lunedì spingerebbe l’indice nel territorio del mercato ribassista, definito come una perdita del 20% dal suo recente massimo. Il Nasdaq 100 incentrato sulla tecnologia, entrato nel territorio del mercato ribassista a marzo, è sceso del 2,8%. I futures Dow Jones Industrial Average sono scesi del 2%.

I mercati hanno oscillato quest’anno poiché gli investitori hanno valutato i rischi Alti tassi di inflazione I piani dei banchieri centrali Slegare le politiche di stimolo che ha mantenuto le economie – e i mercati – a galla durante la pandemia. Quest’ultima ondata di volatilità è arrivata dopo che i dati di venerdì hanno mostrato che i prezzi al consumo statunitensi sono aumentati dell’8,6% su base annua a maggio, l’aumento più rapido dal 1981. Il rapporto ha costretto molti a rivedere le aspettative per un aumento dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve.

Susanna Streeter, Chief Investment and Market Analyst presso

Hargreaves Lansdowne.

“La preoccupazione è che l’inflazione stia diventando troppo calda per essere gestita dalle banche centrali e dovranno dare alle economie una dose di acqua fredda sotto forma di politiche più severe”.

La Federal Reserve inizierà la sua ultima riunione politica di due giorni martedì e la maggior parte degli investitori ritiene che la banca centrale annuncerà mercoledì che aumenterà il tasso di interesse di riferimento di mezzo punto percentuale. Ma le aspettative che la Fed dovrà agire in modo più aggressivo quest’anno sono aumentate dal rapporto sull’inflazione di venerdì.

READ  I mercati azionari stanno crollando mentre gli investitori reagiscono all'aumento dell'inflazione

Lunedì, le scommesse sui futures hanno mostrato che i trader hanno fissato una probabilità di circa il 78% che la Federal Reserve aumenti i tassi di interesse di 2,5 punti percentuali entro la fine dell’anno, secondo CME Group. Ciò equivarrebbe a un aumento della metà percentuale a ogni riunione della Federal Reserve di quest’anno.

Venerdì, i trader hanno messo le probabilità al 50%, secondo CME Group.

Lunedì i titoli tecnologici statunitensi, che sono aumentati durante la pandemia, erano sulla buona strada per grandi cali.

mela

Mentre le azioni sono scese del 2,8% nel trading pre-mercato, mentre

Amazon.com

Le azioni hanno perso il 3,4%. produttore di chip

nvidia

ha perso il 4,3% nel trading pre-mercato e

Tesla

È diminuito del 2,7%.

tessere identificativeE il

La casa madre di Facebook ha perso il 3%.

“Questo è quello che chiami un mercato ribassista dove c’è paura e spinge le persone fuori dal mercato e fa sì che le persone svuotino i loro portafogli e si arrendano”, ha affermato Todd Morgan, presidente di Bel Air Investment Advisors a Los Angeles.

Tuttavia, Morgan ha affermato che gli sviluppi nei prossimi mesi o due potrebbero aiutare ad allentare le pressioni inflazionistiche, come la minore domanda di benzina dopo l’estate e la domanda di abitazioni fiacca a causa dei tassi ipotecari più elevati.

“Anche l’apertura della Cina è un grosso problema”, ha affermato, poiché ciò dovrebbe aiutare ad allentare i vincoli della catena di approvvigionamento. I dati della scorsa settimana hanno mostrato le esportazioni cinesi nel resto del mondo rosa a maggio Con l’allentamento delle restrizioni Covid-19, che si aggiungono ai segni di ripresa economica lì.

Dove è più colpita l’inflazione dei bilanci delle famiglie statunitensi? John Hilsenrath del Wall Street Journal rintraccia le radici dell’aumento dei prezzi per capire perché alcuni settori stanno aumentando più di altri. Didascalia foto: Laura Kammermann / WSJ

Le aspettative per tassi più elevati erano evidenti nel mercato obbligazionario poiché i rendimenti hanno continuato a salire dopo aver raggiunto il livello più alto da novembre 2018. Il rendimento del Tesoro USA a 10 anni di riferimento è salito al 3,238% da 3.156% il venerdì. I rendimenti obbligazionari aumentano quando i prezzi scendono.

Lunedì le criptovalute sono scese ulteriormente dopo che sono iniziate le preoccupazioni sui tassi di interesse… Saldi del fine settimana. Secondo CoinDesk, Bitcoin, la più grande criptovaluta, veniva scambiata a circa $ 23.900, un calo di quasi il 13% rispetto alle 24 ore precedenti. Ethereum è in calo del 15,9% rispetto alle 24 ore precedenti a 1.228$.

I mercati azionari d’oltremare sono stati sconvolti dai timori di un inasprimento della politica statunitense e di un possibile rallentamento della crescita nella più grande economia mondiale. L’indice Stoxx Europe 600 Continental è sceso del 2,1% mentre l’indice FTSE 100 del Regno Unito è sceso dell’1,9%.

Le piattaforme di consegna sono state tra le maggiori perdite nella sessione di trading europea. con sede a Londra

Deliveroo

È diminuito del 13%, mentre la Germania

Campione delle consegne

è scivolato del 5,6%.

“La loro attività si basa sulla fiducia e sull’appetito dei consumatori”, ha affermato la signora Streeter di Hargreaves Lansdown. “Se le persone si arrabbiano, andranno al supermercato invece di farsi consegnare il cibo”.

Gli indici azionari in Asia sono scesi, con gli indici azionari di Hong Kong, l’indice Nikkei 225 del Giappone e il composito Kospi della Corea del Sud in calo di circa il 3% o più. In Cina, il principale indice CSI 300 ha perso circa l’1,2%.

Nei mercati valutari, il dollaro è salito contro un gruppo dei suoi omologhi con l’indice del dollaro ICE che è salito dello 0,6% a 104,73. Di solito i tassi di interesse più elevati negli Stati Uniti aumentano il valore del dollaro.

La possibilità di un più ampio differenziale dei tassi di interesse tra Stati Uniti e Giappone ha ulteriormente indebolito lo yen lunedì. La valuta giapponese è scesa a un nuovo minimo pluridecennale, scivolando oltre 135 contro il dollaro per scambiare al suo punto più debole dal 1998.

Uno yen debole di solito aumenta i guadagni per gli esportatori giapponesi, ma lunedì le azioni degli esportatori, comprese le società di elettronica e macchinari, sono scese a causa dei timori che un aumento del tasso della Federal Reserve possa calmare l’economia globale.

Toyota Motor Corporation.

Le azioni hanno chiuso in ribasso del 3,3% a Tokyo, mentre

società del gruppo Sony.

È sceso del 4,9%.

“La preoccupazione è così grande che qualsiasi aspettativa di benefici da uno yen debole è svanita”, ha affermato Masahiro Ichikawa, stratega di Sumitomo Mitsui DS Asset Management.

Gli indici azionari asiatici sono scesi lunedì, con l’indice giapponese Nikkei 225, il sudcoreano Kospi Composite e l’Hang Seng di Hong Kong che hanno perso il 2,9% o più.


immagine:

Eugene Hoshiko/Associated Press

Al momento è disponibile un file

Banca del Giappone

Sta cercando di mantenere bassi i tassi di interesse, il che aumenta la pressione al ribasso sullo yen. Lunedì la Banca del Giappone ha effettuato il più grande acquisto giornaliero a tasso fisso di titoli di stato giapponesi da luglio 2018 per mantenere il rendimento di riferimento a 10 anni pari o inferiore al tetto dello 0,25% della banca.

Quentin Webb e Megumi Fujikawa hanno contribuito a questo articolo.

Scrivi a Chelsey Dulaney a chelsey.dulaney@wsj.com e Dave Sebastian a dave.sebastian@wsj.com

Copyright © 2022 Dow Jones & Company, Inc. tutti i diritti sono salvi. 87990cbe856818d5eddac44c7b1cdeb8

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply