L’uragano Fiona si è intensificato in una tempesta di categoria 4, dirigendosi verso le Bermuda dopo aver colpito Porto Rico e altre isole dei Caraibi

L’uragano Fiona si è intensificato in una tempesta di categoria 4 mercoledì dopo averlo colpito Portoricopoi pelle Repubblica Dominicana e il Isole Turks e Caicos. Avrebbe dovuto colpire le Bermuda alla fine di questa settimana.

Centro nazionale per gli uragani degli Stati Uniti Egli ha detto Fiona ha avuto venti massimi sostenuti di 130 mph mercoledì pomeriggio e ha avuto il suo epicentro a 650 miglia a sud-ovest delle Bermuda, viaggiando verso nord a 8 mph.

È probabile che si avvicini alle Bermuda alla fine di giovedì e poi alle province atlantiche del Canada alla fine di venerdì. Lo ha emesso il Dipartimento di Stato americano Consulente Martedì sera ho chiesto ai cittadini statunitensi di “riconsiderare il viaggio” alle Bermuda.

La tempesta è stata accusata di aver causato direttamente almeno quattro morti durante la sua marcia attraverso i Caraibi, poiché i forti venti e la pioggia a Porto Rico hanno lasciato la maggior parte delle persone sul suolo statunitense senza elettricità o acqua corrente. Centinaia di migliaia di persone hanno raschiato il fango dalle loro case sulla scia di quelle che le autorità hanno chiamato inondazioni “storiche”.

L'uragano Fiona è visto in un'immagine satellitare alle 9:30 ET il 21 settembre 2022.
L’uragano Fiona è visto in un’immagine satellitare alle 9:30 ET il 21 settembre 2022.

NOAA


I funzionari della compagnia elettrica inizialmente hanno detto che ci sarebbero voluti alcuni giorni per ripristinare completamente l’elettricità, ma sembrava che si stessero ritirando nella tarda notte di martedì. A partire da mercoledì pomeriggio, tre giorni dopo l’arrivo di Fiona sull’isola, quasi il 70% dei clienti era senza elettricità, secondo i dati del governo.

“L’uragano Fiona ha gravemente danneggiato le infrastrutture elettriche e gli impianti di generazione in tutta l’isola. Vogliamo chiarire che gli sforzi per ripristinare e rivitalizzare l’energia sono in corso e sono colpiti da gravi inondazioni, strade impraticabili, alberi caduti, deterioramento delle apparecchiature e linee difettose, ha affermato Lama, la società che gestisce la trasmissione e la distribuzione dell’energia.

“Spero ancora che gran parte della popolazione abbia accesso a questi servizi entro la fine della giornata”, ha affermato il governatore portoricano Pedro Pierluisi.

Pierluisi cinguettare Mercoledì pomeriggio, il governo federale ha approvato una richiesta di dichiarare un grave disastro in risposta a Fiona. Mercoledì scorso, l’Agenzia federale per la gestione delle emergenze (FEMA) Egli ha detto La domanda era ancora in fase di revisione. Il presidente Biden domenica ha approvato una dichiarazione di emergenza per uragani.

Il decano Cresswell, presidente della FEMA, si è recato a Porto Rico martedì dove l’agenzia ha annunciato che avrebbe inviato centinaia di personale aggiuntivo per rafforzare gli sforzi di risposta locale.

Nel frattempo, anche il Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti ha dichiarato un’emergenza sanitaria pubblica sull’isola e ha schierato due squadre sull’isola.

La tempesta ha ucciso un uomo nel territorio francese d’oltremare della Guadalupa, un altro uomo a Porto Rico che è stato travolto da un fiume in piena e due persone nella Repubblica Dominicana: una uccisa dalla caduta di un albero e l’altra dalla caduta di un palo elettrico.

Altri due decessi sono stati segnalati a Porto Rico a causa di interruzioni di corrente: un uomo di 70 anni è stato bruciato a morte dopo aver tentato di riempire il suo generatore di benzina mentre era in funzione e un uomo di 78 anni, polizia diciamo, inalato una sostanza tossica. I gas emessi dal suo generatore.

Il ronzio dei generatori poteva essere sentito in tutta l’area mentre le persone si arrabbiavano sempre più. Alcuni stavano ancora cercando di riprendersi dall’uragano Maria, che cinque anni fa è atterrato come tempesta di categoria 4, causando la morte Stima a 2.975 persone.


Perché la rete elettrica di Porto Rico continua a non funzionare?

02:04

Luis Nogueira, che ha aiutato a ripulire una frana nella città montana centrale di Cayes, ha detto che Maria lo ha lasciato senza elettricità per un anno. Non è stato fino a 11 mesi dopo l’infortunio di Maria che gli stessi funzionari hanno annunciato una piena ripresa del servizio.

“Abbiamo pagato di tasca nostra un elettricista per guidarci”, ricorda, aggiungendo che non pensa che il governo fornirà di nuovo molto aiuto dopo Fiona.

Sono state segnalate lunghe code in molte stazioni di servizio in tutto il Porto Rico e alcune si sono ritirate dall’autostrada principale per raccogliere l’acqua da un ruscello.

“Pensavamo di aver avuto una brutta esperienza con Maria, ma questo è stato peggio”, ha detto Gerardo Rodriguez, che vive nella città costiera meridionale di Salinas.

Parti dell’isola hanno visto più di 25 pollici di pioggia e più pioggia martedì.


L’uragano Fiona ha colpito Porto Rico, lasciando la maggior parte dell’isola senza elettricità o acqua potabile

05:07

Entro la fine di martedì, le autorità hanno affermato di aver ripristinato l’elettricità a quasi 380.000 degli 1,47 milioni di clienti dell’isola. Il servizio idrico di rete è stato inizialmente interrotto per la maggior parte degli utenti dell’isola a causa della mancanza di elettricità e di acqua torbida negli impianti di filtrazione, ma il 55% di essi era operativo mercoledì mattina.

Mercoledì, il servizio meteorologico nazionale di San Juan ha emesso un avviso di calore per diverse città perché la maggior parte dei 3,2 milioni di residenti dell’isola rimane senza elettricità.

L'uragano Fiona colpisce Porto Rico e spazza via l'elettricità in tutta l'isola
I lavoratori rimuovono gli alberi caduti a Cabo Rojo, Porto Rico, il 20 settembre 2022. L’isola è stata colpita da diffuse interruzioni di corrente dopo che l’uragano Fiona l’ha colpita duramente.

José Gimenez/Getty Images


Il leader della maggioranza al Senato degli Stati Uniti Chuck Schumer ha dichiarato martedì che pagherà il governo federale per coprire il 100% dei costi di risposta al disastro – invece del solito 75% – come parte di una dichiarazione di emergenza.

“Dobbiamo assicurarci che questa volta Porto Rico abbia assolutamente tutto ciò di cui ha bisogno, al più presto, per tutto il tempo necessario”, ha detto.

Non molti americani hanno sentito parlare di familiari che non hanno l’elettricità.

“Non ho potuto parlare con mia madre e vedere come sta”, ha detto a CBS News Nancy Valentine della contea di Palm Beach, in Florida.

All’aeroporto Logan di Boston, gli espatriati portoricani hanno raccontato la loro paura di annegare nelle acque alluvionali di Fiona.

“Siamo stati in una stanza in un piccolo angolo sicuro, tutta la notte senza luce o niente”, ha detto Yolanda Rivera a CBS News. “Era molto buio”.

Nelle isole Turks e Caicos, i funzionari hanno riportato danni minimi e nessun decesso nonostante l’occhio del ciclone sia passato vicino a Grand Turk, la capitale dell’isola del piccolo territorio britannico, martedì mattina.

Il governo ha imposto il coprifuoco e ha esortato le persone a fuggire dalle aree soggette a inondazioni.

“Le isole Turks e Caicos hanno vissuto un’esperienza straordinaria nelle ultime 24 ore”, ha affermato il vice governatore Anya Williams. “È sicuramente arrivato con la sua parte di sfide”.

READ  Secondo quanto riferito, il re Carlo ha detto che il principe Harry e Meghan Markle non erano i benvenuti a Balmoral

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply